I tuoi diritti potrebbero essere tolti rapidamente. Lo so perché è successo a me – CNN

I tuoi diritti potrebbero essere tolti rapidamente. Lo so perché è successo a me – CNN

10 Novembre 2021 0 Di ken sharo

Aggiornato 0501 GMT (1301 HKT) 10 novembre 2021

Municipio presidenziale

Marina Nemat è l’autrice di due memorie, “Il prigioniero di Teheran” e “Dopo Teheran”. Ha ricevuto premi per i suoi scritti e il lavoro relativo ai diritti umani. Nemat è un collega dei Renew Democracy Initiative ‘s Frontlines della Libertà progetto. Le opinioni espresse in questo commento sono sue. Visualizza più opinioni sulla CNN.

(CNN)Avevo 13 anni quando la Rivoluzione Islamica ha rovesciato il governo iraniano nel 1979. Sebbene fossi cristiano e vivessi in un paese a maggioranza musulmana, non avevo mai sentito discriminazioni a causa della mia fede.

Marina Nemat

Le mie nonne erano sfuggite alla rivoluzione russa del 1917 ed erano fuggite in Iran in cerca di libertà. E in una certa misura, l’avevano trovata. Mio padre era diventato un insegnante di ballo di successo a Teheran e insegnava alle coppie musulmane il cha-cha e il tango. Mia madre era una parrucchiera che acconciava i capelli delle donne musulmane alla moda. Ed ero cresciuto indossando bikini sulle rive del Mar Caspio, mentre facevo festa con i miei amici musulmani.
I leader rivoluzionari hanno promesso di espandere le libertà sociali, concedere quelle politiche e costruire una democrazia. Hanno usato le nostre lamentele contro Mohammad Reza Shah Pahlavi, lo scià dell’Iran, per conquistare la nostra fiducia e guadagnare potere. Ma non appena hanno assunto l’incarico, le poche libertà personali di cui avevamo goduto sono svanite ed è stata messa in atto una rigida legge islamica.
In meno di un anno, i diritti delle donne all’espressione di sé sono stati spogliati: ballare , cantare , tenere le mani dei nostri fidanzati in pubblico e indossare bikini sono diventate attività in gran parte proibite. Alcuni sacerdoti della mia chiesa cattolica romana, tutti cittadini stranieri che vivevano in Iran da anni, sono stati deportati e molte delle proprietà che appartenevano alla chiesa sono state confiscate.
L’ironia era che alcuni dei miei parenti cristiani si erano fidati dell’ayatollah Khomeini, il leader rivoluzionario islamico, e avevano festeggiato quando lo scià fu costretto all’esilio. Ora, loro, come me, ne stavano pagando il prezzo.
Sebbene la transizione dell’Iran da una nazione di diritti sociali limitati a una di praticamente nessuno possa sembrare una realtà lontana a coloro che vivono in democrazia, la verità è che non lo è.
Se le democrazie occidentali non stanno in guardia, i loro cittadini possono cadere preda dello stesso tipo di leader che ora controlla l’infrastruttura politica dell’Iran. I leader rivoluzionari erano populisti che hanno promesso di restituire il potere al popolo dopo decenni di governo monarchico, e per molti elettori senza diritto di voto nelle democrazie che sentono che i loro funzionari eletti hanno ignorato le loro lotte, il messaggio populista può avere un forte appeal, anche se è solo uno stratagemma.
Ma il rischio non sta solo nel perdere i diritti civili o democratici, ma nell’essere puniti per aver sfidato le autorità che hanno privato i cittadini di quei diritti.
Dopo il 1979, i nostri insegnanti affermati furono sostituiti da giovani accademici fanatici, molti dei quali erano membri della neonata Guardia rivoluzionaria iraniana. Trascorsero del tempo in classe diffondendo la propaganda del governo e cercando di persuaderci che le regole fanatiche del regime – come costringere tutte le donne e le ragazze di età superiore ai 9 anni a indossare l’hijab – erano per il nostro bene. Sostenevano che dovevamo vestirci in modo modesto in modo da non attirare l’attenzione indesiderata degli uomini.
A quel tempo, ho detto al nostro preside che ero cristiano, quindi le nuove regole islamiche di modestia non dovrebbero applicarsi a me. Lei ha risposto: “Credi nella religione sbagliata”. Ero politicamente ingenuo, ma ero anche addolorato, avendo sperimentato in prima persona perché la libertà di religione fosse importante. Ho partecipato a manifestazioni di protesta per esprimere la mia frustrazione per le nuove leggi religiose che limitavano o attaccavano i diritti delle donne iraniane.

Sorgente: Opinion: Your rights could be taken away rapidly. I know because it happened to me – CNN