La giornalista russa Marina Ovsjannikova denuncia al tg le “balle” della propaganda: multata

La giornalista russa Marina Ovsjannikova denuncia al tg le “balle” della propaganda: multata

15 Marzo 2022 0 Di Luna Rossa

Marina Ovsjannikova ha fatto un blitz con un cartello contro la propaganda statale. Poco prima aveva diffuso un video in cui diceva di vergognarsi per essere rimasta in silenzio per tanti anni

MOSCA – Dopo ore di ansia perché non se ne avevano notizie, la giornalista Marina Ovsjannikova, protagonista di una clamorosa irruzione durante il tg serale di Pervyj Kanal (Primo canale) per denunciare le “balle” della propaganda russa su quella che qui si può chiamare solo “operazione militare speciale”, è riemersa nella stazione di polizia di Ostankino al fianco dell’avvocato bielorusso Gashynski. È stata condannata a pagare una multa da 30mila rubli (255 euro al tasso di cambio attuale) per “organizzazione di un evento pubblico non autorizzato”.

 

 

Mentre Ekaterina Andreeva, conduttrice del programma di punta delle 21 che va in onda dall’era sovietica ed è seguito da milioni di spettatori in tutto il Paese, stava lanciando un servizio sulle relazioni con la Bielorussia, Ovsjannikova si è presentata in studio con un cartellone contro l’operazione militare: “Non credete alla propaganda. Qui vi stanno mentendo”. Un’interruzione clamorosa per l’emittente statale Pervyj Kanal. La giornalista “dissidente” è riuscita a pronunciare giusto qualche parola in russo, prima che il canale mandasse in onda frettolosamente il filmato di un ospedale.

 

 

 

 

Prima del blitz, Ovsjannikova aveva diffuso un video in cui dice di avere padre ucraino e madre russa e di non vedere i Paesi come nemici. “Purtroppo negli ultimi anni ho lavorato facendo propaganda al Cremlino e me ne vergogno molto”. “Mi vergogno di aver permesso che si dicessero bugie dallo schermo della Tv. Mi vergogno di aver permesso che i russi fossero zombificati. Siamo rimasti in silenzio nel 2014, quando tutto questo era appena iniziato”, ha detto riferendosi all’annesione russa della Crimea e al sostegno ai separatisti filo-russi nell’Est Ucraina, nel Donbass. “Non siamo andati alle proteste quando il Cremlino ha avvelenato Navalnyj. Abbiamo semplicemente osservato in silenzio questo regime antiumano. E ora il mondo intero si è allontanato da noi”.

 

 

In una dichiarazione rilasciata dall’agenzia di stampa statale Tass, Pervyj Kanal ha parlato di “un incidente con una donna” e di “un controllo interno in corso”. La donna, secondo forze dell’ordine citate dalla Tass, sarebbe stata incriminata ai sensi della nuova legge che vieta atti pubblici che mirano a “screditare le forze armate russe” e che prevede pene fino a 15 anni di carcere.

Leonid Volkov, braccio destro di Aleksej Navalnyj, l’oppositore in carcere da oltre un anno dopo essere sopravvissuto a un avvelenamento, ha twittato che il suo movimento “è pronto a pagare qualsiasi multa”.

Sorgente: La giornalista russa Marina Ovsjannikova denuncia al tg le “balle” della propaganda – la Repubblica