0 2 minuti 3 anni

Milano, Italia – Quando Duccio Armenise, un italiano, ha deciso di farsi vaccinare contro il COVID-19 in Russia, l’unico tipo che poteva ricevere era lo Sputnik.

“Eravamo nel bel mezzo di un’epidemia e avevo visto cosa aveva fatto il COVID ad alcuni amici, quindi ero davvero spaventato”, ha detto ad Al Jazeera. “Non volevo affrontare il COVID senza anticorpi, quindi mi sono fatto le iniezioni”.

Si aspettava qualche problema una volta tornato in Italia, visto che lo Sputnik non era in uso nell’Unione Europea, “ma ero fiducioso che al mio ritorno sarebbero stati risolti”.

Ma mesi dopo, lo Sputnik deve ancora ricevere l’ approvazione dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), è ancora in fase di valutazione da parte dell’Unione europea e l’Italia non distribuirà un Green Pass a chiunque abbia ricevuto l’iniezione russa.

Ora in Italia, senza la tessera vaccinale, Armenise non può entrare negli uffici di lavoro, nei caffè e nei ristoranti dove teneva le riunioni, e nelle piscine che lo aiutano a curare il suo dolore cronico.

È intrappolato nel limbo dei vaccini.

A causa dei rischi per la salute, non può essere nuovamente iniettato con un vaccino approvato e le due opzioni a sua disposizione sono fuori dalla sua portata.

Potrebbe fare il test per il COVID ogni tre giorni per ricevere un Green Pass, ma dovrebbe pagare 15 euro (17 dollari) per ogni test, un costo di 150 euro (174 euro) al mese.

Sorgente: Italia: nuovi guai per la pandemia per coloro che sono stati colpiti da vaccini “sbagliati” | Notizie sulla pandemia di coronavirus | Al Jazeera


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.