Il Giappone alza la posta sulla questione di Taiwan, l’espansione della NATO desta preoccupazione in Asia-Pacifico – Global Times

Il Giappone alza la posta sulla questione di Taiwan, l’espansione della NATO desta preoccupazione in Asia-Pacifico – Global Times

7 Giugno 2022 0 Di ken sharo

Il Giappone alza la posta sulla questione di Taiwan, l’espansione della NATO desta preoccupazione in Asia-Pacifico

Pubblicato: 06 giugno 2022 20:57

   

Il primo ministro giapponese Shinzo Abe Foto: IC

L’ex primo ministro giapponese Shinzo Abe Foto: IC

Il Giappone ha continuato a percorrere una strada pericolosa poiché un ex primo ministro giapponese ha recentemente esortato gli alleati a “costringere la Cina a rinunciare a conquistare l’isola di Taiwan” e il suo attuale primo ministro si sta preparando a partecipare al vertice della NATO nel mezzo della crisi Russia-Ucraina più tardi questo mese, una mossa che si ritiene possa aiutare l’espansione della NATO nella regione Asia-Pacifico. Gli esperti hanno avvertito che, poiché Tokyo gioca costantemente con il fuoco sulla questione di Taiwan, quelle tattiche sconsiderate potrebbero portare a gravi conseguenze oltre a danneggiare le relazioni Cina-Giappone, intensificare lo scontro e causare instabilità nella regione, e i paesi asiatici dovrebbero rimanere vigili sul rilancio del militarismo da parte del Giappone.

Shinzo Abe, l’ex primo ministro del Giappone, ha affermato in un forum domenica che il Giappone, gli Stati Uniti e altri alleati “devono creare una situazione che costringa” la Cina continentale a “rinunciare a conquistare” l’isola di Taiwan “con la forza”. e le relazioni Giappone-USA, Giappone-USA-Taiwan o Quad dovrebbero essere rafforzate, ha affermato Abe nei resoconti dei media lunedì. 

Non era la prima volta che Abe si provocava per la questione di Taiwan, e in precedenza aveva affermato che “qualsiasi emergenza su Taiwan significherebbe un’emergenza per Tokyo”. L’ultima osservazione è arrivata quando il primo ministro giapponese Kishida Fumio si sta preparando a partecipare al vertice della NATO alla fine di questo mese, che sarà anche il primo leader giapponese a partecipare alla riunione dell’alleanza militare. 

Kishida spera di spiegare ai membri della NATO che il Giappone manterrà il passo sulla situazione ucraina e che i tentativi unilaterali di cambiare lo status quo con la forza non devono essere tollerati in nessuna parte del mondo, tenendo conto della Cina e della Corea del Nord, ha riferito sabato la NHK . 

La partecipazione del primo ministro giapponese alla riunione della NATO è ampiamente vista come un passo per rafforzare l’alleanza USA-Giappone, dato che il Giappone è strategicamente importante per gli Stati Uniti nella sua strategia indo-pacifica e alcuni esperti hanno affermato che ha anche mostrato che il Giappone potrebbe avere dubbi su se gli Stati Uniti interverrebbero, ad esempio, in un conflitto tra Giappone e Cina sull’isola di Diaoyu, quindi il Giappone ha bisogno di una forte partnership con altre alleanze come la NATO. 

Il Giappone cerca di acquisire più “monete di contrattazione” non solo sulla diplomazia ma anche sulla difesa per contenere la Cina o la Russia. Con gli Stati Uniti-Giappone-Corea del Sud, AUKUS e il Quad, si è attivamente impegnata in diversi meccanismi di sicurezza multilaterali e vede il “fascino” della difesa collettiva attraverso la crisi Russia-Ucraina, Da Zhigang, direttore dell’Istituto per il nordest asiatico Gli studi presso l’Accademia provinciale delle scienze sociali di Heilongjiang, hanno riferito lunedì al Global Times. 

“Se il Giappone fa affidamento su un solo paese per contrastare la Cina o la Russia, sarebbe difficile farlo. Quindi deve cercare maggiori vantaggi introducendo forze NATO ed europee nell’Indo-Pacifico e nell’Asia orientale”, ha affermato Da. 

Gravi conseguenze

Mentre gli Stati Uniti intensificano gli sforzi per contenere l’ascesa della Cina, il Giappone ha attivamente assunto il ruolo di servire la strategia indo-pacifica di Washington e di contrastare Pechino, e ritiene anche che la crisi ucraina dia a Pechino l’opportunità di essere più assertiva nell’Asia-Pacifico regione compresa sulla questione di Taiwan. Ha anche pianificato di aumentare il suo budget per la difesa al 2% del suo PIL entro cinque anni. 

La spesa per la difesa del Giappone potrebbe rivelarsi un deterrente chiave per le ambizioni regionali della Cina, ha affermato Kevin Maher, l’ex direttore dell’ufficio giapponese presso il Dipartimento di Stato, in un rapporto di Fox News. L’ex funzionario Usa ha anche osservato che se ci fosse un conflitto tra Cina e Giappone, “i contributi giapponesi insieme agli Stati Uniti sono molto significativi”. 

Considerando la politica di “sostanziale aumento della spesa per la difesa” annunciata da Kishida al vertice Giappone-USA di maggio, il governo giapponese ha anche iniziato a considerare l’espansione delle proprie scorte accelerando l’acquisizione di missili e munizioni operati dalle Forze di autodifesa, secondo ai resoconti dei media giapponesi di domenica. Si rifletterà nello sviluppo delle capacità di difesa a medio termine che sarà formulato alla fine di quest’anno e tale espansione mira a rafforzare le capacità di difesa sulla situazione dello Stretto di Taiwan, hanno affermato i media. 

Gli Stati Uniti e altri paesi occidentali non considerano le misure del Giappone per rafforzare la capacità di difesa, compreso un aumento della spesa militare, un segnale di rilancio del militarismo, molti paesi regionali che sono stati invasi dal Giappone, inclusa la Cina, sono sospettati della motivazione del Giappone, ha osservato Da . 

Il Giappone sta usando la crisi ucraina come scusa per giustificare l’aumento della spesa militare, schivando così il controllo e le critiche della comunità internazionale, rendendo più difficile per il mondo esterno costruire un fronte unito per resistere alla rinascita del militarismo giapponese, ha affermato. 

Alcuni esperti hanno anche avvertito che tale aggressione di provocare gli interessi fondamentali della Cina e aiutare l’espansione della NATO in Asia porterebbe a gravi conseguenze che non solo danneggerebbero i legami Cina-Giappone, ma creeranno anche nuove turbolenze nella regione. 

Zheng Yongnian, professore all’Università cinese di Hong Kong, Shenzhen, e presidente dell’Institute for International Affairs, Qianhai, ha anche avvertito in un’intervista al Global Times a maggio che gli Stati Uniti vogliono creare una NATO asiatica, attraverso alleanze bilaterali , l’accordo trilaterale AUKUS, il Quad e l’alleanza Five Eyes, tutti rivolti alla Cina.

Se nascerà una NATO asiatica, non ci sarà mai la pace in Asia. Zheng ha detto, notare come i paesi asiatici costruiscano una comunità asiatica con un futuro condiviso è molto importante.

Crocevia cruciale

Il 2022 segna il 50° anniversario delle relazioni diplomatiche tra Cina e Giappone. L’ambasciatore cinese in Giappone Kong Xuanyou ha affermato di recente che le relazioni tra Cina e Giappone sono a un crocevia cruciale, poiché il Giappone, in un’apparente collaborazione con gli Stati Uniti, considera sempre più la Cina una minaccia strategica. 

Sorgente: Il Giappone alza la posta sulla questione di Taiwan, l’espansione della NATO desta preoccupazione in Asia-Pacifico – Global Times