il manifesto del 11.02.2022 – il manifesto

il manifesto del 11.02.2022 – il manifesto

11 Febbraio 2022 0 Di Luna Rossa

Nel Giorno del ricordo una circolare del ministero dell’Istruzione equipara le vittime delle foibe a quelle della Shoah. Sull’onda delle proteste della Comunità ebraica e dell’Anpi, il ministro Bianchi corre ai ripari. Ma il testo incriminato inviato a tutte le scuole resta sul sito del Miur

Italia

Il Miur riscrive la Storia: le foibe come la Shoah

Guido Caldiron

Bianchi rettifica la circolare alle scuole che però resta sul sito del ministero. L’analisi dello storico Eric Gobetti. «Sul fondo il problema è che fin dall’inizio con il Giorno del Ricordo si è voluto imporre una memoria di parte invece di ricordare tutte le vittime e anche la storia multietnica di quelle terre»

Commenti

Il Giorno del ricordo italiano è fatto per dimenticare

Davide Conti

Ieri una circolare del Ministero dell’Istruzione ha paragonato le foibe alla Shoah giungendo all’estremo della falsificazione storica. Ci saranno polemiche ma basterà dichiarare che è stata una svista. Intanto però questo aberrante concetto lo faremo circolare pubblicamente ed è questo l’importante perché sarà il primo passo per una sua diffusione nel senso comune.

GIUSTIZIA

Toghe in politica, il muro si alza per tutti

Andrea Fabozzi

Oggi in Consiglio dei ministri la tanto attesa riforma del Csm e dell’ordinamento giudiziario. Polemiche nella maggioranza perché Draghi e Cartabia tengono nascosti i testi degli emendamenti. Mediazioni fino alla fine, poi nel preconsiglio la novità che lo stop alle funzioni giurisdizionali varrà non solo per i magistrati eletti ma anche per quelli con incarichi politici di governo o nelle giunte

Scuola

Studenti ancora in piazza: «Stop all’alternanza scuola-lavoro»

Roberto Ciccarelli

Oggi manifestazioni in una decina di città. Maturità 2022, nuovi punteggi: «Troppo poco, revocare la seconda prova». Da Torino la risposta alla ricostruzione della repressione fattadalla ministra degli Interni Lamorgese: “Inaccettabile la retorica sugli infiltrati. Si prenda le sue responsabilità e si dimetta. Vogliamo risposte non provocazioni”. Nuove occupazioni anche a Milano

Sinopoli (Flc Cgil): «Un grande movimento per cambiare la scuola pubblica»

Roberto Ciccarelli

Il segretario della Cgil scuola: “Gli studenti  fanno bene a riprendersi la parola e a porre il problema dell’alternanza scuola lavoro e delle regole della maturità. Come sindacato ci confronteremo nel massimo rispetto della sua autonomia. Insieme possiamo costruire un grande movimento per cambiare la scuola pubblica perché non possiamo uscire dalla pandemia peggio di come ci siamo entrati. Bianchi e Orlando avviino un confronto strutturato con il movimento”

Commenti

La più sensata tra le forme della politica

Marco Bascetta

Gli studenti delle scuole superiori che si sono mobilitati in massa in tutto il paese a partire da una condizione vissuta riportano in vita la più sensata tra le forme della politica, quella che passa al contropelo i precetti delle ideologie dominanti e il senso comune che si trascinano dietro

Renzi accusa ancora i pm di Open, e va allo scontro con l’Anm

Riccardo Chiari

Dall’associazione magistrati una convinta difesa dei colleghi Creazzo, Turco e Nastasi, denunciati dal senatore di Iv: “Hanno formulato una ipotesi di accusa che dovrà essere vagliata entro il processo, non è tollerabile che siano screditati sul piano personale soltanto per aver esercitato il loro ruolo”. Ma il senatore di Scandicci non si ferma: “Mi assumo la responsabilità di questa strategia legale”. E annuncia un libro sull’inchiesta Open.

Firme digitali, nuova era

Antonella Soldo

Per la prima volta nella storia della Repubblica, in soli 7 giorni – dall’11 al 18 settembre 2021 – si è raggiunto il numero di firme necessarie a convocare un referendum. Sulla cannabis. Ma non è una questione di click

Europa

Macron rilancia il nucleare, presto nuovi reattori

Anna Maria Merlo

Nel programma del presidente, dal forte risvolto elettorale: 6 nuovi siti dal 2035, altri 8 allo studio e proroga delle centrali in servizio al di là dei 50 anni. Nei piani anche l’aumento del 10% del solare e la costruzione di 50 parchi eolici in mare entro il 2050

Internazionale

Parigi-Berlino-Mosca, si tratta senza sosta

Luigi De Biase

Il cancelliere tedesco Scholz presiede il formato Normadia e rassicura i Baltici: «La de-escalation è un obbligo». Lavrov: «Con Londra come tra muti e sordi». Manovre russe in Bielorussia: 15 anni fa il discorso di Putin che spiega anche questa crisi

Golpe morbido, Tobruk nomina un nuovo premier

Michele Giorgio

Il parlamento nell’est del Paese ha nominato all’unanimità come nuovo primo ministro Fathi Bashagha. Il premier in carica Dabaiba, sfuggito mercoledì notte a un attentato, fa sapere che non riconoscerà il voto

«La prigionia di Ocalan è una finzione giuridica»

Chiara Cruciati

Sulla detenzione in totale isolamento del leader curdo e sull’inserimento del Pkk nella lista del terrorismo esistono sentenze avanzatissime, in Italia e in Europa. Ma la politica non interviene. I contenuti della conferenza stampa di Roma in vista delle manifestazioni italiane di domani

Comicità ma non politica

Matteo Boscarol

Ogni giorno e a qualsiasi ora, la televisione giapponese è popolata da una selva di comici che svolgono le più svariate funzioni,

Parlare e ridere di sé è un’arte sovversiva. A volte.

Mariangela Mianiti

Nei numerosi incontri che si fanno nella vita, alcuni li perdi e poi ritornano, e quando ritornano capisci perché. Questa storia comincia da Daniela Rossi, che non saprei nemmeno definire tante sono le cose che fa, e quindi la chiamerò animatrice culturale e femminista.

Commenti

Crisi ucraina, le gravi e storiche responsabilità dell’Unione europea

Luciana Castellina

Gorbaciov offrì il ritiro militare dai Paesi del Patto di Varsavia, con l’impegno paritario a non estendere a Est la Nato. Ma quella occasione di porre fine alla guerra fredda fu sepolta. L’Europa unita non è nata a Ventotene, ma a Washington: il primo voto a favore fu del Congresso Usa nel marzo del 1947. Serviva schierarla lungo la Cortina di ferro

Sorgente: il manifesto del 11.02.2022 – il manifesto