0 13 minuti 2 anni

Il centrodestra si schianta in aula su Casellati. Alla sesta votazione boom per il Mattarella bis con 336 voti. Salvini si arrende e accetta di incontrare Letta e Conte. I leader di M5s e Lega annunciano una donna presidente. Grillo: «È Belloni». Il muro di Pd, Leu, Renzi e Forza Italia

Editoriale

Mattarella for president

Norma Rangeri

La quinta votazione per l’elezione del 13° Presidente della Repubblica si era appena conclusa con la pesante, imbarazzante bocciatura della candidata del centrodestra, la presidente del senato Elisabetta Casellati, e mentre nel sesto scrutinio il nome di Mattarella riceveva una valanga di voti, in realtà la vera sorpresa della giornata arrivava in serata

Mattarella decolla nell’urna dopo il suicidio di Casellati

Andrea Fabozzi

La presidente del senato pretende la conta sul suo nome, il centrodestra controlla i voti ma va a sbattere. Quando i grandi elettori del centrosinistra tornano a votare, malgrado l’indicazione della scheda bianca, le preferenze per il presidente della Repubblica in carica salgono a 336. E il Pd dice: tenerne conto

Economia

Così Vestager ha regalato Ita a Lufthansa

Massimo Franchi

I documenti della commissione Ue resi in parte pubblici: condizioni capestro per favorire il gigante di Berlino. Sotto la spinta della Cub si scopre che i tedeschi offrirono un solo euro per Alitalia nel 2017

CRISI UCRAINA

Macron e Putin: «Sì alla de-escalation della tensione»

Anna Maria Merlo

Accordo dopo un’ora di telefonata. L’obiettivo: il cessate-il-fuoco al confine russo-ucraino. L’iniziativa del presidente francese punta a far avanzare l’autonomia strategica europea. Biden chiede il Consiglio di sicurezza Onu: ma il 1° febbraio la presidenza è russa

Internazionale

Zelensky: «L’Occidente non crei panico»

Luigi De Biase

Conferenza stampa del presidente ucraino dopo la telefonata con Joe Biden. A cui dice di «calmare» i continui avvertimenti su una guerra imminente e la minaccia russa. Il rischio più grande, ripete, è l’instabilità interna

Tigray alla fame, sospesi gli aiuti: troppo rischioso

Fabrizio Floris

La guerra prosegue, crisi umanitaria senza freni: migliaia di morti per malnutrizione, ma le organizzazioni internazionali non riescono a passare. L’Oms accusa il governo etiope. Una speranza dall’Onu: «C’è uno sforzo per la pace»

L’ultimo regalo di al-Sisi all’esercito: 37 isole del Nilo

Chiara Cruciati

Da tempo nel mirino per una speculazione di lusso, ora quei territori vengono assegnati dal presidente alle forze armate e al loro impero economico. Rischio sgombero per centinaia di migliaia di egiziani poveri, contadini e pescatori, che da anni si battono per restare

Missili contro l’aeroporto di Baghdad, Iraq sempre senza governo

Michele Giorgio

Non è chiaro chi abbia colpito lo scalo internazionale ma l’attacco potrebbe essere un effetto delle forti tensioni tra gli schieramenti sciiti rivali che ancora impediscono la formazione del nuovo esecutivo ad oltre tre mesi dalle elezioni di ottobre.

Cultura

La cerimonia muta in ascolto del mondo

Sara De Simone

«Le campane», a proposito dell’ultima silloge in versi edita da Einaudi. Tra i temi emerge un certo modo di stare nella vita: attraversandola sentendo gli altri, umani e non umani. Nel suo ultimo libro scrive anche della tragedia di Bergamo – sua città natale – stravolta dalla pandemia nel 2020, o dei naufragi sulle coste del nostro Mar Mediterraneo. Chi prova a definire il mistero lo perde, chi inchioda un senso al suono lo fraintende. Ogni poeta ce lo insegna: si ama la poesia se si accetta di non capirla fino in fondo

La manodopera coatta e l’emigrazione organizzata dei civili

Brunello Mantelli

Una mostra online e due portali biografici raccontano cosa accadde in quei sette anni, dal 1938 al 1945. Un milione e duecentomila italiani per l’industria di guerra del Terzo Reich: un aspetto specifico della subalternità dell’Italia fascista alla Germania nazista

Rubriche

Federica Di Carlo, intervista visiva #01

Giuliana Benassi, Costanza Fraia

Scopri la nostra prima ospite del 2022. ALT è una rubrica mensile dedicata  alle artiste e agli artisti emergenti, una “vetrina virtuale”, un racconto visivo del proprio lavoro: non solo l’opera “finita” ma tutto il processo necessario alla sua realizzazione, e il tempo, ovvero la disciplina quotidiana che si nasconde dietro ogni creazione. Arte, Lavoro, Tempo, cioè ALT

L’Ultima

L’«epidemia» da uranio impoverito

Gregorio Piccin

Intervista all’avvocato Angelo Fiore Tartaglia che ha intentato causa alla Nato: «Oltre ai militari italiani colpiti, chiedono giustizia le vittime civili dei Paesi bombardati come Serbia e Afghanistan. Con 260 sentenze vinte per la sua iniziativa, la Difesa ha fatto dietrofront e la correlazione tra gravi forme tumorali ed esposizione all’uranio impoverito è giurisprudenza»

Alias

Il Bloody Sunday di Tony Doherty

Guido Caldiron

Nel 50° anniversario della strage di Derry del 1970 parla l’autore de «Il piccolo di papà», pubblicato da Nutrimenti. Misurando attraverso la trama del romanzo anche le tappe della propria storia personale, l’autore che perse quel giorno il padre Paddy ucciso dai parà inglesi, si fa interprete di un racconto della «grande storia» che si nutre delle emozioni, le scoperte e i traumi di un ragazzino della comunità cattolica di Brandywell

Prossima scena: esterno Islanda

Luca Manes

Sempre più numerosi, tra gli scenari naturali del paese dei ghiacci, spuntano i set cinematografici e televisivi

Tra vulcani e ghiacciai, Ósk Vilhjálmsdóttir

Massimo De Feo

In residenza al Circolo Scandinavo di Roma, l’artista islandese racconta le sue opere eclettiche, tra film, scultura, pittura e performance, sempre improntate all’impegno ambientalista

Botrugno e Coluccini, il coraggio di Lucy

Sarah-Hélèna Van Put

Il documentario «C’è un soffio di vita soltanto» restituisce il ritratto straordinario di Lucy Salani, sopravvissuta al fascismo, agli abusi subiti, e all’Olocausto

Notizie da Tromsø

John Anthony Bleasdale

Perché mi trovo qui nel nord della Norvegia in pieno e buio inverno? Semplice: c’è il Tromsø International Film Festival

Altre notti, altri compagni

Federico Cartelli

Alla domanda «di che razza è?», relativa al cane tolto dalla strada, si ribadiva: «è un Billi»…

Sorgente: il manifesto del 29.01.2022 – il manifesto


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.