Perché il mondo crede che uccidere i palestinesi sia necessario per la sicurezza di Israele? – Middle East Monitor

Perché il mondo crede che uccidere i palestinesi sia necessario per la sicurezza di Israele? – Middle East Monitor

11 Aprile 2022 0 Di ken sharo
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot

Per raggiungere i suoi obiettivi di sicurezza, Israele ha deciso che deve uccidere più palestinesi. Funzionari israeliani chiamano queste uccisioni “attacchi preventivi” per prevenire il “terrorismo”.

Dopo l’uccisione di tre palestinesi da parte di Israele nella città occupata di Jenin, in Cisgiordania, il 2 aprile, il primo ministro Naftali Bennett ha chiesto ai “civili” israeliani con armi da fuoco autorizzate di portarle in pubblico. La maggior parte degli adulti civili israeliani sono, ovviamente, addestrati durante il servizio militare obbligatorio all’uso di tali armi. Secondo le autorità di occupazione israeliane, i tre palestinesi erano “terroristi” che “stavano per compiere un attacco terroristico”.

Le uccisioni sono avvenute due giorni dopo che altri tre palestinesi sono stati uccisi a colpi di arma da fuoco nella stessa città palestinese occupata; uno di loro era un bambino. Sono stati anche uccisi, hanno detto le autorità di occupazione, per “dissuadere” i “terroristi” palestinesi che stavano “pianificando di compiere attacchi contro Israele”.

Uccidere palestinesi con il pretesto di combattere il terrorismo non è mai stato condannato da nessun leader mondiale o organizzazione internazionale. Questo nonostante il fatto che i gruppi per i diritti umani, tra cui Amnesty International, Human Rights Watch e lo stesso B’Tselem di Israele, abbiano indagato su tali incidenti e abbiano scoperto che in numerose occasioni le forze di sicurezza di occupazione israeliane hanno compiuto esecuzioni extragiudiziali di palestinesi.

Inoltre, tali omicidi sono stati normalizzati dalla comunità internazionale, che ha accettato il mito israeliano secondo cui i palestinesi sono “terroristi” e la loro legittima resistenza all’occupazione militare della loro terra è una ragione sufficiente per essere uccisi da Israele senza un giusto processo legale . Tali leader mondiali arrivano al punto di sostenere lo stato di occupazione nella sua “guerra al terrore [palestinese]”.

Palestina: Il nostro confronto sull’occupazione non finirà finché non avremo ottenuto i nostri diritti

La narrativa israeliana è accettata, generalmente senza dubbio, anche dai media occidentali, che sono tutt’altro che obiettivi nella loro copertura. Ad esempio, il New York Times ha definito i tre palestinesi uccisi il 2 aprile come “militanti”, la stessa terminologia usata dall’esercito israeliano. Ha anche menzionato dettagli infondati nel primo paragrafo del suo rapporto, dando l’impressione che i palestinesi assassinati fossero in realtà “terroristi” uccisi durante la “guerra al terrore” di Israele.

La BBC ha seguito la stessa linea editoriale, mettendo in evidenza le affermazioni israeliane. Sia il New York Times che la BBC hanno fatto riferimento a una dichiarazione della Jihad islamica, che ha identificato le vittime come membri del movimento, e quindi ha suggerito fortemente che fossero “terroristi”.

Apparentemente uccisioni casuali di palestinesi dopo qualsiasi attacco contro israeliani giustificano sempre commenti provocatori da parte di funzionari israeliani. Gli obiettivi, dicono, erano sotto sorveglianza. Questo era il modello del 2 aprile – si veda questo rapporto sul Times of Israel , per esempio – e non è una novità. È già successo.

“Israele sta affrontando un’ondata di terrorismo arabo omicida”, ha affermato Bennett dopo la morte di un certo numero di israeliani a Tel Aviv. “Le forze di sicurezza sono al lavoro. Combatteremo il terrorismo con tenacia, diligenza e pugno di ferro”. Solo quando è terrorismo “arabo”; Il terrorismo “ebraico” dei coloni illegali è trascurato.

L’appartenenza di un palestinese a una fazione politica o al suo braccio armato non prova che sia un “terrorista”. Il diritto di resistere all’occupazione militare è sancito dal diritto internazionale; La brutale occupazione di Israele non fa eccezione. “Terrorismo” è un comodo insulto usato da Israele per raccogliere simpatia e sostegno internazionale e giustificare la sua violenza di stato e, sì, il terrorismo contro i civili palestinesi. Nel frattempo, gli israeliani sono liberi di unirsi a partiti e organizzazioni di estrema destra e a commettere crimini terribili contro i palestinesi, e sono elogiati da personaggi come Bennet e il suo governo, così come i suoi alleati in Occidente, per averlo fatto.

