0 2 minuti 3 anni

Brescia – In Italia si pensa a terze dosi e vaccinazioni dei bambini, ma nel dibattito sull’efficacia e la sicurezza dei vaccini Covid interviene a gamba tesa – in contraddizione con la maggior parte delle voci scientifiche e comunicative al momento in Italia – uno studio pubblicato dalla Fondazione Hume che invita a far riflettere.

Una bibliografia di massimo livello, mesi di dati e di ricerca hanno portato negli scorsi giorni alla pubblicazione da parte di Mario Menichella, divulgatore scientifico impegnato con la Fondazione David Hume guidata da Luca Ricolfi, destinata a far discutere. Dopo mesi con dibattiti sulla reale efficacia dei vaccini per impedire la trasmissione del virus, ora torna d’attualità anche la loro sicurezza con questa pubblicazione.

I MORTI DA VACCINO
Il tema? Una stima realistica degli effetti avversi dei vaccini anti-Covid e del rapporto rischi-benefici. Nel ribadire l’importanza della campagna vaccinale e della terza dose per le categorie più fragili vengono però sottolineati i dati dei morti segnalati post-vaccino per milione di dosi. Il dato è di 22,7 per Pfizer e Moderna (database USA), 21,2 per Pfizer (database UK), 28,3 per Astrazeneca (UK), rispetto ai soli 1,6 morti segnalati per milione di dosi riferiti a tutti gli altri vaccini nei precedenti 10 anni (database USA). Vi è una differenza di oltre 10 volte tra i morti correlati ai vaccini-Covid rispetto ai precedenti vaccini. “Un primo evidente e importante segnale di allarme sulla sicurezza di questi vaccini“, viene sottolineato nell’articolo evidenziando come i benefici dei vaccini Covid superino i rischi nella fascia meno a rischio.

Continua dalla sorgente…

Sorgente: Effetti avversi dei vaccini Covid, lo studio della Fondazione Hume e i dati shock sui morti: “Rischi superano i benefici per i giovani” | Gazzetta delle Valli News dalle Valli Lombarde e Trentine


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.