L’Europa è davvero più civile? Il conflitto in Ucraina è una piattaforma per il razzismo e la riscrittura della storia – Middle East Monitor

L’Europa è davvero più civile? Il conflitto in Ucraina è una piattaforma per il razzismo e la riscrittura della storia – Middle East Monitor

2 Aprile 2022 0 Di ken sharo

Quando un raccapricciante video di sei minuti di soldati ucraini che sparavano e torturavano soldati russi ammanettati e legati è circolato online, le persone indignate sui social media e altrove hanno paragonato questo comportamento barbaro a quello di Daesh.

In una rara ammissione di responsabilità morale, Oleksiy Arestovych, consigliere del presidente ucraino, ha subito ricordato ai combattenti ucraini la loro responsabilità ai sensi del diritto internazionale. “Vorrei ricordare a tutte le nostre forze militari, civili e di difesa, ancora una volta, che l’abuso di prigionieri è un crimine di guerra che non ha amnistia ai sensi del diritto militare e non ha prescrizione”, ha affermato , affermando “siamo un esercito europeo”, come se quest’ultimo fosse sinonimo di comportamento civile.

Anche quella presunta pretesa di responsabilità trasmetteva un sottile razzismo, come a suggerire che i non occidentali e i non europei possono compiere tale violenza macabra e codarda, ma non certo gli europei più razionali, umani e intellettualmente superiori.

Il commento, sebbene meno ovvio, ci ricorda l’osservazione razzista del corrispondente estero di CBS News Charlie D’Agata il 26 febbraio, quando paragonò spudoratamente le città mediorientali con la capitale ucraina, Kiev, affermando : “A differenza dell’Iraq o dell’Afghanistan, (… ) questa è una città relativamente civile e relativamente europea.

LEGGI: ​​L’ Ucraina offre un’opportunità per la pace in Europa e oltre 

La guerra Russia-Ucraina è stata teatro di commenti e comportamenti razzisti, alcuni espliciti e ovvi, altri impliciti e indiretti. Lungi dall’essere implicito, però, il premier bulgaro Kiril Petkov non ha usato mezzi termini quando, lo scorso febbraio, ha affrontato la questione dei rifugiati ucraini. L’Europa può trarre vantaggio dai rifugiati ucraini, ha affermato, perché: “Queste persone sono europee. (…) Queste persone sono intelligenti, sono persone istruite. Questa non è l’ondata di rifugiati a cui siamo stati abituati, persone di cui non eravamo sicuri identità, persone con un passato oscuro, che avrebbero potuto essere anche terroristi”.

Uno dei tanti altri episodi significativi che hanno messo in evidenza il razzismo occidentale, ma anche la continua negazione della sua triste realtà, è stata un’intervista condotta dal quotidiano italiano La Repubblica con il comandante del battaglione ucraino Azov Dmytro Kuharchuck. La milizia di quest’ultimo è nota per la sua politica di estrema destra, il razzismo e gli orribili atti di violenza. Eppure, il giornale ha descritto Kuharchuck come: “Il tipo di combattente che non ti aspetti. Legge Kant e non usa solo il suo bazooka”. Se questa non è la definizione stessa di negazione, qual è?

Detto questo, i nostri orgogliosi amici europei devono stare attenti prima di soppiantare la parola “europeo” con “civiltà” e rispetto dei diritti umani. Non dovrebbero dimenticare il loro passato o riscrivere la loro storia perché, dopo tutto, la schiavitù di matrice razziale è un marchio europeo e occidentale. La tratta degli schiavi, a seguito della quale milioni di schiavi furono spediti dall’Africa nel corso di quattro secoli, era molto europea. Secondo l’ Enciclopedia Virginia , 1,8 milioni di persone: “Sono morte nel passaggio di mezzo della tratta degli schiavi transatlantica”. Altre stime mettono il numero molto più alto.

Il colonialismo è un’altra qualità europea. A partire dal XV secolo e per secoli, il colonialismo ha devastato l’intero Sud del mondo. A differenza della tratta degli schiavi, il colonialismo ridusse in schiavitù interi popoli e divise interi continenti, come l’Africa, tra le sfere di influenza europee.

La nazione del Congo era letteralmente di proprietà di una persona, il re belga Leopoldo II. L’ India fu effettivamente controllata e colonizzata dalla Compagnia britannica delle Indie orientali e, successivamente, dal governo britannico. Il destino del Sud America è stato in gran parte determinato dalle dottrine Monroe imposte dagli Stati Uniti del 1823. Per quasi 200 anni, questo continente ha pagato – e continua a pagare – il prezzo estremamente pesante del colonialismo e del neocolonialismo statunitensi. Nessun numero o cifra può esprimere la distruzione e il bilancio delle vittime inflitte dal colonialismo dell’Europa occidentale al resto del mondo, semplicemente perché le vittime vengono ancora contate. Ma a titolo illustrativo, secondo lo storico statunitense Adam Hochschild, dieci milioni di persone sono morte nel solo Congo tra il 1885 e il 1908.

LEGGI: ​​Il dipinto “simbolo” della guerra Russia-Ucraina è stato venduto per $ 100.000

E come dimenticare che anche la prima e la seconda guerra mondiale sono interamente europee? Entrambe le guerre hanno lasciato rispettivamente circa 40 milioni e 75 milioni di morti (altre stime sono significativamente più alte). La raccapricciante di queste guerre europee può essere paragonata solo alle atrocità commesse, anche dagli europei, in tutto il sud centinaia di anni prima.

Pochi mesi dopo la costituzione dell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) nel 1949, gli ansiosi partner occidentali si affrettarono a mostrare i muscoli in Corea nel 1950, istigando una guerra durata tre anni, che provocò la morte di quasi cinque milioni di persone . La guerra di Corea, come molti altri conflitti istigati dalla NATO, rimane una ferita non rimarginata fino ad oggi.

L’elenco potrebbe continuare all’infinito, dalle vergognose guerre dell’oppio contro la Cina, iniziate nel 1839, ai bombardamenti nucleari del Giappone nel 1945, alla distruzione di Vietnam, Laos e Cambogia rispettivamente nel 1954, 1959 e 1970, all’ingerenza politica , interventi militari e cambi di regime in numerosi paesi del mondo. Sono tutte opera dell’Occidente, degli Stati Uniti e dei suoi sempre volenterosi “partner europei”, tutte fatte in nome della diffusione della democrazia, della libertà e dei diritti umani.

Se non fosse stato per gli europei, la Palestina avrebbe ottenuto la sua indipendenza decenni fa, e il suo popolo, incluso chi scrive, non sarebbe diventato un rifugiato, soffrendo sotto il giogo dell’Israele sionista. Se non fosse stato per gli Stati Uniti e gli europei, l’Iraq sarebbe rimasto un paese sovrano, milioni di vite sarebbero state risparmiate in una delle civiltà più antiche del mondo e l’Afghanistan non avrebbe sopportato queste difficoltà indicibili. Anche quando gli Stati Uniti ei loro amici europei alla fine hanno ceduto e hanno lasciato l’Afghanistan l’anno scorso, continuano a tenere il paese in ostaggio bloccando il rilascio dei suoi fondi, portando alla vera fame tra la gente del paese dilaniato dalla guerra.

Quindi, prima di vantarsi delle virtù dell’Europa e dell’umiliazione di tutti gli altri, artisti del calibro di Arestovych, D’Agata e Petkov dovrebbero guardarsi allo specchio e riconsiderare la loro infondata visione etnocentrica del mondo e della storia. In effetti, se qualcuno merita di vantarsi, sono quelle nazioni colonizzate che hanno resistito al colonialismo, le persone schiavizzate che hanno combattuto per la loro libertà e le nazioni oppresse che hanno resistito ai loro oppressori europei, nonostante il dolore e la sofferenza che tali lotte comportavano.

Purtroppo, per l’Europa, invece di usare la guerra Russia-Ucraina come un’opportunità per riflettere sul futuro del progetto europeo, qualunque esso sia, viene usata come un’opportunità per segnare punti a buon mercato contro le stesse vittime dell’Europa ovunque . Ancora una volta, lezioni preziose rimangono non apprese.

Sorgente: Is Europe really more civilised? Ukraine conflict a platform for racism and rewriting history – Middle East Monitor