0 1 minuto 2 anni

Alberto Negri

La Cina e l’India hanno aumentato le importazioni di petrolio dalla Russia. A maggio Pechino ha importato ogni giorno 800mila barili di greggio russo via mare, il 40% in più rispetto a gennaio, a cui va aggiunto quello che arriva attraverso l’oleodotto.

Il petrolio degli Urali, finora venduto soprattutto in Europa, costa 30 dollari in meno rispetto al Brent.

Da gennaio a maggio il petrolio russo importato dall’India è passato da zero a 700mila barili al giorno.

Il resto sono chiacchiere europee e americane.


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.