cosa dice esattamente Didier Raoult sulla vaccinazione nel suo video  YouTube

cosa dice esattamente Didier Raoult sulla vaccinazione nel suo video  YouTube

10 Settembre 2021 0 Di ken sharo

Per accedere

Cosa dice esattamente Didier Raoult sulla vaccinazione nei suoi video di YouTube

di Léa Guedj pubblicato su

Alcuni dei membri fondatori dell’IHU di Marsiglia non vogliono che Didier Raoult, raggiunta l’età pensionabile, resti a capo dell’establishment. In discussione: le sue recenti posizioni sulla vaccinazione. Abbiamo guardato i suoi video per tre mesi, ecco cosa dice Didier Raoult.

Nei suoi video settimanali, il professor Didier Raoult prende regolarmente posizione sui vaccini contro il Covid-19.
Nei suoi video settimanali, il professor Didier Raoult prende regolarmente posizione sui vaccini contro il Covid-19. © Youtube screenshot

Raggiunto l’età pensionabile, il professor Didier Raoult non sarà più un professore universitario-operatore ospedaliero (PU-PH) all’interno dell’Università di Aix-Marseille e degli Ospedali Universitari di Marsiglia dal 31 agosto, indica gli ‘Ospedali di pubblica assistenza di Marsiglia (AP -HM), confermando le informazioni di Le Monde . Nulla lo obbliga a lasciare le sue funzioni all’Istituto Ospedaliero Universitario (IHU) ma “un dirigente che non è né medico né ricercatore non è più compatibile come socio fondatore dell’IHU” .

Secondo l’AP-HM, Didier Raoult, 69 anni, avrebbe fatto domanda per una combinazione di lavoro e pensione, per rimanere a capo dell’IHU. Tale richiesta è allo studio, ma per il momento il parere dei soci fondatori sarebbe, secondo le informazioni dell’Afp, “sfavorevole” a causa della posizione del professore sui vaccini contro il Covid-19. 

” Dall’inizio della pandemia, ci sono stati disaccordi, in particolare sulla comunicazione o sulle pratiche mediche dell’IHU, ma, con la questione della vaccinazione, è stata superata una pietra miliare”, precisa così a Le Monde il professor Jean-Luc Jouve, presidente della commissione dell’establishment medico (CME) dell’AP-HM. Nel suo mirino ci sono gli ultimi video pubblicati su YouTube da Didier Raoult. Fanno parte della lunga serie di video trasmessi ogni martedì dallo scienziato, che durano dai 15 ai 30 minuti, senza avversari. 

Conosciamo le controverse posizioni del professor Raoult sull’uso dell’idrossiclorochina per curare il Covid 19, ma cosa dice nei tanti video che pubblica su YouTube, sul vaccino? Abbiamo guardato il più recente per compilare le sue dichiarazioni sugli attuali vaccini Covid . Ecco Didier Raoult nel testo.

“C’è indubbiamente una protezione vaccinale, ma non corrisponde al tasso di protezione che c’era in letteratura”

“Siamo dalla parte dei dati reali” , ha affermato Didier Raoult nel suo ultimo video intitolato “Vaccino e variante Delta” pubblicato il 17 agosto: dati reali certo, ma sempre limitati a quelli raccolti alla scala del suo istituto . Il professore concorda sul fatto che la vaccinazione sia “ragionevole” per gli over 65, quelli con fattori di rischio significativi e gli operatori sanitari. Ma il vaccino è “un’arma come un’altra” e “non una bacchetta magica “, afferma, sostenendo che i vaccini attuali riducono solo il rischio di infezione del 50-60% , stimando così che“la riduzione del rischio non è così drammatica come si dice nella pubblicità” .

“C’è indubbiamente una protezione vaccinale, ma non corrisponde al tasso di protezione che c’era in letteratura o che è stato promesso dall’industria, o da una lettura semplificata dei risultati dicendo che c’era una copertura del 99% o 95%” , considera il professor Raoult in un video pubblicato tre mesi fa.

Come dice il professor Raoult, potrebbe esserci stata qualche interpretazione errata su questa nozione di efficienza. I tassi di efficacia corrispondono alla riduzione del numero di casi di Covid-19 osservati tra un gruppo non vaccinato che ha ricevuto un placebo e un gruppo vaccinato , in condizioni ideali di sperimentazione clinica, e possono quindi variare in condizioni reali. Va inoltre ricordato che ogni vaccino ha un proprio tasso di efficacia, che varia anche con l’arrivo delle varianti, e che il vaccino è destinato esclusivamente alla lotta contro le forme gravi di Covid-19: al termine delle prove cliniche, laboratori hanno non ha mai affermato che i vaccini prevengano la contaminazione.

In un altro video , intitolato “Non è sempre facile avere ragione!”, Didier Raoult ipotizza che il vaccino protegga “molto meno” contro la variante DELTA (indiana) , perché “la metà dei casi che abbiamo eus di varianti indiane identificate si è verificata in i vaccinati” , precisa presentando i dati dei test effettuati dall’IHU. Infatti, l’efficacia del vaccino non è equivalente a fronte di varianti.

L’ultimo studio , che copre più di tre milioni di persone vaccinate nel Regno Unito, condotto congiuntamente dall’Università di Oxford e dal National Office of UK Statistics (ONS) e pre-pubblicato giovedì, rivela che effettivamente i vaccini Pfizer e AstraZeneca vedrebbero la loro efficacia diminuzione nei confronti della variante Delta, e sempre di più con i mesi . Tuttavia, i livelli di protezione rimangono superiori a quelli avanzati dall’insegnante. Due settimane dopo la seconda dose, i vaccini Pfizer e AstraZeneca sembrano essere efficaci nel prevenire l’85% e il 68% di infezione contro la variante Delta, ma questa protezione scenderebbe rispettivamente al 75% e al 61% dopo tre mesi.

“La protezione dall’infezione naturale è molto superiore alla protezione da vaccino”

Secondo il professor Raoult, “la protezione dell’infezione naturale è molto superiore alla protezione del vaccino” . “Abbiamo osservato in coloro che vengono a fare il test, cioè 600.000 test PCR effettuati, (…) che le infezioni naturali sono, sugli elementi che abbiamo, almeno dieci volte più protettive delle infezioni da vaccino vale a dire che le ricadute sono molto rare rispetto alle infezioni nei vaccinati” , dice .

Didier Raoult va anche molto oltre: per lui “la possibilità se non ti vacciniamo di avere il Covid durante la settimana è meno importante che se ti vacciniamo” , dice in un altro video intitolato “Effetto dei vaccini & corruzione” pubblicato tre mesi fa, indicando di aver ricevuto nel suo Istituto 46 pazienti che avevano avuto un Covid nella settimana successiva all’iniezione. “Sono questi portatori asintomatici per i quali la vaccinazione ha innescato una reazione che li ha resi [positivi al Covid]?” , si chiede, prima di raccomandare i test PCR per coloro che stanno per essere vaccinati.

Quindi, il vaccino conferisce un’immunità più scarsa di un’infezione naturale? Difficile da dire. Ma secondo uno degli ultimi studi sull’argomento , pubblicato il 7 agosto dai Centers for Disease Prevention and Control (CDC) negli Stati Uniti, le persone che hanno già avuto il Covid e che non sono vaccinate hanno 2, 34 volte più probabilità di ammalarsi. essere reinfettati rispetto alle persone completamente vaccinate con Pfizer, Moderna o Janssen. Tuttavia, questo studio si basa su una piccola coorte, 246 adulti del Kentucky che sono stati reinfettati con il virus tra maggio e giugno di quest’anno dopo essere stati infettati per la prima volta nel 2020, ed è stato condotto prima della comparsa della variante Delta, che è diventato il ceppo dominante del virus negli Stati Uniti da metà giugno.