I parenti piangono durante il funerale di Ghada Sabatin, 47 anni, morta per le ferite riportate dopo essere stata colpita da soldati israeliani, nel villaggio di Husan a ovest della città di Betlemme, nella Cisgiordania occupata, il 10 aprile 2022 [Wisam Hashlamoun/Agenzia Anadolu]

I parenti piangono durante il funerale di Ghada Sabatin, 47 anni, morta per le ferite riportate dopo essere stata colpita da soldati israeliani, nel villaggio di Husan a ovest della città di Betlemme, nella Cisgiordania occupata, il 10 aprile 2022 [Wisam Hashlamoun/Agenzia Anadolu]

Israele ha forma quando si tratta di piantare “prove” che le vittime della sua politica di sparare per uccidere intendevano attaccare gli israeliani. Quindi, quando i soldati israeliani – i giudici, la giuria e i carnefici – affermano che le vittime avevano un’arma di livello militare nella loro auto, sono scettico. E dov’è quella macchina? L’esercito israeliano l’ha nascosto per minare ogni possibile indagine che potrebbe provare che la narrativa ufficiale è un mucchio di bugie.

I coloni israeliani – ognuno dei quali vive in insediamenti illegali classificati come crimini di guerra – sono armati fino ai denti e portano le armi apertamente, difesi dalle forze di sicurezza israeliane. E usano le loro armi per attaccare, ferire e uccidere i palestinesi. Anche i membri delle forze di sicurezza palestinesi hanno armi di livello militare e sono stati addestrati a usarle dal principale alleato di Israele, gli Stati Uniti. Perché gli israeliani chiudono un occhio quando sparano migliaia di proiettili in aria a matrimoni, funerali e marce filo-palestinesi e Fatah? Quei proiettili devono cadere a terra da qualche parte e sono una chiara minaccia per la vita e l’incolumità fisica. Perché questo non è “terrorismo”? La collaborazione in materia di sicurezza dell’Autorità Palestinese con Israele lo rende esente dalla punizione israeliana, fino al giorno in cui sopravvive al suo uso nell’occupazione.

Dopo un altro raid israeliano a Jenin l’8 aprile, la stessa narrativa “terrorista” israeliana è stata diffusa dai media compiacenti. Bennet ha descritto l’omicidio come “un attacco preventivo riuscito. Concediamo piena libertà d’azione all’IDF [forze di difesa israeliane], allo Shin Bet [agenzia di sicurezza interna] e a tutte le forze di sicurezza al fine di sradicare il terrorismo. Ci sono e ci saranno non ci siano restrizioni in questa guerra”.

Secondo il ministro della Difesa israeliano Benny Gantz, l’esercito di occupazione da lui comandato lavorerà per sventare “attacchi terroristici” e aumentare le sue operazioni. In seguito all’uccisione di altri tre israeliani a Tel Aviv, l’esercito ha arrestato circa 200 palestinesi. “Se necessario”, disse Gantz, “arresteremo migliaia… La sicurezza viene prima di tutto”.

LEGGI: ​​Finiranno le battaglie tra Israele e i gruppi per i diritti umani?

La sicurezza palestinese non significa nulla, ovviamente. I servizi di sicurezza dell’Autorità Palestinese sono in atto per proteggere Israele, non i palestinesi. I suoi ufficiali non si vedono da nessuna parte quando l’IDF, la polizia israeliana e i coloni sono infuriati. La sicurezza e la protezione degli israeliani hanno la priorità su tutto il resto; gli occupanti hanno la priorità sulle loro vittime, i palestinesi che vivono sotto un regime di occupazione oppressivo.

Quando possiamo aspettarci che il ministro degli Esteri Yair Lapid avverta che le forze di sicurezza israeliane “agiranno con forza contro qualsiasi tentativo di attacco” ai palestinesi da parte di cittadini israeliani? Non dovremmo trattenere il respiro. Lo stato di apartheid di Israele non crede nell’uguaglianza razziale.

Se accettiamo, come fa la comunità internazionale, che i palestinesi uccisi a Jenin erano terroristi, chi ha stabilito che lo fossero e che avrebbero dovuto essere uccisi? Perché l’esercito di occupazione israeliano ha impedito ai paramedici di aiutarli in modo che potessero almeno avere l’opportunità di cure e un processo equo? Quei soldati li hanno lasciati morire dissanguati.

Questo è un modus operandi comune delle forze di “sicurezza” israeliane: sparano per primi e sparano per uccidere, anche quando le loro vittime chiaramente non rappresentano una minaccia per nessuno. Due donne palestinesi sono state uccise il 10 aprile nella Cisgiordania occupata. Una delle donne morte, Ghada Sbeetan, aveva 47 anni, ipovedente e chiaramente disarmata. Perché i soldati israeliani hanno deciso che meritava di morire, le hanno sparato e l’hanno lasciata morire dissanguata?

Nonostante le prove schiaccianti che Israele sia uno stato canaglia fuori controllo, la sua narrativa di “sicurezza” e “autodifesa” è presa alla lettera dall’Occidente, che riversa armi e denaro nello stato di occupazione mentre taglia gli aiuti umanitari a i palestinesi. La resistenza è un diritto legittimo. Questo è un fatto. Per quanto tempo ancora dobbiamo accettare che l’Occidente accetti le affermazioni israeliane sul “terrorismo” palestinese e l’uccisione di civili palestinesi solo per placare l’elettorato israeliano, che è sempre più l’estrema destra nella sua politica? Questa è una domanda perfettamente ragionevole; sfortunatamente, è improbabile che ottenga una risposta ragionevole e legittima.

Sorgente: Why does the world believe that killing Palestinians is necessary for Israel’s security? – Middle East Monitor

seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot