Per la sesta volta, Israele demolisce la casa di un palestinese disabile | Assopace Palestina

Per la sesta volta, Israele demolisce la casa di un palestinese disabile | Assopace Palestina

9 Marzo 2021 0 Di marco zinno

Un uomo con disabilità guarda un bulldozer che demolisce la sua casa. Solo poche decine di metri lo separano dalla struttura, il cui secondo piano sta ora crollando su se stesso. Il bulldozer colpisce i muri dell’edificio di pietra –che era ancora in costruzione– martellando e fracassando, facendo cadere ancora un altro muro e distruggendo un’altra stanza di questo piano superiore, trasformandolo in un mucchio di macerie. Il suo proprietario, che ha investito tutti i suoi risparmi nella costruzione, osserva la devastazione dalla sua sedia a rotelle, circondato dalle truppe della polizia di frontiera che appaiono più minacciose e violente che mai.

Non è la prima volta che assiste a questo scenario; la prima fu nel 1999. E non è nemmeno la seconda, terza o quarta volta: le autorità israeliane hanno demolito la sua casa sei volte. Forse è per questo che solo una manciata di residenti a Isawiyah, il quartiere di Gerusalemme Est che i suoi residenti definiscono un “villaggio” –come a ricordare bei tempi che non torneranno mai più– si sono presentati per stare con lui nella sua sofferenza.

Khatham Abu Riala ha dovuto usare una sedia a rotelle dalla seconda demolizione della sua casa, il 4 febbraio 2009. Mentre protestava, è inciampato ed è caduto dal tetto dell’edificio, poco prima che fosse raso al suolo. La caduta di sette metri su un terreno roccioso gli ha compromesso il midollo spinale, lasciandolo paralizzato dalla vita in giù – e disoccupato. Prima del suo infortunio faceva l’autista per l’azienda Superbus; oggi indossa l’abito della compagnia per proteggersi dal freddo pungente di Gerusalemme. Per un certo tempo aveva fatto anche il camionista nel porto di Ashdod.

La disabilità di Abu Riala non ha suscitato compassione nelle stanze del municipio di Gerusalemme. I suoi funzionari sono anche indifferenti al fatto che non c’è modo per i Palestinesi di costruire legalmente a Isawiyah. Quasi tutti gli edifici che vi sono stati costruiti dal 1967 in poi sono illegali, ma a quanto pare il Comune di Gerusalemme ha scelto di concentrare i suoi sforzi su quest’uomo in particolare. Sta infatti conducendo una battaglia implacabile contro Abu Riala, che da 22 anni ha cercato di costruirsi una casa su un terreno di sua proprietà, adiacente alla casa dei suoi genitori; 22 anni durante i quali il comune non ha ancora approvato un aggiornato piano edilizio per Isawiyah,  mentre sta attivamente vietando nuove costruzioni.

“Le persone si sposano. I bambini nascono. Dove vivremo? Dovremmo vivere tutti in una stanza?” Chiede Abu Riala. “È compito della città preparare un piano edilizio. Mi dicono: vai a Beit Hanina (un altro quartiere di Gerusalemme Est che è più lontano, verso Ramallah). Ma ho la mia terra qui. È qui che sono nato. Perché dovrei andare a Beit Hanina se ho una proprietà qui?”

L’ultima volta, la quinta, la sua casa è stata rasa al suolo da imprenditori privati ​​che lavoravano per conto della città di Gerusalemme ed è stato nel dicembre 2019. Nel maggio 2020 ha iniziato la ricostruzione, fino a quando le autorità non lo hanno avvertito di smettere. Da allora, la minaccia di demolizione incombeva sull’abitazione, la cui costruzione era quasi terminata.

Macerie in Isawiyah. Foto: Alex Levac

Chiaramente, non stiamo parlando di un insediamento israeliano o di un avamposto di coloni, e neanche di un nuovo quartiere per Ebrei ultraortodossi americani. Questo è un villaggio palestinese occupato.

Sorgente: Per la sesta volta, Israele demolisce la casa di un palestinese disabile | Assopace Palestina

Spread the love
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •