0 4 minuti 2 anni

 LA RUSSIA DENUNCIA ALL’ONU CHE USA E OCCIDENTE GETTANO BENZINA SUL FUOCO IN UCRAINA CON NUOVE FORNITURE DI ARMI A KIEV

 

Il rappresentante permanente della Russia presso l’organismo, Vasili Nebenzia, ha sottolineato che i radicali ucraini sono così strettamente legati alla città di Mariupol, perché “nasconde molte prove dei loro crimini”.

Il rappresentante permanente della Russia presso le Nazioni Unite, Vasili Nebenzia, ha dichiarato giovedì durante una riunione del Consiglio di sicurezza sull’attuale situazione in Ucraina che gli Stati Uniti e l’Occidente stanno “aggiungendo benzina sul fuoco” del conflitto con nuove forniture di armi a Kiev.

Nebenzia ha assicurato che la bozza di risoluzione formulata dall’Occidente sull’Ucraina non contribuirà al lavoro delle organizzazioni umanitarie. Inoltre, ha riscontrato che le delegazioni di altri paesi alle Nazioni Unite devono far fronte alle pressioni dell’Occidente, compreso il ricatto economico, per non sostenere la bozza di risoluzione russa.

Su questo tema, il rappresentante ha sottolineato che la Russia ritira la sua richiesta di votare il suo progetto di risoluzione umanitaria il 18 marzo, ma non ritira il documento. Inoltre, chiede per questa data una riunione urgente del Consiglio di sicurezza per affrontare la questione dei laboratori biologici in Ucraina.

Mariupol, “roccaforte dei battaglioni nazisti”
L’alto diplomatico ha sottolineato che i radicali ucraini si aggrappano così tanto alla città di Mariupol, perché ” nasconde molte prove dei loro crimini “. Secondo Nebenzia, i nazisti ucraini non hanno dimenticato che gli abitanti della città “hanno sostenuto quasi all’unanimità l’indipendenza della repubblica [di Donetsk] nel referendum” tenutosi nel maggio 2014 in alcuni distretti e città.

Il rappresentante ha sottolineato che i radicali ” hanno annegato nel sangue la città “, trasformandola in “una sorta di roccaforte per i battaglioni nazisti volontari, in particolare l’Azov e il ” Pravy Sector”.

“Questo è esattamente il motivo per cui i radicali ucraini si aggrappano così strettamente a questa città. In primo luogo, nasconde molte prove dei loro crimini e, in secondo luogo, capiscono che dovranno risponderne. Ecco perché sono pronti a trascinare l’intera popolazione di Mariupol nella tomba”, ha detto.

Estremisti ucraini

Riguardo all’esplosione avvenuta questo mercoledì al Teatro Drammatico della città, nei cui sotterranei si ritiene possano essere ritrovati centinaia di civili, Nebenzia ha ribadito la posizione di Mosca secondo cui l’edificio non è mai stato considerato un bersaglio dell’aviazione russa. L’alto diplomatico ha osservato che il 13 marzo alcuni di coloro che sono riusciti a lasciare la città hanno riferito che il battaglione Azov “trattiene un gran numero di persone nell’edificio e prepara una sanguinosa provocazione “.

Non ci sono militari russi a Chernigov”
Riguardo alla morte di civili nella città di Chernigov , il rappresentante ha insistito sul fatto che non ci sono soldati russi in città e quanto accaduto è una conseguenza della consegna discriminatoria di armi da parte delle autorità locali.

“Non ci sono militari russi a Chernigov. Questi [incidenti] sono molto probabilmente il risultato della distribuzione irrazionale di armi a chiunque in Ucraina”, ha detto.

Fonte: RT Actualidad

Traduzione: Luciano Lago

Sorgente: controinformazione.info | La Russia denuncia all’ONU che USA e Occidente gettano benzina sul fuoco in Ucraina con nuove forniture di armi a Kiev


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.