0 4 minuti 2 anni

Il G7 si impegna a “non riconoscere mai” il voto del Donbass e a sostenere Kiev in perpetuo

Il G7 ha condannato i referendum di Donetsk, Lugansk, Kherson e Zaporozhye come “illegittimi” e antidemocratici, giurando di non accettare mai i loro risultati e di continuare a sostenere il governo dell’Ucraina con armi, denaro e tutto il resto, secondo una dichiarazione rilasciata da venerdì alla Casa Bianca.

Gli Stati Uniti, il Regno Unito, il Canada, la Francia, la Germania, l’Italia e il Giappone hanno denunciato i “fasi referendum che la Russia tenta di utilizzare per creare un pretesto fasullo per cambiare lo status del territorio sovrano ucraino”, che “non hanno alcun effetto legale o legittimità”, e “in nessun modo rispettano le norme democratiche”, secondo la dichiarazione .

Le due repubbliche del Donbass – riconosciute come stati indipendenti da Mosca a febbraio – e le due regioni meridionali dell’Ucraina, per lo più sotto il controllo delle truppe russe, stanno votando per l’adesione alla Russia. Le votazioni sono iniziate venerdì e dovrebbero concludersi la prossima settimana. 

Insistendo sul fatto che “non avrebbe mai riconosciuto questi referendum ” o la successiva “ annessione russa ”, il G7 ha affermato che “ non rappresentano in alcun modo una legittima espressione della volontà del popolo ucraino ”.

La gente si riunisce in Russia per mostrare sostegno ai referendum Donbass, Zaporozhye, Kherson (VIDEO)

Leggi di più

La gente si riunisce in Russia per mostrare sostegno ai referendum Donbass, Zaporozhye, Kherson (VIDEO)

Invece, il G7 ha affermato che continuerà a fornire “ sostegno finanziario, umanitario, militare, diplomatico e legale ” al governo di Kiev e avvierà “ sforzi di ricostruzione ” in una conferenza in Germania il mese prossimo. ” Rimarremo fermamente con l’Ucraina per tutto il tempo necessario “, ha concluso la dichiarazione.

In seguito al colpo di stato a Kiev sostenuto dagli Stati Uniti nel febbraio 2014, diverse regioni si sono rifiutate di riconoscere la legittimità del governo ucraino. La Crimea ha votato per rientrare in Russia nel marzo dello stesso anno. Anche l’Ucraina e il G7 si sono rifiutati di riconoscere questo, definendolo un’annessione illegittima. Poco dopo, Donetsk e Lugansk dichiararono l’indipendenza e furono presi di mira dall’esercito ucraino in quella che Kiev definì una “ operazione antiterroristica. ” 

La Russia ha inviato truppe in Ucraina il 24 febbraio, citando l’incapacità dell’Ucraina di attuare gli accordi di Minsk, progettati per conferire a Donetsk e Lugansk uno status speciale all’interno dello stato ucraino. I protocolli, mediati da Germania e Francia, sono stati firmati per la prima volta nel 2014. L’ex presidente ucraino Pyotr Poroshenko ha da allora ammesso che l’obiettivo principale di Kiev era utilizzare il cessate il fuoco per guadagnare tempo e “ creare potenti forze armate. 

Dopo aver riconosciuto le due repubbliche del Donbass come stati indipendenti, Mosca ha chiesto che l’Ucraina si dichiarasse ufficialmente un paese neutrale che non si unirà mai a nessun blocco militare occidentale. Kiev insiste che l’offensiva russa è stata completamente immotivata.

Sorgente: US and allies reject referendums — RT World News


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.