Julian Assange, ictus in carcere per il fondatore di WikiLeaks: “Colpa della pressione Usa per l’estradizione”

Julian Assange, ictus in carcere per il fondatore di WikiLeaks: “Colpa della pressione Usa per l’estradizione”

12 Dicembre 2021 0 Di Luna Rossa

Julian Assange ha avuto un ictus nella prigione di Belmarsh, ha rivelato la scorsa notte la sua fidanzata Stella Moris. Il padre di WikiLeaks, 50 anni, detenuto in custodia cautelare nel carcere di massima sicurezza mentre combatte contro l’estradizione negli Stati Uniti, dopo l’evento – riporta il Daily Mail – è rimasto con la palpebra dell’occhio destro cadente, problemi di memoria e segni di danni neurologici.

Assange crede che il mini-ictus sia stato innescato dallo stress dell’azione giudiziaria statunitense in corso contro di lui e da un generale declino della sua salute mentre affronta il suo terzo Natale dietro le sbarre. È successo durante un’apparizione all’Alta Corte tramite collegamento video da Belmarsh in ottobre. Un “attacco ischemico transitorio” – l’interruzione dell’afflusso di sangue al cervello – può essere un segnale di avvertimento di un ictus completo. Assange quindi si è sottoposto a una risonanza magnetica e ora sta assumendo farmaci per evitare il ripresentarsi dell’ictus.

La sua compagna Stella Moris, 38 anni, avvocato, ha dichiarato: “Julian sta lottando e temo che questo mini-ictus possa essere il precursore di un attacco più grave. Aumenta le nostre paure sulla sua capacità di sopravvivere più a lungo va avanti questa lunga battaglia legale. Deve risolversi urgentemente. Guarda gli animali intrappolati nelle gabbie di uno zoo. Gli accorcia la vita. È quello che sta succedendo a Julian. I casi giudiziari senza fine sono estremamente stressanti mentalmente”. Moris ha aggiunto che è stato tenuto nella sua cella per lunghi periodi ed era “a corto di aria fresca e luce solare, di una dieta adeguata e degli stimoli di cui ha bisogno”.

Gli avvocati di Assange sostenevano che nelle prigioni statunitensi sarebbe potuto essere detenuto in condizioni che avrebbero potuto portare a un serio rischio di suicidio. L’Alta Corte ha annullato la precedente sentenza dopo che il governo Usa ha offerto assicurazioni sulla sua potenziale reclusione.

Moris ha detto: “Credo che questa costante partita a scacchi, battaglia dopo battaglia, lo stress estremo, sia ciò che ha causato l’ictus di Julian il 27 ottobre. Si sentiva davvero male, troppo male per seguire l’udienza, ed è stato scusato dal giudice ma non ha potuto lasciare la sala video della prigione. Deve essere stato orribile ascoltare un appello dell’Alta Corte a cui non puoi partecipare, che parla della tua salute mentale e del tuo rischio di suicidio e in cui gli Stati Uniti sostengono che ti stai inventando tutto. Ha dovuto sopportare tutto questo. Era in uno stato davvero terribile. I suoi occhi erano fuori sincronia, la sua palpebra destra non si chiudeva, la sua memoria era sfocata”.

Assange è stato visitato da un medico, che ha riscontrato una risposta ritardata della pupilla quando una luce è stata illuminata in un occhio, un segno di un potenziale danno ai nervi.

La signora Moris e Assange hanno due figli, Gabriel, quattro, e Max, due, e sono fidanzati da cinque anni. Ha detto che si era “più o meno” ripreso, ma teme che l’attacco dimostri che la sua salute sta peggiorando. Ieri è andata a trovarlo per circa un’ora, portando i bambini a vederlo in una sala della prigione condivisa da decine di detenuti e dai loro cari. Ha detto che Assange era angosciato per essere stato tenuto lontano dalla sua famiglia, aggiungendo: “Trova difficile la prospettiva di un terzo Natale in prigione“.

Gli Stati Uniti vogliono che Assange affronti le accuse di cospirazione per ottenere e divulgare informazioni sulla difesa nazionale dopo che Wikileaks ha pubblicato centinaia di migliaia di documenti trapelati relativi alle guerre in Afghanistan e Iraq. Si è rifugiato presso l’ambasciata ecuadoriana a Londra nel 2012 perché temeva l’estradizione, rimanendo per sette anni fino a quando non è stato rimosso con la forza e inviato a Belmarsh nel 2019.

Ha tempo fino al 23 dicembre per presentare ricorso contro la sentenza della scorsa settimana e potrebbe dover affrontare molti mesi – potenzialmente anni – in attesa di giudizio nel Regno Unito.

La Moris ha dichiarato: “Rimane un oltraggio che qualcuno che non sta scontando una pena detentiva debba essere tenuto in prigione per anni e anni. Julian non è una minaccia per nessuno ed è un totale disprezzo per la sua libertà individuale e il nostro diritto a una vita familiare. Gli Stati Uniti giocano sporco: è una guerra di logoramento come si vede dal mini-ictus, questo sta avendo un impatto pericoloso su di lui”.

Gianni Emili

Sorgente: Julian Assange, ictus in carcere per il fondatore di WikiLeaks: “Colpa della pressione Usa per l’estradizione” – Il Riformista