“Troviamo che le cariche virali sono più alte nei vaccinati”

Anche le persone vaccinate rimarrebbero altamente contagiose , secondo il professor Raoult. “Alcuni hanno detto che le cariche virali sono inferiori [ nei vaccinati, ndr ] , ma questo è falso, tre documenti mostrano che sono allo stesso livello. Scopriamo anche che le cariche virali sono più alte nelle persone vaccinate. , non sappiamo perché. In ogni caso, non possiamo dire che i vaccinati non siano contagiosi. Sono contagiosi come gli altri” , sostiene martedì nel suo video , senza poterlo giustificare se non con l’osservazione della sua pazienti o dare una spiegazione.

Su questa domanda ci sono ancora molte incognite e i risultati dei diversi studi variano, in particolare con l’arrivo della variante Delta. Secondo l’ultimo sondaggio REACT-1 dal 24 giugno al 12 luglio che coinvolge quasi 100.000 persone, pubblicato il 4 agosto, le persone completamente vaccinate avrebbero tre volte meno probabilità di risultare positive al Covid-19 rispetto a quelle che non lo sono. I risultati di questo studio, condotto da Imperial College London e Ipsos MORI tra il 24 giugno e il 12 luglio, mostrano anche che le persone completamente vaccinate avrebbero meno probabilità rispetto alle persone non vaccinate di trasmettere il virus ad altri, a causa di una carica virale mediamente inferiore .

Ma la variante Delta è arrivata a mettere in discussione questi risultati e lo studio pre-pubblicato giovedì dall’Università di Oxford e dal British National Statistics Office conclude che “il picco di carica virale ora sembra simile in quelli vaccinati e non vaccinati infetti, con potenziali implicazioni. per il rischio di ulteriore trasmissione” . Tuttavia , con una sfumatura importante: “Non sappiamo fino a che punto questo possa portare a nuove infezioni” , perché “una percentuale maggiore del virus potrebbe essere non vitale nelle persone che sono state vaccinate e/o la loro carica virale”. può diminuire più rapidamente (…), determinando periodi “a rischio” più brevi. Dettagli di cui Didier Raoult non fa menzione.

“L’attivissima politica vaccinale non avrà dato i risultati sperati”

“E’ possibile che l’attivissima politica vaccinale non abbia dato i risultati sperati”, aveva già previsto Didier Raoult in un video pubblicato un mese fa, dal titolo “Ripresa dell’epidemia tra i vaccinati”. Prende l’esempio dell’inglese “who vaccinated hard” , ma dove “il numero di casi giornalieri è equivalente a quello del cuore dell’epidemia a novembre” .

Anche il caso dell’Inghilterra è spesso citato, insieme a quello di Israele, come esempio del fallimento delle campagne di vaccinazione di massa. Nel suo ultimo video cita anche il caso dell’Islanda che ha “più casi [di Covid] che mai mentre è il paese che è stato il più vaccinato di tutti i paesi sviluppati” . Se il vaccino può avere “un ruolo individuale per proteggere coloro che sono più fattori di rischio” o “coloro che sono sovraesposti” , “non possiamo dire che ci sia un successo correlato all’importanza della distribuzione del vaccino” , spiega.

Secondo il professor Raoult, l’aumento della contaminazione osservata in tutto il mondo a causa della variante Delta sarebbe quindi essere “del tutto scollegata dalla l’importanza della vaccinazione” . I paesi meno vaccinati subiscono meno contaminazione rispetto alla loro popolazione . L’Islanda è infatti uno dei Paesi che ha compiuto i maggiori progressi nella sua campagna di vaccinazione contro il Covid: quasi il 75% dei 368.000 abitanti dell’isola è ormai completamente vaccinato e quasi l’81% dei residenti ha ricevuto almeno una dose del vaccino , secondo i dati del sito web Our World in Data .

Eppure, dalla metà di luglio, l’ Islanda ha visto un drammatico aumento della contaminazione , raggiungendo 433 infezioni il 9 agosto, un livello superiore rispetto ai picchi delle precedenti ondate di infezioni. Tuttavia, secondo gli ultimi dati delle autorità islandesi , la gravità dei casi non segue l’aumento della contaminazione : 22 pazienti sono attualmente ricoverati e 7 in terapia intensiva, lontano dal livello in autunno (80 ricoveri al culmine del novembre 2020). L’ultimo decesso per malattia risale a maggio. Didier Raoult dimentica di menzionarlo e le sue dichiarazioni sull’Islanda hanno dato luogo a un completo fact-checking da parte dell’AFP.

“Il vaccino riduce la gravità della malattia? Non lo so”

Queste cifre che sembrano indicare una diminuzione della gravità della malattia con la vaccinazione non sono citate dal professor Raoult. Secondo lui, non solo l’attuale vaccinazione non è, o è molto poco efficace sul rischio di infezione e contagio, ma inoltre nulla proverebbe che diminuisca la gravità della malattia . “Il vaccino riduce la gravità della malattia? Per il momento è molto difficile da valutare” , risponde Didier Raoult. ” Non so come farlo e credo che per il momento nessuno sappia come farlo, perché non abbiamo abbastanza dati e soprattutto non abbastanza dati indipendenti”, spiega.

Dalle sue stesse osservazioni all’IHU, Didier Raoult assicura che la differenza in termini di ospedalizzazione tra persone vaccinate e non vaccinate è “non significativa” . Ma a proposito delle osservazioni di Didier Raoult sull’efficacia del vaccino sulla gravità della malattia, il presidente della commissione medica dell’AP-HM Jean-Luc Jouve, interrogato da France Inter, tiene a ricordare che all’IHU“Non c’è terapia intensiva, solo servizi di ricovero ospedaliero convenzionali. Non appena la saturazione di ossigeno scende troppo, il paziente viene trasferito nelle nostre unità di terapia intensiva e terapia intensiva. Quando il professor Raoult dice che stanno andando bene nella sua IHU, è che, quando non stanno bene vengono da noi». In altre parole, se Didier Raoult non “sa” come stimare l’aumento o meno nei casi gravi, sarebbe in gran parte perché non li vede.

Il professor Jouve denuncia anche la “disonestà intellettuale”: “L’anno scorso Didier Raoult spiega che non può aspettare i risultati degli studi randomizzati per somministrare l’idrossiclorochina. Capisco, non avevamo altra soluzione durante la prima ondata. Oggi dice che non può essere sicuri dell’efficacia del vaccino perché le coorti testate non sono abbastanza numerose».

Inoltre, l’osservazione di Jean-Marie Forel, rianimatore dell’AP-HM, è molto diversa da quella di Didier Raoult : “A fine luglio, all’AP-HM, l’87% dei pazienti in terapia intensiva non era vaccinati e in terapia intensiva, l’89% risulta non vaccinato o con schedula vaccinale incompleta” . Dati che confermano quelli raccolti a livello nazionale dal Dipartimento di Ricerca, Studi, Valutazione e Statistica del Ministero della Salute (Drees) che ha pubblicato il 30 luglio una nota sullo stato vaccinale dei pazienti ricoverati in ricovero convenzionale, in terapia intensiva, nonché sui decessi verificatisi nel periodo dal 31 maggio all’11 luglio 2021.

In questo periodo, i non vaccinati rappresentano quasi l’85% dei ricoveri ospedalieri, sia in ospedalizzazione convenzionale che in terapia intensiva., ovvero una proporzione quasi doppia rispetto a quella delle persone non vaccinate nella popolazione generale (45%) in media durante il periodo di studio. Al contrario, i pazienti completamente vaccinati rappresentano circa il 7% dei ricoveri, che è cinque volte inferiore alla quota di persone completamente vaccinate nella popolazione generale (35%) allo stesso tempo. Il 78% dei decessi ospedalieri dei pazienti Covid riguarda persone non vaccinate, mentre l’11% riguarda persone completamente vaccinate. Ciò corrisponde anche a ciò che afferma la stragrande maggioranza degli operatori sanitari nelle unità di terapia intensiva, che hanno visto esplodere l’afflusso di pazienti non vaccinati.

Uno studio del CDC, diffuso il 18 agosto e basato sui dati dei ricoveri per Covid-19 a New York , mostra tra il 3 maggio e il 25 luglio che l’efficacia del vaccino contro i ricoveri è rimasta piuttosto stabile (passando dal 91,9% al 95,3%), mentre diminuisce l’efficacia del vaccino contro l’infezione (dal 91,7 al 79,8%). Un totale di 1.271 nuovi ricoveri correlati al Covid si sono verificati negli adulti completamente vaccinati, rispetto ai 7.308 negli adulti non vaccinati, spiega il rapporto.

“Fin dall’inizio ho pensato che il vaccino cinese fosse più ragionevole”

Come spiega il professor Raoult una presunta inefficacia dei vaccini attualmente distribuiti? Il motivo, secondo lui, è che il Covid-19 è una di quelle malattie “recidivanti” , per le quali “è raro che siamo vaccini miracolosi”. “La situazione sul piano virale è la stessa dell’influenza o della dengue che hanno delle varianti” , ha descritto il professore.

Di fronte a questo virus “instabile” , si tratterebbe quindi di “vaccinare ogni anno” durante la stagione del contagio, riaggiustando il vaccino “in base ai ceppi circolanti” . Ecco perché “fin dall’inizio ho pensato che il vaccino cinese fosse più ragionevole” , dice. Questo vaccino che utilizza la tecnica del virus inattivato sarebbe “almeno altrettanto buono” di altri vaccini, afferma Didier Raoult.

Cita un ampio studio pubblicato sul New England Journal of Medicine pubblicato il 7 luglio e condotto in Cile, da febbraio a maggio, su una coorte di circa 10,2 milioni di persone, secondo cui il vaccino inattivato CoronaVac del laboratorio cinese SinoVac sarebbe proteggere il 65,9% dall’infezione da Covid-19, prevenire l’87,5% di ospedalizzazione, il 90,3% di ricoveri in terapia intensiva e l’86,3% di decessi legati alla malattia. Risultati che risultano essere molto simili a quelli osservati per altri vaccini.

Tuttavia, sembra che, come per altri vaccini, la sua efficacia nel prevenire l’infezione diminuisca con la comparsa delle varianti . Il 3 agosto le autorità sanitarie cilene hanno pubblicato un rapporto sull’efficacia dei vaccini distribuiti nel Paese. Questa volta, lo studio indica che il vaccino Sinovac è stato efficace per il 58,5% nella prevenzione delle malattie sintomatiche in una coorte di 8.600.000 cileni che lo hanno ricevuto tra febbraio e luglio. Questo è inferiore a Pfizer (87,69%) e AstraZeneca (68,68%), la cui efficacia nella prevenzione delle malattie sintomatiche è anch’essa in diminuzione. Tutti mantengono un’efficacia compresa tra l’86% e il 100% nella prevenzione del ricovero, del ricovero in terapia intensiva o in terapia intensiva e della morte.

“I vaccini che abbiamo ora comportano pericoli che non sono stati identificati”

Il vaccino cinese presenterebbe però un altro vantaggio secondo il professor Raoult: “Non è una novità tecnologica” che presenterebbe “manifestazioni del tutto sconosciute” . Il direttore dell’IHU sottolinea più volte le “conseguenze indesiderate” legate ai vaccini a RNA messaggero come Pfizer o Moderna, così come quelle legate ai vaccini adenovirus come AstraZeneca. Ci assicura che “i vaccini che abbiamo ora (…) comportano pericoli che non vengono identificati” .

“Si potrebbe pensare che il rischio relativo in una situazione di emergenza sia ragionevole”, dice il professore, ” ma quando si hanno vaccini sicuri, di cui si conosce e si può prevedere il tipo di reazione, bisogna scegliere quelli -là, più che vaccini che ci fanno andare all’avventura”. Tuttavia, anche la tecnica dell’RNA messaggero, contrariamente a quanto afferma Didier Raoult, non è una vera novità . Steve Pascolo, ricercatore dell’Università di Zurigo ed ex direttore del laboratorio Cure Vac, spiega a France Inter che “Il vaccino MMR (morbillo, parotite, rosolia), funziona con virus con RNA attenuato. I vaccini MMR contengono molto RNA, lipidi, diverse proteine, sono prodotti nelle uova fecondate. Mentre i nuovi vaccini a RNA contengono solo la molecola di RNA, da sola, pura, e quattro lipidi. In altre parole, la versione con RNA messaggero è molto più pura e sicura dei vaccini a RNA prodotti naturalmente che hai avuto in precedenza”.

Le vaccin qui trouvera grâce aux yeux de Didier Raoult sera “beaucoup moins cher et plus traditionnel”. Il s’agit du vaccin protéique ou à protéines recombinantes avec l’ajout d’adjuvants pour améliorer la réponse immunitaire, développé par les laboratoires français Sanofi-GSK et en cours d’examen par l’Agence européenne du médicament (EMA). Un vaccin pour lequel l’essai clinique de phase 3 n’est d’ailleurs pas terminé, même si l’EMA a décidé d’en observer les résultats au fur et à mesure.

Comme pour tout traitement, il y a bien des cas d’effets indésirables possibles des vaccins qui font l’objet d’une surveillance par l’Agence de sécurité du médicament (ANSM) qui publie chaque mois un rapport de surveillance. Dans son dernier rapport, l’ANSM indique qu’elle a enregistré depuis le début de la vaccination, 70 288 cas d’effets indésirables sur plus de 72,7 millions d’injections (soit 0,09 %) de vaccins Pfizer, Moderna, AstraZeneca ou Janssen, dont 25 % de cas graves. Ces effets indésirables font également l’objet d’une surveillance par l’EMA.

Parmi ces effets, les plus fréquents sont peu graves (réaction au site d’injection, fatigue, céphalées, frissons, douleurs musculaires et articulaires, fièvre et diarrhée, nausées etc). Mais on trouve également, parmi les quelques signaux confirmés par l’ANSM ou l’EMA comme ayant un lien possible avec la vaccination, de très rares cas d’hypertension artérielle, d’hypersensibilité ou anaphylaxie, de paralysie faciale, de myocardite ou péricardite, de troubles thromboemboliques, de syndromes pseudo-grippaux, de syndromes de fuite capillaire et de syndrome de Guillain-Barré. S’agissant des troubles menstruels signalés par des femmes vaccinées, “nous ne pouvons pas à ce jour établir de lien entre la vaccination et les troubles menstruels, les causes de ces troubles pouvant être multiples”, specifica l’ANSM.

Quanto ai casi di morte dichiarati, “i dati attuali non consentono di concludere che siano legati al vaccino” , conclude l’Agenzia che evoca un caso di shock anafilattico avvenuto 10 minuti dopo l’iniezione del vaccino Janssen in un settantenne persona senza storia allergica nota. Da parte sua, l’OMS parla di possibili rarissimi casi di anafilassi per i vaccini a RNA e associa i vaccini adenovirus a rari casi di trombosi. Ma in ogni caso, tutte queste istituzioni concordano sul fatto che i benefici di questi vaccini superano di gran lunga i rischi .

In arrivo tra  secondida 

Sorgente: Ce que dit exactement Didier Raoult sur la vaccination dans ses vidéos YouTube

Spread the love
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •