La leadership del Tigray ritira le forze ribelli mentre il presidente regionale chiede alle Nazioni Unite di aiutare a porre fine al conflitto – CNN

La leadership del Tigray ritira le forze ribelli mentre il presidente regionale chiede alle Nazioni Unite di aiutare a porre fine al conflitto – CNN

21 Dicembre 2021 0 Di ken sharo

(CNN)Il leader della regione settentrionale del Tigray in Etiopia ha annunciato domenica il ritiro delle forze ribelli dalle aree limitrofe del Paese, una mossa che potrebbe segnalare la possibilità di un cessate il fuoco dopo 13 mesi di guerra.

In una lettera al segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres e al presidente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite Abdou Abarry, datata domenica e vista lunedì dalla CNN, Debretsion Gebremichael, il leader della regione del Tigray, ha affermato di aver “ordinato quelle unità che si trovano al di fuori dei confini del Tigray ritirarsi ai confini del Tigray con effetto immediato.”
Dopo aver ascoltato l’appello a ritirarsi sia dalla comunità internazionale che dal governo federale etiope, Gebremichael ha affermato che il Fronte di liberazione popolare del Tigray (TPLF) confida che “il loro audace atto di ritiro sarà un decisivo atto di apertura per la pace”, aggiungendo che spera di iniziare negoziati di pace dopo la cessazione delle ostilità.
Le forze del Tigray e il governo federale etiope sono in conflitto dal novembre 2020, quando il primo ministro etiope Abiy Ahmed ha ordinato un’offensiva militare nel Tigray a seguito di lunghe controversie sul governo della regione.
I combattimenti hanno provocato migliaia di morti, oltre 2 milioni di sfollati , alimentato la carestia e provocato un’ondata di atrocità .
Abiy ha negato che i civili siano stati feriti o che i soldati della vicina Eritrea si siano uniti alla lotta, ma i rapporti di osservatori internazionali, gruppi per i diritti umani e CNN hanno scoperto molteplici atrocità.
Nella lettera di domenica, Gebremichael ha chiesto ai diplomatici delle Nazioni Unite di dare “pieno appoggio a una cessazione immediata delle ostilità seguita da negoziati” e ha invitato il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite a “stabilire un meccanismo per garantire l’immediata e vera cessazione di tutte le forme di ostilità”. ” e “il ritiro totale di tutte le forze esterne” nella regione.
Il leader del Tigray ha anche chiesto l’istituzione di una no-fly zone per gli aerei ostili sul Tigray, con l’eccezione di scopi umanitari e civili, nonché l’imposizione di embargo sulle armi all’Etiopia e all’Eritrea.
Nella lettera, Gebremichael ha anche espresso una profonda delusione per il fatto che la comunità internazionale, comprese le Nazioni Unite, non abbia trovato un modo per garantire che le forniture di cibo arrivassero nella regione nel corso del conflitto.
“Siamo fiduciosi che tu e il Consiglio di sicurezza raddoppierete i vostri sforzi per garantire che il crimine di guerra della fame sia fermato e gli aiuti forniti”, ha detto Gebremichael.
A settembre, il capo degli aiuti delle Nazioni Unite Martin Griffiths ha dichiarato che vaste aree della regione devastata dalla guerra erano in preda a una carestia “causata dall’uomo” e ha esortato il governo etiope a facilitare l’accesso. Il governo etiope ha ripetutamente respinto le accuse di blocco degli aiuti.
Il portavoce del TPLF Getachew Reda ha dichiarato in un tweet di lunedì che ritirandosi, “crediamo di aver tolto qualsiasi scusa che la comunità internazionale ha per spiegare la sua esitazione quando si tratta di fare pressione su Abiy Ahmed e sui suoi partner regionali nel crimine per fermare la loro campagna di genocidio nel Tigray”.
Venerdì scorso, il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha votato in una sessione speciale per istituire una commissione di esperti di diritti umani sul conflitto in Etiopia, una mossa con cui il governo federale etiope ha dichiarato di non voler collaborare.
Nel frattempo, la decisione delle Nazioni Unite è stata accolta dalla leadership regionale del Tigray, che ha affermato che è “incoraggiante apprendere che il Consiglio ha finalmente sottoscritto la realtà che il regime di Abiy sta solo cercando l’impunità per tutte le atrocità commesse ai sensi del diritto internazionale che sono stati commessi sotto il suo diretto comando».

Sorgente: La leadership del Tigray ritira le forze ribelli mentre il presidente regionale chiede alle Nazioni Unite di aiutare a porre fine al conflitto – CNN