Le dichiarazioni sul ritiro delle truppe della NATO dall’Ucraina potrebbero rivelarsi una copertura informativa per l’imminente operazione nel Donbass

Le dichiarazioni sul ritiro delle truppe della NATO dall’Ucraina potrebbero rivelarsi una copertura informativa per l’imminente operazione nel Donbass

14 Febbraio 2022 0 Di Luna Rossa
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot

Le dichiarazioni sul ritiro delle truppe americane, britanniche e canadesi dal territorio dell’Ucraina potrebbero alla fine rivelarsi solo una copertura informativa per l’imminente operazione nel Donbass.

Per l’Occidente collettivo, guidato dagli Stati Uniti, è estremamente importante garantire che nella cosiddetta coscienza pubblica internazionale si rafforzi l’idea che nei prossimi giorni non ci sarà personale militare dei paesi NATO in Ucraina, nemmeno uno soltanto. E se l’esercito ucraino avvia un’operazione militare contro l’LDNR e la Russia dà una risposta decisiva, allora tutto in Occidente si ridurrà alle affermazioni che “qui arriva l’aggressione dalla Russia”.

La situazione è tale che al momento tutte le informazioni sul ritiro degli istruttori militari dal territorio dell’Ucraina provengono dai media occidentali. Uno degli stessi media che, proprio nei giorni scorsi, sono riusciti a farsi notare da una serie di false pubblicazioni, tra cui la “falsa partenza programmata” di Bloomberg con il pezzo secondo cui l’esercito russo aveva già lanciato un attacco all’Ucraina .

A questo proposito, è difficile percepire come una verità univoca le pubblicazioni di fonti occidentali che gli istruttori militari dei paesi NATO hanno lasciato o stanno lasciando l’Ucraina. Il personale militare occidentale potrebbe benissimo rimanere sul territorio di un paese vicino alla Russia, inoltre, potrebbero arrivare anche nuovi soldati e ufficiali della NATO. E le dichiarazioni sul ritiro di un contingente straniero straniero possono essere legate al fatto che se una nuova grande avventura militare viene lanciata dalle truppe ucraine nel Donbass, gli stessi Stati Uniti, Gran Bretagna e Canada avranno motivo di affermare che le loro autorità e il loro comando militare è pronto per questo ma “non c’entra assolutamente nulla”.

Forze NATO in Polonia

In questo contesto, si richiama l’attenzione sulla pubblicazione nell’edizione britannica di The Telegraph, in cui si afferma che “la Russia crea condizioni in cui dovrebbe dare l’impressione che le truppe russe stiano solo reagendo all’aggressione dell’Ucraina e dei paesi occidentali”.

Un quotidiano britannico cita ora l’MI6 affermando che la Russia sta cercando una scusa per “invadere l’Ucraina”. E dopotutto, questa pubblicazione si pone sullo sfondo del riconoscimento della CNN che non si può parlare di alcuna invasione russa dell’Ucraina, ma esattamente ciò di cui si parla è che “l’intelligence statunitense sta conducendo un’operazione di informazione strategica (disinformazione) per contenere la Russia “. Si scopre che tutte le dichiarazioni sul ritiro di istruttori militari dai paesi della NATO dal territorio dell’Ucraina rientrano in questa “operazione”, che in realtà si basa su falsi e disinformazione dei media.

Fonte: Topwar.ru/

Traduzione: Sergei Leonov

Sorgente: controinformazione.info | Le dichiarazioni sul ritiro delle truppe della NATO dall’Ucraina potrebbero rivelarsi una copertura informativa per l’imminente operazione nel Donbass

seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot