Ricordiamo la risoluzione 181 sulla spartizione della Palestina – Middle East Monitor

Ricordiamo la risoluzione 181 sulla spartizione della Palestina – Middle East Monitor

29 Novembre 2021 0 Di ken sharo

Che cosa?

Piano di spartizione delle Nazioni Unite per la Palestina emesso dall’Assemblea Generale nella Risoluzione 181

Quando?

29 novembre 1947

Quello che è successo?

Gli inglesi, ai quali era stato conferito il mandato sulla Palestina nel 1922, avevano quasi ammesso la sconfitta nel 1947. Gli obiettivi contraddittori della Dichiarazione Balfour del 1917 , che prometteva “l’istituzione in Palestina di un focolare nazionale per il popolo ebraico”, e per il la stragrande maggioranza della popolazione indigena, assicurando che “non venga fatto nulla che possa pregiudicare i diritti civili e religiosi delle comunità non ebraiche esistenti in Palestina”, era diventato insostenibile.

Una combinazione di violenza comunitaria e orribili atti di terrorismo compiuti dai coloni sionisti dall’Europa contro gli inglesi ha reso insostenibile la loro presenza in Palestina. Diversi gruppi terroristici sionisti dichiararono guerra alla Gran Bretagna. Lanciarono una serie di attacchi contro gli inglesi, il più notevole dei quali fu l’attentato al King David Hotel nel 1946, dove si trovava il quartier generale amministrativo britannico; 91 persone sono state uccise nell’attacco.

Un anno dopo, all’inizio del 1947, il governo britannico annunciò la sua decisione di consegnare il disastro che aveva creato in Palestina all’ONU e di porre fine al suo mandato. Il 29 novembre 1947, contro la volontà del popolo palestinese, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York votò per la spartizione della Palestina, adottando la Risoluzione 181 . Raccomandava la spartizione della Palestina in uno stato ebraico e uno arabo.

Nonostante le forti proteste, l’Assemblea Generale ha rifiutato una risoluzione per sottoporre la questione palestinese alla Corte Internazionale di Giustizia (ICJ) per determinare se l’ONU avesse una giurisdizione per raccomandare la spartizione della Palestina o di qualsiasi altro paese per quella materia. I palestinesi, e gli arabi in generale, erano dell’opinione che l’ONU non avesse alcun interesse a dividere i paesi in due, specialmente quando la stragrande maggioranza della popolazione era contraria a una tale spartizione in stile coloniale. Lo spirito di autodeterminazione delle popolazioni indigene delineato dal presidente degli Stati Uniti Woodrow Wilson era ormai diventato un ideale normativo. Il piano è stato respinto anche perché la Carta delle Nazioni Unite concede all’Assemblea Generale solo il diritto di limitarsi a raccomandare risoluzioni, rendendo la loro proposta non vincolante.

Tuttavia, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò la Risoluzione 181 dividendo così la Palestina in tre sezioni: una parte ebraica, una parte araba e una zona amministrata a livello internazionale per includere la città di Gerusalemme come  Corpus Separatum  sotto la responsabilità dell’ONU. Le autorità britanniche avevano annunciato che avrebbero posto fine al loro mandato in Palestina alla vigilia del 15 maggio 1948, dopodiché sarebbe entrato in vigore il piano di spartizione dell’ONU.

Sebbene gli ebrei costituissero solo un terzo (32%) della popolazione totale, rispetto al 9% nel 1914, il piano aveva offerto di assegnare il 55,5% del territorio alla comunità ebraica appena arrivata dall’Europa. Questo comprendeva molte delle principali città a maggioranza araba palestinese e l’importante linea costiera da Haifa a Jaffa, fino a una parte della popolazione che possedeva solo il 5,4% della terra. Lo stato palestinese sarebbe anche privato delle principali terre agricole e dei porti marittimi, il che lo ha portato a respingere la proposta. Nonostante la proposta delle Nazioni Unite di dividere la Palestina in due, il nuovo stato ebraico comprenderebbe una minoranza palestinese significativamente ampia – un milione – che è stata vista come un grosso ostacolo dai primi sionisti nei loro sforzi per creare un paese ebraico etnico-religioso.

Quello che è successo dopo?

Inutile dire che la proposta ha piantato i semi di ulteriori conflitti. Per i primi sionisti conferì la tanto agognata legittimità internazionale a quello che a quel tempo sembrava un progetto secessionista degli ebrei europei che erano fuggiti in Palestina in cerca di rifugio dall’antisemitismo europeo. Gli indigeni arabi palestinesi, tuttavia, la vedevano come un’altra proposta coloniale per dividere il loro paese e quindi rifiutarono il piano. Per quanto riguardava gli arabi palestinesi, la proposta li privava dei loro diritti storici a favore di un progetto coloniale di insediamento, che nel 1947 non aveva lasciato dubbi nella loro mente che i gruppi paramilitari sionisti, costruiti in gran parte dagli inglesi, erano intenti a spostare forzatamente e violentemente la comunità indigena.

Poco dopo la risoluzione 181 delle Nazioni Unite, scoppiò la guerra tra gli arabi palestinesi e i gruppi armati sionisti che, a differenza dei palestinesi, avevano acquisito un vasto addestramento e armi combattendo a fianco della Gran Bretagna nella seconda guerra mondiale. I gruppi paramilitari sionisti hanno lanciato una feroce campagna di pulizia etnica volta all’espulsione di massa dei palestinesi dalle loro città e villaggi per costruire lo stato ebraico, che è culminata nella Nakba (catastrofe).

Gli storici hanno documentato come in meno di sei mesi, dal dicembre 1947 alla metà di maggio 1948, gruppi armati sionisti abbiano espulso circa 440.000 palestinesi da 220 villaggi prima dello scoppio della guerra con gli stati arabi. Un numero simile è stato espulso dopo che sono scoppiati scontri con i suoi vicini. Contrariamente alla narrativa sionista, gli eserciti arabi non sono entrati in territorio israeliano e non erano intenzionati a cancellare dalla mappa il nascente stato. Sono stati inviati per fermare la pulizia etnica e i massacri che stavano spingendo centinaia di migliaia di palestinesi nei vicini paesi arabi.

Prima della guerra del maggio 1948 con gli stati arabi, alcuni dei massacri più infami erano già stati commessi da Israele; il massacro di Baldat Al-Sheikh del 31 dicembre 1947, che uccise fino a 70 palestinesi; la strage di Sa’sa’ del 14 febbraio 1948, quando 16 case vennero fatte saltare in aria e 60 persone persero la vita; e il massacro di Deir Yassin il 9 aprile 1948, quando furono massacrati circa 110 uomini, donne e bambini palestinesi.

Nel 1949, due anni dopo la risoluzione 181 delle Nazioni Unite, almeno 750.000 palestinesi fuggirono o furono espulsi con la forza dalla loro patria. Si dice che le forze sioniste abbiano commesso circa 223 atrocità a quel tempo, inclusi massacri, attacchi come bombardamenti di case, saccheggi e distruzione di proprietà e interi villaggi.

Questa politica rimane invariata con Israele che continua a demolire le proprietà palestinesi ea sfrattare e spostare i palestinesi dalle case che hanno occupato per decenni e che si trovano entro i confini dello stato palestinese come stabilito dal piano di spartizione.

Sorgente: Remembering Resolution 181 calling for the partition of Palestine – Middle East Monitor