Come l’Europa può aiutare a porre fine alla morte e alla disperazione nel Mar Mediterraneo | Human Rights Watch

22 Giugno 2021 0 Di marco zinno

Foto: Migranti su una barca che hanno cercato di portare in Italia, dopo essere stati detenuti in una base della Marina libica a Tripoli il 20 settembre 2015. © 2015 Reuters

Mentre la pandemia consuma l’attenzione dell’Europa, nel Mediterraneo centrale è in corso una lotta per la sopravvivenza.

Dall’inizio del 2021, almeno 185 persone sono morte nel tratto di acque compreso tra il nord Africa e l’Italia. Le politiche dell’Italia e dell’Unione Europea (UE) stanno costando vite in mare e condannando molte altre alle sofferenze in Libia.  

Il Mediterraneo centrale è stata a lungo la rotta migratoria più letale al mondo, con oltre 17.400 vite perse tra il 2014-2020. Il mese scorso, il Comitato per i diritti umani delle Nazioni Unite ha scoperto che l’Italia non era riuscita a rispondere a una barca in difficoltà nel 2013, causando la morte di almeno 200 persone, tra cui 60 bambini. Mentre l’Italia aveva la responsabilità primaria diretta in quel caso, l’UE nel suo insieme ha la responsabilità dell’enorme numero di morti in mare.

Le istituzioni e gli stati dell’UE hanno progressivamente abdicato alla responsabilità della ricerca e del salvataggio in queste acque insidiose. La missione navale dell’UE pattuglia deliberatamente lontano dalle aree in cui potrebbe incontrare imbarcazioni in difficoltà. Le organizzazioni di soccorso non governative che cercano di colmare il divario affrontano campagne diffamatorie, ostacoli amministrativi e persino procedimenti giudiziari. L’Italia, Malta e l’agenzia di frontiera dell’UE, Frontex, sembrano più interessate ad aiutare le forze libiche a intercettare le barche che a garantire soccorsi tempestivi e lo sbarco in un porto sicuro.

Negli ultimi due mesi, la guardia costiera libica ha intercettato almeno 3.700 persone e le ha restituite in Libia, dove affrontano detenzioni arbitrarie a tempo indeterminato e il rischio reale di violenze sessuali, torture, lavori forzati ed estorsioni. Il numero è significativamente superiore a quelli ripresi nello stesso periodo del 2020.

Tutti concordano sul fatto che la Libia non è un posto sicuro, ma ciò non ha impedito all’UE di incanalare denaro e supporto tecnico alle unità abusive della guardia costiera nominalmente sotto le autorità della Libia occidentale. Negli ultimi cinque anni, questo supporto ha permesso alle forze libiche di intercettare e rimandare in Libia oltre 66.000 persone.

Questo ciclo di sofferenza e morte può essere evitato. La Commissione europea e i paesi dell’UE dovrebbero garantire una solida capacità di ricerca e soccorso del governo dell’UE nel Mediterraneo e sostenere, non ostacolare, altri sforzi di salvataggio. Dovrebbero anche mettere in atto accordi di cooperazione internazionale per ridurre al minimo il numero di persone sbarcate in Libia ed evacuare più persone direttamente dalla Libia per salvarle dal viaggio mortale. In definitiva, il modo migliore per salvare vite umane è espandere canali sicuri e legali per rifugiati e altri migranti.

Sorgente: Come l’Europa può aiutare a porre fine alla morte e alla disperazione nel Mar Mediterraneo | Human Rights Watch

Spread the love
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •