Nakba Day: come la Gran Bretagna premia “Israele” per i suoi crimini di guerra – Quds News Network

15 Maggio 2022 0 Di ken sharo
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot

I

Il 15 maggio, il popolo palestinese ha segnato la Nakba, o catastrofe, quando più di due terzi della popolazione nel 1947-48 sono stati sfollati con la forza dalle nostre case e dalle nostre terre per far posto a un Israele a maggioranza ebraica.

Questa pulizia etnica, per quello che era, rimane irrisolta oggi 74 anni dopo. E rimane la chiave per qualsiasi soluzione della situazione Palestina-Israele.

Ma non solo non è indirizzato: è in corso. Due esempi:

All’inizio di maggio, una sentenza dell’alta corte israeliana ha dato all’esercito israeliano il via libera per rimuovere con la forza più di 1.000 palestinesi dalle loro case e villaggi a Masafer Yatta vicino a Hebron, nella Cisgiordania occupata.

Questo è un trasferimento forzato di popolazione ed è illegale secondo il diritto internazionale. È ciò che le bande sioniste hanno fatto in massa alla popolazione palestinese nel 1948 prima di radere al suolo le centinaia di villaggi che erano stati costretti a lasciare.

Ai rifugiati che furono creati allora non fu mai permesso di tornare alle loro case e terre, compresi i miei genitori e la mia famiglia. Ciò è anche in violazione del diritto internazionale, in base al quale i rifugiati hanno il diritto al ritorno.

Chissà cosa farà Israele alle 1.000 anime sfortunate le cui case sono ora sotto minaccia imminente.

Poi c’è stata l’uccisione dell’11 maggio della mia amica Shireen Abu Akleh, corrispondente veterano di Al Jazeera in Palestina. Qualunque siano i tentativi dei funzionari israeliani di deviare la colpa e diffondere disinformazione, non c’è dubbio che sia stata uccisa da un proiettile israeliano. E non c’è dubbio sulla brutalità dell’apartheid israeliano durante il suo funerale nella Gerusalemme est occupata.

Israele ha certamente forma. Almeno 46 giornalisti sono stati uccisi dal 2000. Nessuno è stato ritenuto responsabile perché Israele ha sempre il permesso di indagare su se stesso, con risultati prevedibili.

È stata intentata una causa contro Israele presso l’indagine della Corte penale internazionale per l’uccisione di quattro giornalisti nominati a Gaza – Ahmed Abu Hussein, Yaser Murtaja, Muath Amarneh e Nedal Eshtayeh – nonché per il deliberato attacco agli uffici dei media a Gaza durante lo scorso maggio assalto militare.

Impunità israeliana
Qualunque cosa accada con quel caso, è la facilità con cui Israele uccide e si assolve dalle responsabilità con appena un sbirciatina da parte della comunità internazionale che è al centro della questione qui.

Ad esempio, ad aprile, mentre il Regno Unito era felice di “condannare” gli attacchi contro gli israeliani alle Nazioni Unite, il governo era solo “preoccupato” per la perdita di vite palestinese molto più grande.

Dal 1948, infatti, Israele è stato raramente, se non mai, ritenuto responsabile delle sue violazioni del diritto internazionale, del diritto internazionale umanitario e della dignità e dei diritti del popolo palestinese.

Per chiunque sia interessato a una risoluzione giusta e pacifica, questo deve cambiare. Ed è del tutto chiaro che Israele non intraprenderà alcun passo in questa direzione senza una ferma pressione internazionale.
È quindi un peccato che il governo britannico faccia esattamente l’opposto. Piuttosto che mantenere Israele agli stessi standard di tutti gli altri, standard che vengono proclamati a gran voce sull’Ucraina, il Regno Unito sta invece premiando Israele, più recentemente con un accordo commerciale nuovo di zecca.

È una strategia confusa. Da un lato, il Regno Unito ritiene che l’occupazione israeliana della Cisgiordania, inclusa Gerusalemme Est, e della Striscia di Gaza sia un’occupazione militare illegale.

Ciò comporta alcune responsabilità legali. Secondo il diritto internazionale, ad esempio, gli insediamenti che Israele ha costruito e continua a costruire nel profondo dei territori occupati non sono solo trasgressioni della legge, ma crimini di guerra.

Eppure, d’altra parte, invece di sanzionare Israele per questo comportamento, a 55 anni dall’inizio dell’occupazione, il Regno Unito è impegnato a rafforzare le relazioni.

Inosservanza del diritto internazionale
La lezione che Israele e altri impareranno? Se i paesi potenti come te, puoi fare quello che vuoi. Uccidi un giornalista, annetti il ​​territorio occupato, intraprendi un sistema di apartheid contro la popolazione nativa della terra che hai invaso.

Non importa. Il diritto internazionale è solo un giocattolo per i potenti.

Questo dovrebbe essere importante nel Regno Unito. La Gran Bretagna è stata uno dei primi motori dietro l’ordine globale basato su regole del secondo dopoguerra.

Consentire a Israele di violare palesemente e ripetutamente il diritto internazionale, le risoluzioni internazionali e gli standard globali sui diritti umani sta minando tale ordine.

Ciò avrà conseguenze catastrofiche poiché le persone perderanno la fiducia e il rispetto del diritto internazionale.

La Gran Bretagna è anche il paese che ha avviato l’intera questione della Palestina in primo luogo con la sua dichiarazione Balfour, dando via la nostra terra.

Questo è semplicemente l’atto di una potenza coloniale che non si cura dei desideri della popolazione indigena della terra.

La buona notizia è che, a giudicare dai numeri che vedo partecipare alle proteste per i diritti dei palestinesi nelle strade di Londra e di altre città del Regno Unito, l’accoglimento e la difesa dell’apartheid israeliano da parte del Regno Unito non sono popolari.

Il disgusto popolare e l’attivismo alla fine hanno costretto un riluttante governo britannico e altri governi occidentali ad agire contro l’apartheid in Sud Africa negli anni ’80.

Sarebbe bello se alcuni politici nel Regno Unito, negli Stati Uniti e in Occidente in generale avessero imparato la lezione da allora e avessero superato una curva che si sta avvicinando.

A cura di: Ambasciatore Dr Husam Zomlot

Sorgente: Nakba Day: How Britain rewards ‘Israel’ for its war crimes – Quds News Network

seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot