Effetti del blocco israeliano sulle condizioni economiche e umanitarie nella Striscia di Gaza – Quds News Network

21 Settembre 2021 0 Di ken sharo

Quindici anni fa, le autorità israeliane hanno imposto un severo blocco alla popolazione della Striscia di Gaza di oltre 2.200.000 persone in un’area geografica di appena 360 km.

Nonostante le richieste della comunità internazionale e delle istituzioni legali affinché Israele tolga il suo completo assedio alla Striscia di Gaza, il primo continua la sua punizione collettiva contro i residenti di Gaza. Ciò ha portato al deterioramento della situazione umanitaria, le cui ripercussioni hanno colpito diversi settori tra cui quello economico, agricolo, idrico, elettrico, sanitario e dell’istruzione.

Sul terreno, l’occupazione israeliana controlla assolutamente i valichi della Striscia di Gaza, in particolare il valico commerciale di Karim Abu Salim, che è l’unico valico specializzato nell’importazione e nell’esportazione. Di conseguenza, l’occupazione compie estorsioni e restrizioni disumane nei confronti dei cittadini, poiché impedisce l’accesso a molti dei beni di prima necessità con il pretesto che hanno un duplice uso, oltre alle sue chiusure e aperture impulsive del valico.

Negli ultimi mesi, l’occupazione israeliana ha chiuso completamente il valico di Karim Abu Salim durante la sua recente aggressione alla Striscia di Gaza, dal 10 al 21 maggio di quest’anno. Dopo l’aggressione, le autorità israeliane hanno deliberatamente ridotto il volume delle importazioni, come indicato dalle statistiche. Le autorità competenti hanno indicato che più di 650 camion arrivavano ogni giorno nella Striscia di Gaza prima dell’ultima aggressione.

Dopo l’aggressione, invece, non possono entrare più di 130 camion al giorno. Ciò ha esacerbato ai massimi livelli la crisi umanitaria nella Striscia di Gaza, soprattutto da quando l’occupazione ha deliberatamente causato danni completi a più di 200 strutture industriali e commerciali durante l’attacco.

Migliaia di famiglie palestinesi hanno perso le loro case a causa del bombardamento diretto israeliano di case sicure, e poiché l’occupazione impedisce l’ingresso di materiali da costruzione e ostacola la ricostruzione, la crisi non sta solo nel dare rifugio a migliaia di famiglie sfollate, ma anche nel proibire direttamente più di 30 professioni che possono stimolare l’economia e alleviare le crisi di povertà e disoccupazione.

Inoltre, l’occupazione israeliana nella sua recente aggressione intendeva prendere di mira i terreni agricoli, quindi il settore ha subito pesanti perdite, come hanno confermato le statistiche del Ministero dell’Agricoltura. Più di 36.000 dunum di terreni agricoli e serre sono stati direttamente danneggiati, oltre a ingenti danni causati a dozzine di allevamenti di pollame, animali e pesci.

Sebbene la cifra di 200 milioni di dollari annunciata dal Ministero dell’Agricoltura come perdite dirette a seguito della recente aggressione sia davvero di enorme valore finanziario, la politica di punizione collettiva perseguita dalle autorità israeliane nei confronti dei residenti di Gaza è in realtà la più devastante.

Dopo la fine dell’ultima aggressione, l’occupazione israeliana ha impedito l’esportazione attraverso il valico di Karim Abu Salim per più di 111 giorni, privando così i cittadini di promuovere mobili e prodotti di abbigliamento per la casa, nonché l’esportazione dei loro prodotti agricoli, che costituiscono il 90% delle esportazioni dalla Striscia di Gaza.

Tutto sommato, il blocco israeliano sulla Striscia di Gaza ha esacerbato la crisi economica e umanitaria nell’enclave e ha creato innumerevoli problemi. Il tasso di disoccupazione, secondo le statistiche ufficiali, ha raggiunto il 67 per cento mentre il tasso di povertà ha superato il 70 per cento. L’insicurezza alimentare ha colpito il 68,2 per cento della popolazione totale, secondo i rapporti delle Nazioni Unite.

La continua sofferenza dei palestinesi in questo modo costringe la comunità internazionale a svolgere il suo ruolo mandato, ad agire con urgenza ed efficacia, al fine di fermare le crescenti violazioni israeliane contro il popolo palestinese. È necessaria un’azione immediata e incondizionata per porre fine all’assedio opprimente in quanto costituisce una forma di punizione collettiva della popolazione civile e non fa che esacerbare ulteriormente le crisi economiche e umanitarie di Gaza.

Fonte: Middle East Monitor

Sorgente: Effetti del blocco israeliano sulle condizioni economiche e umanitarie nella Striscia di Gaza – Quds News Network

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •