Chomsky: Senza l’aiuto degli USA , Israele non potrebbe massacrare i palestinesi

Chomsky: Senza l’aiuto degli USA , Israele non potrebbe massacrare i palestinesi

14 Maggio 2021 1 Di marco zinno
L’ intervista integrale a Noam Chomsky su quello che sta avvenendo. Non una virgola sbagliata.
traduzione Francesca Merz
“I successivi governi israeliani hanno cercato per anni di spingere i palestinesi fuori dalla Città Santa di Gerusalemme e l’ultimo round di attacchi israeliani è in linea con questo obiettivo. Ma per comprendere le radici dell’attuale escalation – e la possibile minaccia di una guerra totale – si deve esaminare la politica del governo israeliano, sostenuta dagli Stati Uniti, di utilizzare strategie di “terrore ed espulsione” nel tentativo di espandere il proprio territorio uccidendo. e spiazzare i palestinesi, dice Noam Chomsky, in questa intervista esclusiva per Truthout.
Chomsky, laureato professore di linguistica all’Università dell’Arizona e professore emerito dell’Istituto al MIT, è internazionalmente riconosciuto come uno dei più astuti analisti del conflitto israelo-palestinese e della politica mediorientale in generale, ed è una voce di primo piano nella lotta per liberare la Palestina. Tra i suoi numerosi scritti sull’argomento ci sono The Fateful Alliance: The United States, Israel and Palestinians; Gaza in Crisis: riflessioni sulla guerra di Israele contro i palestinesi; e Sulla Palestina.
C.J. Polychroniou: Noam, voglio iniziare chiedendoti di contestualizzare l’attacco israeliano contro i palestinesi alla moschea di al-Aqsa durante le proteste di sfratto, e poi gli ultimi attacchi aerei a Gaza. Cosa c’è di nuovo, cosa è vecchio e in che misura questo ultimo round di violenza neo-coloniale israeliana è collegato al trasferimento di Trump dell’ambasciata degli Stati Uniti a Gerusalemme
Noam Chomsky: Ci sono sempre nuovi colpi di scena, ma in sostanza è una vecchia storia, che risale a un secolo fa, che assume nuove forme dopo le conquiste israeliane del 1967 e la decisione di 50 anni fa, da entrambi i principali gruppi politici, di scegliere l’espansione rispetto alla sicurezza e alla diplomazia. soluzione – anticipando (e ricevendo) il supporto diplomatico e materiale degli Stati Uniti cruciale fino in fondo.
Per quella che divenne la tendenza dominante nel movimento sionista, c’era un obiettivo fisso a lungo termine. In parole povere, l’obiettivo è liberare il paese dai palestinesi e sostituirli con coloni ebrei considerati i “legittimi proprietari della terra” che tornano a casa dopo millenni di esilio.
All’inizio, gli inglesi, allora in carica, generalmente consideravano giusto questo progetto. Lord Balfour, autore della Dichiarazione che concede agli ebrei una “patria nazionale” in Palestina, ha catturato abbastanza bene il giudizio etico dell’élite occidentale dichiarando che “il sionismo, giusto o sbagliato, buono o cattivo, è radicato in una tradizione secolare, nel presente bisogni, nelle speranze future, di importanza molto più profonda dei desideri e dei pregiudizi dei 700.000 arabi che ora abitano quell’antica terra “
Da allora le politiche sioniste sono state opportunistiche. Quando possibile, il governo israeliano – e in effetti l’intero movimento sionista – adotta strategie di terrore ed espulsione. Quando le circostanze non lo consentono, utilizza mezzi più morbidi. Un secolo fa, il dispositivo era quello di installare silenziosamente una torre di guardia e una recinzione, e presto si trasformerà in un insediamento, fatti sul terreno. La controparte oggi è lo stato israeliano che espelle ancora più famiglie palestinesi dalle case in cui vivono da generazioni – con un gesto verso la legalità per salvare la coscienza di coloro che in Israele vengono derisi come “anime belle”. Naturalmente, le pretese legalistiche per lo più assurde per l’espulsione dei palestinesi (leggi ottomane sulla terra e simili) sono razziste al 100%. Non si pensa di concedere ai palestinesi il diritto di tornare alle case da cui sono stati espulsi, nemmeno il diritto di costruire su ciò che è rimasto loro.
Le conquiste israeliane del 1967 hanno permesso di estendere misure simili ai territori conquistati, in questo caso in grave violazione del diritto internazionale, poiché i leader israeliani sono stati immediatamente informati dalle loro più alte autorità legali. I nuovi progetti sono stati facilitati dal cambiamento radicale nelle relazioni USA-Israele. Le relazioni prima del 1967 erano state generalmente calorose ma ambigue. Dopo la guerra hanno raggiunto livelli di sostegno senza precedenti per uno stato cliente.
La vittoria israeliana è stata un grande regalo per il governo degli Stati Uniti. Era in corso una guerra per procura tra l’Islam radicale (con sede in Arabia Saudita) e il nazionalismo laico (l’Egitto di Nasser). Come la Gran Bretagna prima di esso, gli Stati Uniti tendevano a preferire l’Islam radicale, che consideravano meno minaccioso per il dominio imperiale degli Stati Uniti. Israele ha distrutto il nazionalismo laico arabo.
L’abilità militare di Israele aveva già impressionato il comando militare degli Stati Uniti nel 1948, e la vittoria del ’67 rese molto chiaro che uno stato israeliano militarizzato poteva essere una solida base per il potere degli Stati Uniti nella regione, fornendo anche importanti servizi secondari a sostegno degli obiettivi imperiali degli Stati Uniti. al di là. Il dominio regionale degli Stati Uniti si fermò su tre pilastri: Israele, Arabia Saudita, Iran (allora sotto lo Scià). Tecnicamente erano tutti in guerra, ma in realtà l’alleanza era molto stretta, in particolare tra Israele e la micidiale tirannia iraniana.
All’interno di quel quadro internazionale, Israele era libero di perseguire le politiche che persistono oggi, sempre con un massiccio sostegno degli Stati Uniti nonostante occasionali schiamazzi di malcontento. L’obiettivo politico immediato del governo israeliano è quello di costruire una “Grande Israele”, inclusa una “Gerusalemme” ampiamente ampliata che comprenda i villaggi arabi circostanti; la valle del Giordano, gran parte della Cisgiordania con gran parte della sua terra coltivabile; e le principali città nel profondo della Cisgiordania, insieme a progetti infrastrutturali per soli ebrei che li integrano in Israele. Il progetto aggira le concentrazioni della popolazione palestinese, come Nablus, in modo da respingere quello che i leader israeliani descrivono come il temuto “problema demografico”: troppi non ebrei nel previsto “stato ebraico democratico” del “Grande Israele” – un ossimoro più difficile in bocca ogni anno che passa. I palestinesi all’interno della “Grande Israele” sono confinati in 165 enclavi, separati dalle loro terre e dagli uliveti da un esercito ostile, sottoposti a continui attacchi da violente bande ebraiche (“giovani in cima alle colline”) protette dall’esercito israeliano.
Nel frattempo Israele ha stabilito e annesso le alture del Golan in violazione degli ordini del Consiglio di sicurezza dell’ONU (come ha fatto a Gerusalemme). La storia dell’orrore di Gaza è troppo complessa per essere raccontata qui. È uno dei peggiori crimini contemporanei, avvolto in una fitta rete di inganni e apologetica delle atrocità.
Trump è andato oltre i suoi predecessori nel fornire libero sfogo ai crimini israeliani. Un contributo importante è stato l’orchestrazione degli accordi di Abraham, che hanno formalizzato accordi taciti di vecchia data tra Israele e diverse dittature arabe. Ciò ha alleviato le limitazioni arabe limitate alla violenza e all’espansione israeliana.
Gli Accordi erano una componente chiave della visione geostrategica di Trump: costruire un’alleanza reazionaria di stati brutali e repressivi, gestiti da Washington, tra cui il Brasile di [Jair] Bolsonaro, l’India di [Narendra] Modi, l’Ungheria di [Viktor] Orbán, e infine altri come loro. La componente Medio Oriente-Nord Africa si basa sull’orrenda tirannia egiziana di al-Sisi, e ora sotto gli Accordi, anche dittature familiari dal Marocco agli Emirati Arabi Uniti e al Bahrein. Israele fornisce il muscolo militare, con gli Stati Uniti sullo sfondo immediato.
Gli accordi di Abraham soddisfano un altro obiettivo di Trump: portare sotto l’ombrello di Washington le principali aree di risorse necessarie per accelerare la corsa verso il cataclisma ambientale, la causa a cui Trump e soci si sono dedicati con impressionante fervore. Ciò include il Marocco, che ha quasi il monopolio dei fosfati necessari per l’agricoltura industrializzata che sta distruggendo i suoli e avvelenando l’atmosfera. Per rafforzare il quasi monopolio marocchino, Trump ha ufficialmente riconosciuto e affermato l’occupazione brutale e illegale del Marocco del Sahara occidentale, che ha anche depositi di fosfato.
È di un certo interesse che la formalizzazione dell’alleanza di alcuni degli stati più violenti, repressivi e reazionari del mondo sia stata ampiamente applaudita in un ampio spettro di opinioni.
Finora, Biden ha rilevato questi programmi. Ha revocato la brutalità gratuita del trumpismo, come ritirare la fragile ancora di salvezza per Gaza perché, come ha spiegato Trump, i palestinesi non erano stati abbastanza grati per la sua demolizione delle loro giuste aspirazioni. Altrimenti l’edificio criminale Trump-Kushner rimane intatto, anche se alcuni specialisti della regione pensano che potrebbe vacillare con ripetuti attacchi israeliani contro fedeli palestinesi nella moschea di al-Aqsa e altri esercizi dell’effettivo monopolio della violenza di Israele.
Gli insediamenti israeliani non hanno validità legale, quindi perché gli Stati Uniti continuano a fornire aiuti a Israele in violazione della legge statunitense, e perché la comunità progressista non si concentra su questa illegalità?
Israele è stato un cliente molto apprezzato sin dalla dimostrazione della sua padronanza della violenza nel 1967. La legge non è un impedimento. I governi degli Stati Uniti hanno sempre avuto un atteggiamento sprezzante nei confronti della legge statunitense, aderendo alla pratica imperiale standard. Prendiamo quello che è probabilmente il principale esempio: la Costituzione degli Stati Uniti dichiara che i trattati stipulati dal governo degli Stati Uniti sono la “legge suprema del paese”. Il principale trattato del dopoguerra è la Carta delle Nazioni Unite, che vieta “la minaccia o l’uso della forza” negli affari internazionali (con eccezioni che non sono rilevanti nei casi reali). Riuscite a pensare a un presidente che non abbia violato con abbandono questa disposizione della legge suprema del paese? Ad esempio, proclamando che tutte le opzioni sono aperte se l’Iran disobbedisce agli ordini degli Stati Uniti – per non parlare di esempi da manuale del “crimine internazionale supremo” (la sentenza di Norimberga) come l’invasione dell’Iraq.
Il consistente arsenale nucleare israeliano dovrebbe, secondo la legge statunitense, sollevare seri interrogativi sulla legalità degli aiuti militari ed economici a Israele. Questa difficoltà viene superata non riconoscendo la sua esistenza, una farsa non nascosta e altamente consequenziale, come abbiamo discusso altrove. Gli aiuti militari statunitensi a Israele violano anche la legge Leahy, che vieta gli aiuti militari alle unità impegnate in violazioni sistematiche dei diritti umani. Le forze armate israeliane forniscono molti candidati.
La deputata Betty McCollum ha assunto l’iniziativa nel perseguire questa iniziativa. Portarlo oltre dovrebbe essere un impegno primario per coloro che sono interessati al sostegno degli Stati Uniti per i terribili crimini israeliani contro i palestinesi. Anche una minaccia all’enorme flusso di aiuti potrebbe avere un impatto drammatico.

Sorgente: Chomsky: Without US Aid, Israel Wouldn’t Be Killing Palestinians En Masse

Spread the love
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •