Le forze di sicurezza libiche interrompono violentemente la protesta dei migranti | Protests News | Al Jazeera

Le forze di sicurezza libiche interrompono violentemente la protesta dei migranti | Protests News | Al Jazeera

10 Gennaio 2022 0 Di ken sharo

Le forze di sicurezza hanno arrestato centinaia di migranti che protestavano fuori da un centro chiuso delle Nazioni Unite, hanno affermato attivisti e migranti.

I migranti aspettano di essere rimpatriati dalla Guardia Costiera libica
Negli ultimi anni la Libia è emersa come il punto di transito dominante per le persone in fuga dalla guerra e dalla povertà in Africa e Medio Oriente [File: Anadolu]

Le forze di sicurezza libiche hanno fatto irruzione e hanno violentemente interrotto un sit-in di protesta di migranti fuori da un centro comunitario delle Nazioni Unite chiuso nella capitale Tripoli, hanno affermato attivisti e migranti.

Le truppe sono arrivate durante la notte, hanno distrutto il luogo della protesta e arrestato centinaia di persone, ha detto lunedì l’attivista Tarik Lamloum. I detenuti sono stati inviati in un centro di detenzione nella vicina città di Ain Zara. Altri sono riusciti a fuggire dal raid, ha detto.

Lamloum, che lavora con l’organizzazione locale Belaady per i diritti umani, ha detto che almeno un leader della comunità di migranti è stato colpito a colpi di arma da fuoco durante il raid.

I migranti, tra cui donne e bambini, si erano accampati fuori dal centro di Tripoli da ottobre, in cerca di protezione a seguito di una massiccia repressione dei rifugiati e dei richiedenti asilo, e chiedendo un trattamento migliore da parte delle autorità libiche.

Aiysha, una migrante sudanese, ha partecipato al sit-in di protesta insieme alla sua famiglia da ottobre. La madre dei due ha detto che la polizia ha picchiato e arrestato i migranti. Lei era tra i detenuti.

“Siamo stati colti alla sprovvista”, ha detto, parlando all’Associated Press al telefono dal centro di detenzione di Ain Zara. Ha dato solo il suo nome, temendo per la sua incolumità. “Hanno bruciato le tende, bruciato tutto”.

Il Norwegian Refugee Council e l’International Rescue Committee hanno affermato che oltre 600 persone sono state detenute nel raid.

“Questo è il culmine di una situazione disastrosa che è peggiorata” dopo la detenzione di massa dei migranti di ottobre, ha affermato Dax Roque, direttore della Libia del NRC.

Entrambi i gruppi hanno esortato le autorità libiche a rilasciare immediatamente le persone detenute e a fornire loro protezione da ulteriori violenze.

Un portavoce del governo non ha risposto alle telefonate e ai messaggi in cerca di commenti.

Nella repressione di ottobre, le autorità libiche hanno arrestato più di 5.000 persone, tra cui centinaia di bambini e donne, decine delle quali incinte, secondo le Nazioni Unite.

Le autorità dell’epoca la descrissero come un’operazione di sicurezza contro l’immigrazione illegale e il traffico di droga. Le persone detenute sono state portate in centri di detenzione sovraffollati, suscitando proteste da parte delle Nazioni Unite e dei gruppi per i diritti umani.

Una rivolta sostenuta dalla NATO ha rovesciato e ucciso il leader di lunga data Muammar Gheddafi nel 2011, facendo precipitare la Libia ricca di petrolio nel caos, che da allora persiste.

Il Paese nordafricano è emerso negli ultimi anni come punto di transito dominante per rifugiati e richiedenti asilo in fuga dalla guerra e dalla povertà in Africa e Medio Oriente, sperando in una vita migliore in Europa.

I trafficanti hanno sfruttato il caos e spesso ammassano famiglie disperate su barche di gomma o di legno mal equipaggiate che si fermano e affondano lungo la pericolosa rotta del Mediterraneo centrale. In migliaia sono annegati lungo il percorso, altri sono stati intercettati e riportati in Libia.

Le persone detenute sulla terraferma e altre rimandate a terra vengono spesso portate in centri di detenzione gestiti dal governo, dove si trovano torture, aggressioni sessuali e altri abusi.

Gli investigatori incaricati delle Nazioni Unite hanno affermato a ottobre che gli abusi e i maltrattamenti dei migranti in mare, nei centri di detenzione e per mano dei trafficanti in Libia costituiscono crimini contro l’umanità.

Sorgente: Libyan security forces violently break up migrant protest | Protests News | Al Jazeera

Spread the love