Mentre “La Françafrique” volge al termine, la Russia è pronta a sostituire la Francia in Africa occidentale– Middle East Monitor

Mentre “La Françafrique” volge al termine, la Russia è pronta a sostituire la Francia in Africa occidentale– Middle East Monitor

4 Marzo 2022 0 Di ken sharo

nfine, la Francia lascerà il Mali, quasi un decennio dopo l’intervento militare originario nel 2013. Le ripercussioni di questa decisione difficilmente saranno limitate a questa nazione dell’Africa occidentale, ma probabilmente si estenderanno all’intera regione del Sahel; infatti, l’intera Africa.

La decisione della Francia di porre fine alla sua presenza militare in Mali – portata avanti in due importanti operazioni militari, l’operazione Serval e l’operazione Barkhane – è stata comunicata dal presidente francese, Emmanuel Macron. “La vittoria contro il terrorismo non è possibile se non è supportata dallo stato stesso”, ha detto Macron il 16 febbraio.

Il presidente francese ha definito la leadership maliana “fuori controllo” e ha razionalizzato la sua decisione come una mossa necessaria, poiché “le forze europee, francesi e internazionali stanno vedendo misure che le stanno limitando”.

“Data la situazione, data la rottura delle strutture politiche e militari, non possiamo continuare così”, ha aggiunto Macron.

Macron non sta prendendo in giro nessuno. L’intervento militare francese in Mali era giustificato all’epoca come parte degli sforzi della Francia per sconfiggere “jihadisti” e “terroristi”, che avevano conquistato gran parte della regione settentrionale del paese. In effetti, i militanti del nord, protestando contro quella che hanno descritto come negligenza ed emarginazione del governo, si erano poi impossessati delle principali città, tra cui Kidal e Timbuktu. Ma la storia, come spesso accade con le ex colonie africane della Francia, era più complessa.

In un recente articolo, il New York Times ha affermato che il “potere diplomatico” della Francia si basa su tre pilastri: “la sua influenza nelle sue ex colonie africane, insieme alle sue armi nucleari e al suo seggio permanente nel Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite”.

LEGGI: ​​I libici sono arrabbiati perché il loro ministro degli Esteri ha condannato la Russia

Il Mali è una di queste “ex colonie francesi”, situata in gran parte in quella che veniva chiamata “Africa occidentale francese”. Un tempo un grande regno, noto come Impero Mandinka, il Mali fu colonizzato dalla Francia nel 1892. Fu poi ribattezzato Sudan francese. Sebbene abbia ottenuto l’indipendenza nel 1958, il Mali è rimasto uno stato vassallo francese.

Per apprezzare l’influenza francese sul Mali e su altri stati dell’Africa occidentale molto tempo dopo la loro indipendenza, si consideri che quattordici paesi africani, inclusi Niger e Senegal, continuano a utilizzare il franco CFA dell’Africa occidentale, un’invenzione monetaria francese nel 1945, che ha assicurato che le economie africane in difficoltà continuassero essere legato alla moneta francese. Ciò ha permesso a Parigi di esercitare un’enorme influenza su varie economie africane, le cui risorse sono state fornite ai loro ex colonizzatori a prezzi competitivi.

Non sorprende che la Francia abbia assunto la leadership nella “liberazione” del Mali nel 2013. Quindi, la Francia è stata in grado di riconfigurare le forze armate e la politica della regione per rimanere sotto il controllo diretto della Francia, che si è presentata come la salvatrice dell’Africa occidentale di fronte al terrorismo. Ciad, Nigeria, Burkina Faso, Senegal e Togo hanno tutti partecipato all’operazione a guida francese, che ha coinvolto anche le Nazioni Unite e diverse potenze occidentali.

Un uomo sventola una bandiera russa durante la celebrazione della 126a vittoria di Adwa, in piazza Menelik ad Addis Abeba, in Etiopia, il 2 marzo 2022. [AMANUEL SILESHI/AFP via Getty Images]

Un uomo sventola una bandiera russa durante la celebrazione della 126a vittoria di Adwa, in piazza Menelik ad Addis Abeba, in Etiopia, il 2 marzo 2022. [AMANUEL SILESHI/AFP via Getty Images]

L’arrivo dei soldati francesi nella regione del Sahel intendeva sottolineare l’importanza, se non l’indispensabilità, della Francia per la sicurezza dell’Africa, soprattutto in un momento in cui l’Africa era, ancora una volta, uno spazio conteso che attirava le vecchie potenze coloniali del continente e le nuove giocatori, inoltre: Russia, Cina, Germania, Turchia, tra gli altri.

Sorgente: As ‘La Françafrique’ comes to an End, Russia is ready to replace France in West Africa – Middle East Monitor