L’egemonia nucleare russa | foreignaffairs.com

L’egemonia nucleare russa | foreignaffairs.com

8 Giugno 2022 0 Di ken sharo
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot

Alexander Natruskin / Reuters

L’invasione dell’Ucraina ha spinto il mondo in una crisi energetica. Da quando le truppe russe hanno iniziato a riversarsi oltre i confini del paese, i prezzi del petrolio sono aumentati di oltre un quarto. I prezzi del gas sono quasi raddoppiati. E le prospettive per entrambi i mercati non sono promettenti; Poiché i paesi occidentali usano le sanzioni per limitare la capacità della Russia di finanziare la sua guerra con le entrate del petrolio e del gas, è probabile che i prezzi dell’energia rimarranno alti e volatili. L’incertezza in tempo di guerra si combina con le preoccupazioni per il cambiamento climatico, suscitando ulteriore ansia per il futuro energetico del mondo. I paesi dovevano iniziare ad abbandonare i combustibili fossili decenni fa per proteggere il pianeta. Ora, devono farlo in un momento in cui le persone pagano prezzi sempre più alti.

Mentre gli stati cercano di ridurre gli elevati costi energetici e di districarsi dalla Russia, mentre combattono il cambiamento climatico, molti hanno espresso un rinnovato interesse per l’energia nucleare. È facile capire perché . L’energia nucleare è già una delle maggiori fonti mondiali di energia priva di emissioni di carbonio, responsabile del 25% dell’elettricità dell’Unione europea. A differenza della maggior parte delle energie rinnovabili, come quella solare ed eolica, l’energia nucleare può produrre in modo affidabile grandi quantità di elettricità ogni ora dell’anno. E ha già aiutato l’Europa ad allontanarsi dai combustibili fossili estratti in altre parti del mondo, compreso il gas naturale dalla Russia.

Ma a breve termine, la crescente dipendenza dell’Europa dall’energia nucleare non libererà il continente dal combustibile russo. Proprio come l’Europa è diventata dipendente dal petrolio e dal gas russi, così anche gran parte del mondo è diventata dipendente dalla Russia per i materiali necessari per produrre l’energia nucleare. La Russia ha quasi la metà della capacità globale di arricchire l’uranio per il combustibile nucleare e il 40 per cento dell’energia nucleare prodotta in Europa dipende dall’uranio proveniente dalla Russia o dal Kazakistan e dall’Uzbekistan, entrambi stretti alleati del Cremlino. Circa la metà di tutte le centrali nucleari statunitensi, circa il 10 per cento della produzione totale di elettricità degli Stati Uniti, sono alimentate dalle importazioni da quei tre paesi (un fatto che potrebbe spiegare perché l’industria nucleare statunitense ha fatto pressioni per escludere l’uranio dalle sanzioni sulle importazioni di energia russe.Il suo concorrente più vicino è la Cina, un’altra autocrazia. Gli Stati che hanno contratti con la Cina o la Russia potrebbero passare decenni a dipendere da loro per il combustibile nucleare e i servizi.

Per porre fine al dominio della Russia sul settore nucleare (e impedire alla Cina di prendere il suo posto), i paesi democratici devono impegnarsi seriamente a sostenere le loro industrie nucleari nazionali, soprattutto quando nuove tecnologie innovative entrano nel mercato. Devono attuare politiche che creino domanda di energia nucleare come parte delle loro agende climatiche più ampie e devono investire nella creazione di impianti di produzione nucleare in grado di fornire in modo affidabile un mercato globale in crescita. Farlo è fondamentale sia per combattere il cambiamento climatico che per ridurre il potere globale dei regimi autoritari.

Sorgente: L’egemonia nucleare russa | Affari Esteri

seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot