Barchino si ribalta con 70 migranti a bordo, bimba dispersa – Sicilia – ANSA.it

Barchino si ribalta con 70 migranti a bordo, bimba dispersa – Sicilia – ANSA.it
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot

L’allarme lanciato dai genitori salvati vicino all’isola di Lampedusa

Un barchino di sei metri si è ribaltato vicino all’isolotto di Lampione, mentre si avvicinava la motovedetta G 128 della Guardia di Finanza di Lampedusa che si apprestava a effettuare un nuovo soccorso.

Settanta migranti, finiti in acqua, sono stati messi in salvo dai soccorritori.

Una coppia, una volta sull’unità di soccorso, ha riferito che la figlia, di poche settimane, che viaggiava con loro, era scomparsa fra le acque. Sono in corso le ricerche. Il natante, partito da Sfax, in Tunisia, è affondato. Il barchino, con a bordo 72 persone, si sarebbe ribaltato perché, alla vista dell’unità di soccorso delle Fiamme Gialle, tutti i migranti si sarebbero spostati su un lato. In mare, nei pressi di Lampione, sono finiti 39 uomini, 25 donne e 8 minori originari di Sierra Leone, Guinea, Nigeria, Ghana e Mali. Tutti sono stati recuperati e issati a bordo della motovedetta della Guardia di Finanza. Sarebbe dispersa invece una neonata di appena due settimane. E’ allarme, e corsa contro il tempo, nelle acque antistanti a Lampedusa dove tutte le motovedette disponibili si stanno occupando di scandagliare il tratto di mare dove il barchino di 6 metri è colato a picco.

Sindaco di Lampedusa, è strage degli innocenti  – “E’ la strage degli innocenti. Un’ennesima tragedia annunciata mentre l’Europa rimane immobile. Adesso basta, non è possibile assistere inermi a tutto questo. Sono bambini, neonati, non è possibile”. Lo ha detto, incredulo e sotto choc, il sindaco di Lampedusa Filippo Mannino. Appena ieri, subito dopo l’incendio sul barchino che ha ucciso due piccoli di 10 mesi e 1 anno, il primo cittadino, che governa Lampedusa e Linosa da 100 giorni, aveva chiesto al presidente della Commissione europea di andare nell’isola per assistere con i propri occhi a tutto quello che succede. Poco più di 24 ore dopo, l’ennesimo dramma. “Basta, lo ripeto, basta – ha aggiunto Mannino -. Sono dei bambini, degli innocenti. Piccolissimi che devono essere aiutati e non fatti morire nel Mediterraneo”.

Prete Lampedusa, siamo arrabbiati e disarmati  – “Nessuno dovrebbe assistere o vedere cose del genere. Siamo disarmarti, delusi, tristi, arrabbiati. Sentimenti che non si riescono neanche a decifrare, c’è tanta amarezza. Come ci si può abituare a tragedie di questo genere? Viene voglia di spaccare tutto”. L’ha detto don Carmelo Rizzo, parroco di Lampedusa da un anno e un mese, commentando la tragedia dei due piccini morti carbonizzati ieri mattina e della neonata dispersa oggi davanti all’isolotto di Lampione. “L’attenzione del mondo è, al momento, concentrata sulla situazione politica. Ma come si fa ad assistere inermi alla strage degli innocenti? Una cosa è sentirle in tv o leggerle queste notizie, magari si prova un po’ di compassione, di tenerezza, ma poi tutto passa; un’altra cosa è invece viverle queste situazioni – ha aggiunto il sacerdote – . Ieri, quando i militari della Guardia costiera, rodati soccorritori, mi hanno detto dei piccini morti carbonizzati avevano le lacrime agli occhi. Durante la messa ho chiesto ai lampedusani di pregare per i piccoli di 10 mesi e 1 anno e, in tanti, piangevano. Qua non ci si abitua mai, non è possibile farlo, a queste tragedie”.

In 232 giunti a Lampedusa su due barche, 963 all’hotspot – Sono 232 i migranti che con due diversi barconi sono giunti a Lampedusa dove gli approdi di oggi salgono a 5, per un totale di 383 persone. All’hotspot, da dove stamattina sono stati trasferiti 414 ospiti, ci sono al momento 963 persone a fronte di una capienza di 350 posti. Nel penultimo barcone soccorso, dopo la tragedia che si è registrata davanti all’isolotto di Lampione, c’erano 123 bengalesi, sudanesi, egiziani e pakistani. La lancia libica di 10 metri sulla quale viaggiavano, soccorsa dalla V821 della Guardia di Finanza, sarebbe salpata da Zawia. Nella quinta carretta del mare, partita dallo stessa spiaggia libica e soccorsa dalla motovedetta Cp 319 della Guardia Costiera, c’erano 109 uomini in fuga da Bangladesh, Sudan, Egitto, Pakistan, Siria e Gambia.

Sorgente: Barchino si ribalta con 70 migranti a bordo, bimba dispersa – Sicilia – ANSA.it

Spread the love
seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot

Luna Rossa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: