Il governo siriano ricorda la distruzione di Raqqa da parte degli USA

Il governo siriano ricorda la distruzione di Raqqa da parte degli USA

20 Aprile 2022 0 Di Luna Rossa
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot

Il governo siriano attraverso l’agenzia di stampa Sana ricorda la distruzione di Raqqa compiuta dalla coalizione internazionale. Nel rapporto  Devastating Toll on Civilians Amnesty International scrisse  “più del 90% della città di Raqqa è stata rasa al suolo a causa del deliberato e barbarico bombardamento della città e delle città vicine da parte dell’alleanza, che ha distrutto anche tutti i servizi e le infrastrutture e costretto decine di migliaia di abitanti a lasciare la città e diventare rifugiati .”:

Damasco – SANA – 18-04-2022

SAR MFA: La distruzione della città di Raqqa e l’uccisione di migliaia di innocenti da parte della “Coalizione internazionale” guidata dagli Stati Uniti non hanno ricevuto la dovuta attenzione internazionale

La Siria ha confermato che la questione della distruzione della città di Raqqa e dell’uccisione di migliaia di innocenti da parte dell’illegittima “Coalizione internazionale” guidata dagli Stati Uniti d’America non ha ricevuto la dovuta attenzione internazionale. Questa pratica è stata e rimarrà uno dei crimini più barbari di cui la comunità internazionale non era pienamente consapevole fino a tempi recenti. È giunto il momento di fare luce su questa questione umanitaria, giuridica e politica, a cui gli Stati membri delle Nazioni Unite non hanno attribuito la dovuta importanza e attenzione che merita.

In identici messaggi ufficiali indirizzati al Segretario Generale delle Nazioni Unite e al Presidente del Consiglio di Sicurezza dell’ONU in merito alla commissione di crimini di guerra da parte della cosiddetta “Coalizione Internazionale” nella città di Raqqa nel 2017, il Ministero degli Affari Esteri e Emigranti della SAR hanno spiegato che l’operazione militare statunitense, lanciata dalle forze illegali della “Coalizione Internazionale” nella città di Raqqa nel periodo giugno-ottobre 2017, ha portato alla distruzione quasi completa di questa città e allo sterminio di migliaia di persone. di civili innocenti, i cui corpi furono sepolti sotto le macerie.

Il governo siriano ricorda la distruzione di Raqqa da parte degli USA 1

Il ministero ha sottolineato che la spietata operazione militare delle forze della cosiddetta “Coalizione internazionale” contro la città di Raqqa e i suoi abitanti è stata condotta sulla base della distruzione deliberata e sistematica di infrastrutture, proprietà pubbliche e private a Raqqa e dintorni della città, assediata e presa di mira indiscriminata della popolazione civile attraverso schiaccianti bombardamenti aerei e pesanti attacchi missilistici, nonché attraverso attacchi a terra intrapresi dai gruppi Kasad, in cui non distinguevano tra terroristi dell’ISIS e civili che cercavano di uscire del blocco delle forze della cosiddetta “Coalizione Internazionale” e del pericolo che le circonda. Queste azioni non erano proporzionate all’entità del pericolo percepito.

Il ministero ha ritenuto che la stessa valutazione possa essere fatta per i crimini di guerra commessi dalle forze della cosiddetta “Coalizione internazionale” e dei suoi gruppi “Kasad” nel villaggio di Al-Baguz nella provincia di Deir ez-Zor nel 2018- 2019, quando il villaggio è stato completamente distrutto e tutti gli abitanti sono morti a causa di attacchi aerei su larga scala da parte di criminali di guerra. Il 18 marzo 2019, la stessa coalizione illegale ha attaccato un convoglio umanitario di residenti di questo villaggio che stavano cercando di salvarsi la vita. Quindi l’aereo da combattimento F-15 ha sganciato due bombe, la prima del peso di 225 kg e la seconda di 907 kg, che hanno ucciso più di 80 persone, per lo più donne e bambini.

Il governo siriano ricorda la distruzione di Raqqa da parte degli USA 2
Raqqa a 6 mesi della liberazione

Il Ministero degli Affari Esteri della SAR ha indicato che, a novembre 2020, fonti ufficiali statunitensi non pubblicate hanno riconosciuto l’uccisione e il ferimento di 240 civili (178 uccisi e 62 feriti) a Raqqa a seguito di 38 diversi incidenti legati alle operazioni militari statunitensi. Le organizzazioni governative e numerosi rapporti indipendenti hanno contato 774 vittime verificate a Raqqa. A seguito di 108 episodi di crimini della Coalizione internazionale, 744 civili di Raqqa sono stati uccisi e 30 feriti. Questo numero è confermato dalle immagini satellitari e dalle interviste alle vittime.

Tuttavia, dati e cifre ottenuti da altre organizzazioni non governative e contenuti nei rapporti pubblicati indicano che il numero reale di vittime civili a seguito delle azioni delle forze della cosiddetta “Coalizione Internazionale” a Raqqa è di oltre 1.600 persone . Gruppi filoamericani hanno ammesso che i corpi di 4.118 civili e 1.878 in uniforme militare sono stati recuperati dalle macerie.

Il governo siriano ricorda la distruzione di Raqqa da parte degli USA 3
Raqqa a 6 mesi della liberazione

Per quanto riguarda la distruzione di Raqqa, il ministero ha indicato che i rapporti ufficiali degli Stati Uniti includevano un’analisi delle immagini satellitari del sito dopo l’operazione, il che riflette il fatto che il livello dei danni strutturali a Raqqa non aveva eguali nelle operazioni militari. Secondo l’Istituto delle Nazioni Unite per la formazione e la ricerca, tra febbraio e ottobre 2017 è stato colpito, ovvero circa 11.000 edifici a Raqqa sono stati completamente distrutti o gravemente danneggiati, equivalenti alla distruzione di 40 edifici al giorno. Tra l’altro, sono stati distrutti otto ospedali, 29 moschee, più di 40 scuole e cinque università e sono stati completamente disabilitati i sistemi di drenaggio, irrigazione e fognatura della città.

Il ministero degli Esteri della SAR ha dichiarato: “I rapporti ufficiali degli Stati Uniti riconoscono che gli ingenti danni strutturali a Raqqa hanno minato le prospettive di riconquistare il comando e il controllo della città dopo la fine del massacro. Raqqa ha subito il maggior danno strutturale in termini di intensità del raid aereo e l’effetto cumulativo dei bombardamenti della coalizione ha ampiamente contribuito a rendere inabitabile e inabitabile dal 60 all’80% della città”.

Il governo siriano ricorda la distruzione di Raqqa da parte degli USA 4
Raqqa a 6 mesi della liberazione

L’entità della perdita di infrastrutture, proprietà pubblica e privata e, soprattutto, il numero di vittime civili, in particolare a Raqqa, Ain Al Arab e Al Baghouz, dimostrano che gli Stati Uniti e i loro alleati hanno commesso crimini di guerra e crimini contro l’umanità in Siria. I rapporti di funzionari americani sugli eventi di Raqqa erano e rimarranno falsi in relazione alla reale portata del disastro, soprattutto perché i dati raccolti e analizzati da fonti del governo statunitense riflettono il punto di vista del Dipartimento della Difesa statunitense, che è inizialmente responsabile dei crimini di aggressione, distruzione e bombardamenti barbari di cui sono stati testimoni Raqqa, Al-Baguz, la diga dell’Eufrate e altre regioni siriane.

Anche il Dipartimento di Stato americano ha sottolineato che il Dipartimento della Difesa americano sta cercando di nascondere la verità su quanto accaduto lì, ma non può negare la spaventosa portata della distruzione causata dall’operazione militare statunitense a Raqqa, dal momento che la città è ancora in rovina.

Il Dipartimento della Difesa Usa, invece, ricorre alla manipolazione del numero delle vittime, poiché la forza militare che controlla l’area ha la capacità di intervenire sul terreno, operare prove e figure nel proprio interesse, oltre al pozzo -nota pratica del dipartimento militare statunitense di imbrogliare e ingannare nella descrizione legale di azioni e violazioni ivi commesse la cosiddetta “Coalizione Internazionale” e i suoi strumenti separatisti.

Il governo siriano ricorda la distruzione di Raqqa da parte degli USA 5

Il ministero degli Esteri della SAR ha invitato le Nazioni Unite a considerare il caso della distruzione di Raqqa e dell’omicidio di migliaia dei suoi abitanti in una prospettiva più ampia, in modo da vedere il quadro nel suo insieme. Questo crimine, tipico delle operazioni militari statunitensi, non può essere ignorato o messo a tacere.

Il ministero ha sottolineato che continueranno a sollevare la questione dei crimini contro Raqqa, al-Baguz, la diga dell’Eufrate e altre regioni siriane completamente o parzialmente distrutte, dove attacchi deliberati sono stati inflitti ai civili dalle cosiddette “forze della coalizione internazionale .”

Il ministero ha sottolineato che la Siria conserva il diritto di imporre responsabilità politiche, legali, morali e materiali ai governi di tutti i paesi che sono entrati a far parte della cosiddetta “Coalizione internazionale”, responsabilità per i crimini commessi dai gruppi armati che fanno parte questa coalizione illegale e per perdite e danni materiali a proprietà e infrastrutture pubbliche e private. E anche chiedere loro un risarcimento per le famiglie dei civili morti e feriti a seguito delle azioni militari illegali delle forze della cosiddetta “Coalizione Internazionale” guidate dagli Stati Uniti a Raqqa e in varie località del territorio siriano .

Il Dipartimento si impegna a continuare a monitorare le pratiche americane dannose per l’ambiente di facilitare e sostenere l’estrazione indiscriminata di petrolio da parte di gruppi separatisti associati all’invasione delle forze statunitensi, oltre a importare semi di grano americano contaminati e contaminati nelle regioni nord-orientali e imporre loro agli agricoltori lì.

Alla fine del messaggio, è stato confermato che il governo degli Stati Uniti sta ufficialmente e deliberatamente intraprendendo azioni che potrebbero portare a un grave inquinamento ambientale nel nord-est della Siria nel prossimo e lontano futuro. Queste azioni sono valutate come un crimine ambientale internazionale – una forma di crimine di guerra.

Yu.K./A.A.

****

su Raqqa vedere anche:   http://www.bbc.co.uk/news/resources/idt-sh/raqqas_dirty_secret

Sorgente: Il governo siriano ricorda la distruzione di Raqqa da parte degli USA – VP News – ‘vietato parlare’ – Blog di Patrizio Ricci

seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot