Nel decreto di Natale ci sono i divieti agli spostamenti ma non le sanzioni – Il Sole 24 ORE

Nel decreto di Natale ci sono i divieti agli spostamenti ma non le sanzioni – Il Sole 24 ORE

6 Dicembre 2020 0 Di marco zinno

Nel decreto di Natale ci sono i divieti agli spostamenti ma non le sanzioni

Il blocco della circolazione durante le feste e i relativi divieti non sono accompagnati dalla previsione di sanzioni specifiche per le violazioni

di Francesco Clementi

default onloading pic
(Imagoeconomica)

2′ di lettura

L’ultimo atto qualitativamente più importante approvato dal Governo per fronteggiare il coronavirus è il breve decreto legge del 2 dicembre 2020, n. 158, ossia il provvedimento già efficace che introduce limitazioni alla nostra libertà di circolazione durante le prossime festività. Questo testo è particolarmente interessante non soltanto per ciò che contiene quanto – se non soprattutto – per ciò che non contiene. Vediamo.

Il ruolo del Dpcm e i limiti alla libertà di circolazione

Innanzitutto, contiene due importanti innovazioni: in primo luogo, rafforza ulteriormente il peso e il ruolo nel sistema delle fonti del Decreto del presidente del Consiglio dei ministri – il famigerato Dpcm – estendendone l’efficacia fino a cinquanta giorni, rispetto ai precedenti trenta (articolo 1, comma 1). Una questione seria perché, invece di ridurre il tempo – come sta avvenendo all’estero – in proporzione al rischio, l’efficacia temporale di questa fonte secondaria è estesa, facendola assomigliare sempre di più a quella primaria da cui dipende, il decreto legge: un fatto – come è evidente – che non va bene. E poi, in secondo luogo, introduce le note ulteriori limitazioni temporali e spaziali alla nostra libertà di circolazione durante le prossime festività (articolo 1, comma 2).

Sorgente: Nel decreto di Natale ci sono i divieti agli spostamenti ma non le sanzioni – Il Sole 24 ORE

Spread the love
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •