Palermo, una donna si offre di ospitare due profughi ucraini, ma cambia idea quando scopre che sono neri | Globalist

Palermo, una donna si offre di ospitare due profughi ucraini, ma cambia idea quando scopre che sono neri | Globalist

29 Marzo 2022 0 Di ken sharo

Suor Anna Alonzo, che ha accolto Michael e Meshack, ha raccontato l’increscioso episodio di discriminazione: “La donna mi ha detto che non voleva ospitare due africani. Due profughi bianchi andavano bene, neri no”

Palermo, una donna si offre di ospitare due profughi ucraini, ma cambia idea quando scopre che sono neri
Michael e Meshack i due studenti di Kiev

globalist

28 Marzo 2022 – 15.03


Esiste il razzismo in Italia? A rispondere in pratica alla domanda è stata Suor Anna AlonzoUn donna aveva deciso di ospitare due profughi ucraini nella sua seconda casa, ma quando ha scoperto che sono africani ha cambiato idea. È accaduto a Palermo. A raccontare la vicenda Suor Anna, che ha accolto i giovani – Michael e Meshack, due studenti universitari ventenni che studiavano a Kiev, ma originari di Benin City in Nigeria – nella “Casa Regina della Pace” a Casteldaccia (Palermo).

“Mi ha detto che non voleva ospitare due africani. Due profughi bianchi andavano bene, neri no“, ha raccontato Alonzo. Al momento, i due giovani si trovano nella “Casa Regina della Pace”, dove suor Anna accoglie le ragazze nigeriane sottratte alla prostituzione. Tuttavia, la religiosa sta cercando un alloggio stabile per i due universitari – che quando è iniziata l’invasione russa frequentavano il secondo anno – e si sta battendo affinché possano continuare gli studi a Palermo.

“Michael studia economia, per lui non ci sono problemi a frequentare i corsi anche in Italia. Meshack invece fa Medicina, ha già dato 12 materie, ma qui a Palermo c’è il numero chiuso”, ha aggiunto suor Anna. Entrambi i giovani hanno perso i genitori in Nigeria per mano di Boko Haram, è la seconda volta che scappano da una guerra. “Speriamo che qualcuno li aiuti”, conclude Alonzo.

Sorgente: Palermo, una donna si offre di ospitare due profughi ucraini, ma cambia idea quando scopre che sono neri | Globalist