Ucraina – giorno 21: ‘Speranza in un compromesso’ mentre i colloqui continuano, ma anche i combattimenti- CGTN

Ucraina – giorno 21: ‘Speranza in un compromesso’ mentre i colloqui continuano, ma anche i combattimenti- CGTN

17 Marzo 2022 0 Di ken sharo
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot

• La Russia e l’Ucraina sottolineano entrambe le nuove possibilità di compromesso, con i colloqui di pace che riprenderanno mercoledì

• Sarebbe il terzo giorno consecutivo di colloqui; nessun round precedente è durato più di un giorno

• Il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelenskyy ha affermato che i colloqui stanno diventando “più realistici”, mentre il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha affermato che c’è “speranza di un compromesso”

• Lo stato neutrale per l’Ucraina – una delle principali richieste russe – è sul tavolo, ma Zelenskyy chiede “vere garanzie di sicurezza che funzioneranno”

• In un discorso al Congresso, Zelenskyy ha chiesto agli Stati Uniti di “chiudere il cielo sull’Ucraina”

 • Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha firmato un disegno di legge che fornisce 800 milioni di dollari in assistenza militare all’Ucraina e ha affermato che gli Stati Uniti l’aiuteranno ad acquisire droni e sistemi antiaerei a lungo raggio.

• Il presidente russo Vladimir Putin ha attaccato “discussioni ipocrite” dei paesi occidentali, che ha accusato di avere obiettivi politici ostili 

• I ministri della Difesa della NATO prendono in considerazione piani per rafforzare il fianco orientale del blocco, ma nessuna intenzione di dispiegamento in Ucraina

• Nel frattempo, diverse esplosioni hanno scosso Kiev, con i servizi di emergenza che hanno affermato che due edifici residenziali sono stati danneggiati e due persone sono rimaste ferite

• La capitale ucraina è stata posta sotto coprifuoco martedì a causa di quello che il suo sindaco ha definito un “momento difficile e pericoloso”

• Circa 20.000 civili sono riusciti finora a lasciare la città assediata di Mariupol in auto private, ha affermato il ministero dell’Interno

• Il vice primo ministro ucraino Iryna Vereshchuk afferma che è una “questione aperta” se verrà aperto un “corridoio umanitario” da Mariupol

• Vereshchuk ha anche affermato che le forze russe al controllo di un ospedale tenevano 400 dipendenti e pazienti tenuti “come ostaggi”

• Funzionari regionali a Zaporizhzhia riferiscono che le forze russe stanno prendendo di mira la città, vista come un rifugio sicuro per coloro che fuggono da Mariupol

• Il segretario alla Difesa degli Stati Uniti promette che il suo paese e altri membri della NATO continueranno ad aiutare l’Ucraina, adattando al contempo la sicurezza dell’alleanza alla “nuova realtà” innescata dalla situazione

• Un jet cargo della US Air Force ha iniziato a spedire caschi e altri kit militari non letali donati dal Giappone all’Ucraina

• I primi ministri di Cechia, Polonia e Slovenia hanno parlato con il presidente del Consiglio europeo Charles Michel subito dopo il ritorno dalla capitale ucraina Kiev, insistendo su “ulteriori misure urgenti”

• Il governo svizzero afferma che il suo elenco di sanzioni “ora rispecchia pienamente quello dell’UE”

• Il Presidente del Comitato Internazionale della Croce Rossa arriva a Kiev per una visita di cinque giorni per insistere su un maggiore accesso umanitario e sulla protezione dei civili

La situazione alle 0800 GMT del 16 marzo. /Simon Malfatto, Paz Pizarro, Cléa Peculier, Kenan Augeard/AFP

IN DETTAGLIO

‘Speranza di compromesso’ nei colloqui di pace

La Russia e l’Ucraina hanno entrambe sottolineato mercoledì le nuove possibilità di compromesso poiché i colloqui di pace sarebbero ripresi dopo tre settimane dall’assalto russo all’Ucraina.

Il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelenskyy ha affermato che i colloqui stanno diventando “più realistici”, mentre il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha affermato che c’è “qualche speranza di compromesso”, con uno status neutrale per l’Ucraina – una delle principali richieste russe – ora sul tavolo.

Il compromesso è stato menzionato anche da Mykhailo Podolyak, consigliere di Zelenskyy e negoziatore nei colloqui. “Continueremo domani”, ha twittato martedì. “E’ un processo molto difficile… di negoziazione. Ci sono contraddizioni fondamentali ma c’è sicuramente spazio per il compromesso.”

In un discorso video mercoledì, Zelenskyy ha dichiarato: “Possiamo e dobbiamo negoziare una pace giusta ma equa per l’Ucraina, reali garanzie di sicurezza che funzioneranno”.

Tre settimane dopo l’inizio delle loro operazioni militari, le truppe russe sono state fermate alle porte di Kiev, dopo aver subito pesanti perdite e non essere riuscite a sequestrare nessuna delle più grandi città dell’Ucraina in un conflitto. Funzionari occidentali affermano che Mosca pensava che avrebbe vinto in pochi giorni.

 

Una lacrima scende sulla guancia di una giovane donna a bordo di un autobus dopo essere fuggita dall’Ucraina alla Romania. Reuters/Clodagh Kilcoyne

Funzionari ucraini hanno espresso questa settimana la speranza che Mosca stesse facendo i conti con il suo fallimento nel rovesciare il governo di Kiev e la sua mancanza di truppe fresche per continuare a combattere.

I colloqui avrebbero dovuto riprendere mercoledì tramite collegamento video per quello che sarebbe stato il terzo giorno consecutivo, la prima volta che sono durati più di un solo giorno, il che entrambe le parti hanno suggerito significa che sono entrate in una fase più seria.

“Gli incontri continuano e, mi risulta, le posizioni durante i negoziati suonano già più realistiche. Ma è ancora necessario tempo perché le decisioni siano nell’interesse dell’Ucraina”, ha affermato Zelenskyy.

Zelenskyy aveva accennato a una possibile via di compromesso, suggerendo che l’Ucraina sarebbe disposta ad accettare garanzie di sicurezza internazionale che si fermassero prima della sua speranza di lunga data per la piena ammissione all’alleanza NATO.

Tenere l’Ucraina fuori dalla NATO è stata a lungo una delle principali richieste della Russia nei mesi precedenti al lancio di quella che definisce una “operazione speciale” per disarmare e “denazificare” l’Ucraina.

“I negoziati non sono facili per ovvi motivi”, ha detto Lavrov all’agenzia di stampa RBC News. “Tuttavia, c’è qualche speranza di raggiungere un compromesso”.

“Lo stato neutrale è ora seriamente discusso insieme, ovviamente, alle garanzie di sicurezza”, ha detto Lavrov. “Ora questa stessa cosa è in discussione nei negoziati – ci sono formulazioni assolutamente specifiche che a mio avviso sono vicine all’accordo”.

01:04

L’accordo potrebbe dipendere dalla “neutralità” ucraina

Ucraina e Russia hanno avuto discussioni fruttuose su un piano di pace in 15 punti, tra cui Kiev dichiarando neutralità e rinunciando alle sue ambizioni di aderire alla NATO, riporta il Financial Times , citando tre persone coinvolte nei colloqui.

Il piano riportato implicherebbe l’accettazione da parte dell’Ucraina di limiti alle sue forze armate e la promessa di non ospitare forze, basi o armi straniere. Tuttavia, potrebbero esserci disaccordi sulla natura delle garanzie di sicurezza occidentali all’Ucraina, insieme allo status dei territori che sono stati sotto il controllo della Russia e dei suoi delegati dal 2014. 

Il consigliere di Zelenskyy Mykhailo Podolyak ha dichiarato al Financial Times che qualsiasi accordo comporterebbe “le truppe della Federazione Russa in ogni caso che lasciano il territorio dell’Ucraina”, riferendosi alle regioni meridionali al confine con l’Azov e il Mar Nero, insieme alle aree a est e nord di Kiev. 

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov aveva in precedenza sollevato l’idea di neutralità per l’Ucraina sulla base dello status di Austria o Svezia – “Questa opzione è davvero in discussione ora, e può essere considerata neutrale” – mentre il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha affermato che ” formulazioni assolutamente specifiche” erano “prossime all’essere concordate” nei negoziati.  

Le agenzie di stampa russe hanno citato Peskov per aver affermato in risposta al rapporto del Financial Times che è troppo presto rivelare una serie di potenziali accordi tra Mosca e Kiev.

Sorgente: Ukraine – day 21: ‘Hope for compromise’ as talks continue – CGTN

seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot