I ricchi stanno distruggendo il pianeta

I ricchi stanno distruggendo il pianeta

20 Novembre 2021 0 Di Luna Rossa
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot

Per affrontare il cambiamento climatico dobbiamo iniziare dal capitale fossile. E dai ricchi, che hanno un’impronta di carbonio 25 volte più pesante del cittadino medio. Per questo sono loro per primi a dover cambiare stile di vita

Luke Savage *

La scorsa primavera il Financial Times ha pubblicato un’utile serie di grafici che mostrano la correlazione tra le emissioni di CO₂ e la distribuzione globale della ricchezza. Le disuguaglianze della crisi climatica sono spesso, in molti modi giustamente, concettualizzate come disuguaglianze tra paesi, in particolare quelle di poche economie industrializzate ricche ad alta intensità di carbonio e il resto.

Ma, come hanno mostrato molto chiaramente i dati del Financial Times, c’è in realtà un netto e molto visibile divario tra una piccola minoranza di persone estremamente ricche e tutti gli altri. Complessivamente, quelli nell’1% più ricco del mondo rappresentano il 15% delle emissioni, oltre il doppio della quota di quelli nella metà più bassa. Quelli estremamente ricchi negli ultimi trent’anni sono diventati ancora più ricchi e, come evidenziano i dati, anche le loro impronte di carbonio sono cresciute parecchio.

Se questa prospettiva viene ristretta ai singoli paesi, il divario di classe rispetto alle emissioni di carbonio è davvero sorprendente. Negli Stati uniti, quelli che si trovano nel decimo più alto delle fasce di reddito rappresentano da soli la metà delle emissioni delle famiglie, mentre la metà inferiore rappresenta meno del 10%. Gli Stati uniti certamente sono un caso piuttosto estremo, ma lo stesso modello di base funziona anche per molte delle grandi economie industrializzate, un punto che sottolinea che le divisioni all’interno dei paesi sono spesso importanti almeno quanto le divisioni tra di loro.

C’è un genere ricorrente di scritti ambientalisti che sostiene che la strada per un futuro più verde passa attraverso una sorta di radicale penitenza collettiva. Se vogliamo davvero salvare il pianeta, o almeno così dice questa linea di pensiero, dobbiamo rinunciare tutti quanti a cose come l’uso ininterrotto dell’elettricità. Tuttavia, resta il fatto che i benestanti, e in particolare gli estremamente ricchi, sono molto più responsabili del cambiamento climatico rispetto alle persone che tagliano i loro prati, servono loro il cibo o producono i beni che acquistano e consumano. Come ha affermato in modo abbastanza succinto Stefan Wagstyl del Financial Times: «Quasi tutto ciò che fanno i ricchi comporta emissioni più elevate, dal vivere in case più grandi al guidare auto più grandi e volare più spesso, soprattutto con un jet privato. C’entra anche il mangiare carne, così come possedere una piscina. Per non parlare della casa di vacanza. O delle dimore».

Può darsi che la lotta al cambiamento climatico richieda alle persone della classe media e persino della classe operaia dei paesi ricchi di cambiare il proprio stile di vita nei decenni a venire. Data, tuttavia, la misura in cui i ricchi sono sproporzionatamente responsabili delle emissioni globali e il diffuso consenso pubblico sull’aumento delle tasse, sarebbe popolare politicamente ma anche saggio enfatizzare le soluzioni redistributive alla crisi climatica.

I ricchi, in effetti, devono essere resi molto meno ricchi se vogliamo ridurre le emissioni globali e, se vogliamo combattere il cambiamento climatico, tassare la loro ricchezza è un imperativo sia morale che ambientale.

*Luke Savage è redattore di JacobinMag, dal quale è tratto questo articolo. La traduzione è a cura della redazione.

Sorgente: I ricchi stanno distruggendo il pianeta – Jacobin Italia

seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot