Appalti alla Asl di Benevento, per Nunzia De Girolamo chiesta condanna a 8 anni: «Sono devastata, non ho fatto nulla»

Appalti alla Asl di Benevento, per Nunzia De Girolamo chiesta condanna a 8 anni: «Sono devastata, non ho fatto nulla»

2 Ottobre 2020 0 Di Luna Rossa

Appalti alla Asl di Benevento, per Nunzia De Girolamo chiesta condanna a 8 anni: «Sono devastata, non ho fatto nulla»

La richiesta di condanna a otto anni e tre mesi nel processo sui fatti del 2012: «Avessi ucciso una persona me la sarei cavata con richieste minori. Ora spetto fiduciosa la sentenza»

di Tommaso Labate

«Come sto? E come sto dopo una richiesta di otto anni e tre mesi di carcere per una vicenda come questa? Anche se non ho fatto nulla di cui avere paura, sono devastata solo a leggere la richiesta del pubblico ministero. Si rende conto di quanto sono otto anni e tre mesi? Avessi ucciso una persona me la sarei cavata con richieste minori…L’assassino di Vannini al primo processo di appello aveva preso cinque anni…», dice agli amici.

Sono ventiquattr’ore che Nunzia de Girolamo rifiuta qualsiasi richiesta di intervista. Oltre il «non parlo, su questa vicenda sono stata zitta per otto lunghi anni difendendomi nel processo e non dal processo», l’ex ministra dell’Agricoltura non va.

 

Eppure, facendo una ricognizione delle confidenze fatte agli amici dopo che la giornata di ieri si era chiusa in modo inaspettatamente drammatico per lei – una richiesta a otto anni e tre mesi di carcere per la vecchia vicenda della Asl di Benevento, arrivata a sorpresa dopo le precedenti richieste di archiviazione – viene fuori il ritratto di una donna che si dice, appunto, «devastata».

Dal drammatico confronto con gli avvocati dopo la requisitoria di ieri, viene fuori innanzitutto la sorpresa. «È stato specificato anche dall’accusa», ha sorriso amaramente De Girolamo, «che non ho agito per utilità personale. La stranezza è che sia stata messa sotto accusa dentro una requisitoria che punta il mirino sulla politica. Parliamo di fatti che risalgono al 2012, che avrebbero dovuto avere degli effetti alle elezioni del 2013, dove ero candidata. Ma mica c’erano le preferenze; erano elezioni col listino bloccato del vecchio Porcellum, sarei stata eletta in qualsiasi caso….».

A sorreggere la richiesta di otto anni e tre mesi non ci sono, ha spiegato l’ex ministra agli amici, le testimonianze avverse, neanche quelle dell’accusa. La registrazione della chiacchierata in cui diceva che «un minimo di comando ce l’abbiamo», riferendosi a un ospedale di Benevento e in generale alla Asl, quella sì. «Ricevetti quelle persone a casa perché avevo avuto una crisi post-parto e stavo allattando mia figlia», ha ricordato la de Girolamo nelle ultime ore. «Chi ha registrato la conversazione era venuto a casa mia con l’intento di portare la conversazione dove voleva lui. Una specie di agente provocatore all’americana, anche le leggi italiane non lo prevedono affatto. E ancora: l’accusa non ha fatto alcun riferimento al dossier di cui alcuni giornalisti hanno parlato nel processo e di come avevano provato a dare ai giornali le registrazioni per distruggermi, prima di darle alla procura. Importanti pm si sono lamentati per il Trojan e invece hanno consentito registrazioni in casa di un politico perché venissero poi usate dagli avversari politici».

E ora? «Anche se sono giudici a decidere sulle richieste di altri giudici, io attendo fiduciosa la sentenza», ribadisce l’ex ministra. Qualcuno le ha anche chiesto se lo slittamento del suo annunciatoprogramma sulla Rai, Ciao Maschio!, possa protrarsi ancora o trasformarsi in una cancellazione. «Macché», ha risposto lei. «È sempre stata una questione di palinsesti. Visto che la Carlucci chiude molto tardi conBallando con le stelle, essendo la mia una trasmissione della seconda serata del sabato, avevamo deciso la data del 19 dicembre dopo la fine del programma di Milly».

Sorgente: corriere.it

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •