Media, ideologia e guerra in Ucraina  – Middle East Monitor

Media, ideologia e guerra in Ucraina  – Middle East Monitor

10 Maggio 2022 0 Di ken sharo

L’invasione e l’occupazione dell’Ucraina da parte della Russia finiranno alla fine, ma le rappresentazioni dei media e le narrazioni della guerra rimarranno nelle nostre menti per molto tempo. Tre dimensioni specifiche e correlate del discorso ideologico sono evidenti nella rappresentazione dell’Ucraina nei media occidentali e devono essere decifrate.

La riconfigurazione di Whiteness

I media e i politici occidentali sono stati accusati di doppi standard nel ritrarre e rispondere alla guerra in Ucraina. Le cose sono andate ancora oltre quando hanno sostanzialmente classificato i rifugiati come “ucraini” e “altri”. L’esempio più lampante è stata la rappresentazione coerente dei rifugiati ucraini come rifugiati civili piuttosto che “incivili e arretrati” provenienti da altre parti, in particolare dal Sud del mondo.

Ciò che colpisce in tali rappresentazioni della guerra è il ritorno di quella che è, in effetti, una palese supremazia bianca all’interno della politica tradizionale. Si può anche affermare che i miti della modernità sono stati rafforzati e l’europeità – un eufemismo per Whiteness – è stata riconfigurata come risultato diretto della guerra in Ucraina. L’inquadramento razziale, il confronto della guerra con altre regioni come la Siria o l’Afghanistan e gli ucraini come rifugiati europei rispetto ad altri rifugiati sono chiari esempi di tale processo di riconfigurazione.

Con questo, l’Europa occidentale, alias supremazia bianca, si posiziona ancora una volta al centro del mondo e dell’umanità. Lo fa non solo attraverso un livello sproporzionato di copertura giornalistica o dicendo esplicitamente che i soggetti di pelle bianca sono gli unici ad essere considerati meritevoli di “diritti umani”, ma anche riarticolando le categorie di civiltà, progresso e sviluppo .

LEGGI: ​​Una nuova era di terrorismo transnazionale minaccia l’Occidente dopo il ritorno dei combattenti stranieri dell’Ucraina

In che modo, mi chiedo, gli ucraini dell’Europa orientale, che di solito sono associati all’essere arretrati, pigri e irrazionali nell’Europa occidentale, acquisiscono improvvisamente una tale bianchezza da meritarsi la rapida risposta politica e militare a cui abbiamo assistito? Non dobbiamo dimenticare le precedenti categorizzazioni degli europei dell’est come “bianchi sporchi” e la loro eredità di essere soggetti alla storica ” inferiorizzazione incentrata sull’occidente”.“. Gli interessi geopolitici hanno assicurato che la loro etichetta passasse a una categoria di Whiteness mentre i musulmani o altri nel Sud del mondo (i presunti altri subumani) non sono stati spostati in questo modo. In altre parole, nel regime razziale dell’Europa, gli ucraini sono ancora culturalmente , moralmente e biologicamente superiori a quelli provenienti dal Sud del mondo. Tali discorsi non mirano semplicemente a mostrare la compassione degli europei occidentali verso i loro simili, ma anche a normalizzare deliberatamente l’esclusione e l’oppressione dei rifugiati non europei.

Tali discorsi sono così potenti che persino le autorità ucraine li ripetono. In un’intervista con la BBC , il vice procuratore capo dell’Ucraina ha sottolineato che “gli europei con gli occhi azzurri ei capelli biondi” vengono uccisi ogni giorno . In un altro esempio, Ruslan Stefanchuk, presidente della Verkhovna Rada (parlamento ucraino), ha affermato che “l’Ucraina sta difendendo il confine del mondo civile”. Il ministro degli Esteri ucraino, Dmytro Kuleba, ha twittato che “Abbiamo bisogno di un muro tra civiltà e barbari”. Non è un caso che il presidente ucraino Volodymyr Zelensky abbia affermato che “Questa è una guerra contro l’Europa” e“Noi siamo la difesa tra la civiltà e la Russia”. Il discorso implicito ripetuto in tali narrazioni è che, a differenza di siriani, afgani o vietnamiti, gli ucraini sono bianchi e gli europei civilizzati vengono bombardati e uccisi.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky parla durante una conferenza stampa a Kiev il 3 marzo 2022. [SERGEI SUPINSKY/AFP via Getty Images]

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky parla durante una conferenza stampa a Kiev il 3 marzo 2022. [SERGEI SUPINSKY/AFP via Getty Images]

Ciò non sorprende perché, come giustamente osserva Jozsef Borocz , “il bianco è un sistema di creazione di privilegi globali”. Quindi, anche i politici ucraini cercano di far parte del privilegio globale del regime razziale europeo per ottenere il riconoscimento. Il motivo è che “il bianco non è [solo] una questione di colore della pelle… è una categoria di potere, privilegio e (im)moralità”.

Tale retorica può essere giustamente considerata un’abile propaganda per fermare le atrocità russe. Tuttavia, questi discorsi e rappresentazioni possono facilmente fare un gigantesco balzo in avanti per amplificare le gerarchie, l’oppressione, la supremazia bianca e le categorie del colonialismo. Di conseguenza, diventa quasi impossibile per un europeo, anche per il mondo non europeo, enfatizzare moralmente, politicamente ed emotivamente un argomento non europeo.

Nel suo articolo seminale di luglio 2020, Borocz fornisce come esempio qualcosa di simile alla situazione attuale. Indica che nel XIX secolo era possibile per i cittadini europei identificarsi moralmente e politicamente con soggetti non europei. Tuttavia, con le successive narrazioni coloniali, non era più possibile. Pertanto, i media occidentali e i leader politici europei hanno utilizzato strategicamente la guerra in Ucraina per riconfigurare l’idea dell’Europa come “paradiso” o “centro dell’umanità”, che è sfidata politicamente dai malvagi russi e moralmente dai musulmani malvagi. Non sorprende che la guerra in Ucraina sia paragonata alla Guerra d’indipendenza greca, considerata trasformativa nel rimodellare l’identità politica europea.

Mercificazione della sofferenza

Trasformare la guerra in Ucraina nella mercificazione della sofferenza è la seconda dimensione delle rappresentazioni della guerra da parte dei media dell’Europa occidentale. Ciò che è centrale nello spazio dei media occidentali di oggi è la costruzione di ucraini che soffrono gli altri con una pletora di immagini di edifici distrutti, cadaveri e rifugiati in fuga. L’intenzione non è solo quella di informare, ma di indirizzare le emozioni delle persone. Questa forma di intimità mediata potrebbe sembrare necessaria per spingere il pubblico verso una risposta e un’azione morali. Tuttavia, questa sofferenza mediata e l’etica mediata principalmente, come spiega Shani Orgad , “è un’etica del fare clic, donare e (possibilmente) dimenticarlo”. Di conseguenza, le vittime di questa etica mediata sono gli ucraini che sono stati lasciati in balia delle campagne di donazioni su TikTok.

LEGGI: ​​Costo della guerra in Ucraina sentito in Africa, Sud del mondo 

Ancora più importante, tali rappresentazioni funzionano in modo impeccabile per nascondere le dinamiche reali e le realtà sul campo. Ad esempio, il ruolo degli Stati Uniti e dell’UE nell’aggravare il conflitto è quasi completamente assente dall’agenda dei media mainstream. Sebbene in precedenza la militarizzazione non fosse nell’agenda dell’UE, diversi paesi europei stanno ora investendo ancora di più nelle loro forze armate. Questo cambiamento è avvenuto senza proteste pubbliche, in parte a causa del clamore mediatico e dell’allarmismo.

Sorgente: Media, ideology and the war in Ukraine  – Middle East Monitor