0 4 minuti 2 anni

Justin Trudeau ha detto che è stato “straziante” rifiutare la richiesta di Zelensky
Il primo ministro canadese risponde se la NATO può concedere una no-fly zone sull'Ucraina

Il primo ministro canadese Justin Trudeau ha dichiarato venerdì che la NATO non può dichiarare una no-fly zone sull’Ucraina su richiesta del presidente Zelensky, adducendo i timori che la decisione possa portare a un conflitto diretto tra Russia e NATO.

“ È qualcosa che spezza il cuore. Devo dire che possiamo fare così tante cose per sostenere, ma il rischio di escalation, il rischio di diffondersi… di coinvolgere la NATO in un conflitto diretto se mandiamo aerei della NATO sull’Ucraina per abbattere gli aerei russi “, ha detto Trudeau durante un’intervista con il canadese CTV News, confermando che Zelensky gli aveva chiesto direttamente di attuare questa misura durante una telefonata giovedì.

“ Possiamo fare moltissimo e stiamo facendo tutto il possibile. Ma non possiamo farlo ”, ha aggiunto il premier.

Il vice primo ministro Chrystia Freeland, parlando con CTV News insieme a Trudeau, ha affermato che il Canada stava gettando ” tutto ciò che abbiamo in questo ” e ha notato che le sanzioni economiche imposte da numerosi paesi alla Russia hanno già avuto il loro impatto.

“ La borsa russa è stata chiusa per il nono giorno consecutivo. Il debito pubblico russo è stato declassato allo stato spazzatura e le agenzie di rating avvertono di un imminente default russo “, ha detto ai giornalisti.

Funzionari ucraini hanno chiesto ripetutamente ai membri della NATO di imporre una no-fly zone sull’Ucraina per molti giorni da quando l’offensiva russa è stata lanciata alla fine di febbraio. L’idea, tuttavia, è stata respinta da molti leader occidentali per i timori che questa misura avrebbe portato a un confronto diretto con la Russia, dal momento che gli aerei della NATO potrebbero essere costretti ad abbattere gli aerei russi che entrano nello spazio aereo ucraino.

Mosca ha attaccato il suo stato vicino alla fine di febbraio, a seguito di una situazione di stallo di sette anni su ciò che afferma essere l’incapacità dell’Ucraina di attuare i termini degli accordi di pace di Minsk e l’eventuale riconoscimento da parte della Russia delle repubbliche separatiste del Donbass a Donetsk e Lugansk. Funzionari russi hanno affermato che l’attacco era necessario per eliminare le minacce provenienti dall’Ucraina verso le sue regioni separatiste e verso la stessa Russia, e hanno chiesto la neutralità all’Ucraina, mentre Kiev ha definito l’attacco russo un atto di aggressione non provocato e nega che stesse pianificando di riprendere il regioni separatiste con la forza. Le nazioni occidentali e altri paesi hanno condannato fermamente le ostilità e, per rappresaglia, hanno imposto sanzioni economiche senza precedenti alla Russia, ai suoi alti uomini d’affari e ai funzionari.

Sorgente: Il premier canadese risponde se la NATO può concedere una no-fly zone sull’Ucraina — RT World News


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.