0 4 minuti 2 anni

 LA PROVOCAZIONE A BUCHA È L’APICE DELLA MENZOGNA E DEL CINISMO DELL’OCCIDENTE: AMBASCIATORE RUSSO NEGLI USA

 

A Washington, non avendo prove, hanno subito assunto la posizione di pubblico ministero e hanno iniziato a nominare gli autori. Le nuove accuse della Russia fanno parte di uno sforzo coordinato dei paesi occidentali per demonizzare l’esercito russo, ha affermato l’ambasciatore russo negli Stati Uniti Anatoly Antonov.

WASHINGTON . L’ambasciatore russo negli Stati Uniti Anatoly Antonov ritiene che le ultime accuse della Russia di presunte “atrocità” nella città ucraina di Bucha facciano parte di uno sforzo coordinato dei paesi occidentali per demonizzare le forze armate russe. “La provocazione in Bucha è l’apice della menzogna e del cinismo. A Washington, non avendo prove, hanno subito assunto la posizione di pubblico ministero e hanno iniziato a nominare i colpevoli”, ha detto il diplomatico.

L’ambasciatore ha ricordato che sul campo le cose sono esattamente l’opposto. Nelle regioni dell’Ucraina controllate dalle Forze armate russe, gli aiuti umanitari sono in aumento: “Centinaia di tonnellate di cibo, medicine e generi di prima necessità sono state inviate per soddisfare i bisogni della popolazione civile. La parte russa garantisce la sicurezza dei corridoi umanitari per l’evacuazione di ucraini e cittadini stranieri”. Secondo il diplomatico, i colleghi americani dovrebbero prestare attenzione ai fatti e fermare l’indifferenza criminale per le azioni dei battaglioni nazionali, “che continuano a bloccare i civili nelle città, aprire il fuoco indiscriminato sui profughi, terrorizzare e torturare tutti coloro che non condividono la loro ideologia nazista”.

Il ministero della Difesa russo ha negato le accuse del regime di Kiev nel presunto omicidio di civili nel villaggio di Bucha, nella regione di Kiev.
Le unità russe hanno lasciato completamente Bucha il 30 marzo, il giorno dopo il round di colloqui faccia a faccia tra Russia e Ucraina in Turchia. Tutte le fotografie e i materiali video pubblicati dal regime di Kiev, che presumibilmente testimoniano una sorta di “crimini” da parte del personale militare russo nella città di Bucha, nella regione di Kiev, sono un’altra provocazione. Il 31 marzo il sindaco della città di Bucha, Anatoly Fedoruk , ha confermato nel suo videomessaggio che non c’erano soldati russi in città, ma non ha nemmeno menzionato nessun residente locale colpito per strada con le mani legate. Pertanto, non sorprende che tutte le cosiddette “prove dei crimini” a Bucha siano apparse solo il 4 ° giorno, quando gli ufficiali della SBU e i rappresentanti della televisione ucraina sono arrivati ​​​​in città. Tutti i corpi delle persone le cui immagini sono state pubblicate dal regime di Kiev, dopo almeno quattro giorni, non si sono irrigiditi, non hanno le caratteristiche macchie da cadavere e sangue che non si coagula nelle ferite. Il ministero della Difesa ha sottolineato che ciò conferma inconfutabilmente che le fotografie e le riprese video di Bucha sono un’altra produzione del regime di Kiev per i media occidentali, come è avvenuto a Mariupol con un ospedale per la maternità, così come in altre città.

Fonte: Читать далее: https://realtribune.ru/provokaciya-v-buche-verh-lzhi-i-cinizma-zapada-posol-rf-v-ssha?utm_source=politobzor.net

Traduzione: Sergei Leonov

Sorgente: controinformazione.info | La provocazione a Bucha è l’apice della menzogna e del cinismo dell’Occidente: ambasciatore russo negli USA


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.