Biglietto apolitico: fino a che punto di ipocrisia cade a pezzi un’élite?

 Biglietto apolitico: fino a che punto di ipocrisia cade a pezzi un’élite?

22 Febbraio 2022 0 Di Luna Rossa
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot

di Karine Bechet-Golovko

Questo fine settimana abbiamo assistito all’impegno della fase militare attiva nel Donbass, che ha provocato vittime da entrambe le parti, ma civili solo nel Donbass e, parallelamente a questa escalation dei combattimenti, l’ipocrisia delle nostre élite politiche ha superato ogni accettabile limiti: qualunque cosa faccia l’esercito ucraino, la Russia è il nemico . Questa osservazione non è nuova, ha sempre accompagnato i rapporti tra Occidente e Russia, con poche eccezioni tattiche. Ma non c’è un grado di ipocrisia che, una volta raggiunto, porta queste élite a scomparire? Ovviamente possiamo dubitare.

Senza entrare nei dettagli dei combattimenti di questo weekend, ricordiamo semplicemente che già in due occasioni l’esercito ucraino ha colpito con proiettili il territorio della Federazione Russa; che nel Donbass è organizzata un’evacuazione generale di donne, bambini e anziani verso la Russia, anche se molti civili vogliono restare a difendere la loro terra; che l’esercito ucraino utilizza l’artiglieria pesante in prima linea; che i gruppi di sabotaggio vengano inviati a Donetsk per minare le infrastrutture e spaventare la popolazione; che l’infrastruttura civile vitale per la fornitura di acqua, elettricità e gas è sistematicamente presa di mira dall’esercito ucraino; che ci sono vittime civili nel Donbass e combattenti da entrambe le parti.

Volodin, portavoce della Duma, ha affermato che la questione dell’aggravamento della situazione nel Donbass sarà discussa dai deputati lunedì. Alcuni deputati di Russia Unita cominciano a scoprire che non è possibile accontentarsi delle dichiarazioni. Peskov, il portavoce del Cremlino, ha anche affermato che ora Putin ha tutte le ragioni per non vedere Zelensky pronto a portare a termine gli accordi di Minsk.

Nel frattempo, politici e media occidentali continuano ad accusare la Russia di aver attaccato l’Ucraina, di aver provocato l’esercito ucraino. Minaccia di sanzioni contro la Russia da una parte e consegna di armi all’Ucraina dall’altra, i nostri governi stanno facendo le spaccature.

Durante il suo intervento alla Conferenza di Monaco, Charles Michel , Presidente del Consiglio europeo, ha dichiarato:

” Gli occidentali non possono continuare a estendere ‘un ramo d’ulivo’ indefinitamente mentre la Russia intensifica la tensione lungo il confine ucraino “.
Liz Truss , il ministro degli Esteri britannico, ha dichiarato:
” Il Regno Unito e la comunità internazionale devono unirsi per affrontare l’aggressione di Mosca e opporsi a Putin “.

Quanto a Biden, non si smuove dalle sue affermazioni:
Biden ha detto: ‘Sono convinto’ che Putin abbia deciso di invadere ulteriormente l’Ucraina. Ha citato la “significativa capacità di intelligence” del governo degli Stati Uniti. “Abbiamo motivo di crederlo”, ha aggiunto .

Donetsk cerimonia

Dal canto suo, Borrell ha perfettamente indicato il problema fondamentale: siamo di fronte a un confronto ideologico, che ha come posta in gioco la sovranità degli Stati . Poi, ovviamente, per lui, in questo mondo globale, la sovranità è antidemocratica. In effetti, come potrebbe uno Stato rimanere sovrano in un mondo globale? Il conflitto è infatti ideologico e in questo senso insormontabile: ogni compromesso è una resa.

In questo contesto suona strana e traducibile la proposta formulata da Macron , subito accolta dagli Stati Uniti (salvo “invasione dell’Ucraina”) e per il momento considerata prematura dal Cremlino , di organizzare un vertice in Europa con Biden e Putin in questo modo: se l’attuale operazione americana in Ucraina non va a buon fine, gli Stati Uniti sono pronti a discutere con la Russia, in modo che permetta loro di guadagnare politicamente ciò che perderanno militarmente.

E in questo contesto, l’ Ambasciata degli Stati Uniti a Mosca annuncia una possibile ondata di attacchi a Mosca, San Pietroburgo e nelle regioni di confine con l’Ucraina:
” Secondo notizie di stampa, vi sono minacce di attacchi a centri commerciali, stazioni ferroviarie e della metropolitana e altri luoghi pubblici nelle principali aree urbane “, ha affermato l’ambasciata in una nota, che non cita specifici articoli di stampa.

Senza “ citare articoli di stampa in particolare ”, non è più un’informazione per i cittadini, è una minaccia diretta contro il Paese.
Così, mentre gli abitanti del Donbass riprendono le armi nell’ambito della mobilitazione generale nuovamente dichiarata, mentre i bambini vengono evacuati e privati… dell’infanzia, mentre un anziano viene ucciso dalle sparatorie dell’esercito ucraino mentre sta aspettando l’autobus per andare al lavoro, mentre che due anziani sono morti nel sonno e nella loro casa quando è stata fatta saltare in aria dall’esercito ucraino, si sentono solo minacce contro la Russia, nessuna parola che chiede all’Ucraina di cessare il fuoco.

Se la politica, e la geopolitica, richiedono sempre una certa dose di ipocrisia e amoralità, non c’è un limite? Un’élite politica non scompare come un’élite a un certo livello di ipocrisia e amoralità?

Le leggi della fisica sembrano pessimiste sulla questione della disintegrazione dei corpi solidi, in ogni caso se dobbiamo credere alla settima lezione del corso di fisica all’École polytechnique di G. Lamé (p.80-81):

Risultano da queste circostanze due proprietà distinte dei corpi solidi; una è l’elasticità, è la proprietà di cui gode un corpo solido di ritornare rigorosamente alle sue dimensioni originarie quando, compresse o dilatate da forze esterne, queste forze cessano di essere applicate ad esso (…). L’altra proprietà, quella posseduta da un corpo solido di densità e forma cangiante senza disintegrarsi, sotto l’effetto di forze che superano i limiti della sua elasticità, porta nomi diversi a seconda del modo esterno con cui lo mette in gioco. “.

Mio Dio, non ce ne libereremo mai! L’elasticità delle nostre élite politiche supera di gran lunga tutto ciò che la natura intende, ma se in aggiunta non si disintegrano sotto l’effetto di forze che superano la loro capacità di riprendere, di punto in bianco, il corso delle cose, se solo cambiano forma e densità , non ne usciremo mai! D’altra parte, sono così fluenti e fuggenti che, forse, non seguono le leggi fisiche dei corpi solidi …

Alla fine, forse abbiamo bisogno di un po’ più… élite solide.

Karine Bechet-Golovko

fonte: russiepolitics.blogspot.com

Traduzione: Gerard Trousson

Sorgente: controinformazione.info | Biglietto apolitico: fino a che punto di ipocrisia cade a pezzi un’élite?

seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot