Torino, ci sono anche le mamme al presidio per gli studenti antifascisti arrestati sostenuti da ZeroCalcare – la Repubblica

Torino, ci sono anche le mamme al presidio per gli studenti antifascisti arrestati sostenuti da ZeroCalcare – la Repubblica

4 Settembre 2020 0 Di marco zinno

Ci sono anche alcune mamme al presidio davanti al tribunale di Torino organizzato per chiedere la libertà dei giovani arrestati per gli scontri tra antifascisti e polizia dello scorso febbraio: “L’Italia è un Paese antifascista, i nostri figli hanno solo protestato contro chi non ha mai rinnegato il fascismo e per questo oggi sono costretti a subire misure cautelari ingiuste, che limitano la loro libertà”, dice Lorena Sancin, mamma di Nicola, uno dei 31 ragazzi destinatari delle misure cautelari decise dopo i tafferugli al campus Einaudi di Torino, in occasione di un evento sulle foibe organizzato da alcune sezioni dell’Anpi sul “Fascismo, colonialismo e foibe” ospitato nelle sale dell’università con la contestazione del Fuan, l’organizzazione studentesca di destra.

Al presidio ci sono circa cento militanti di collettivi universitari antifascisti, No Tav e centro sociale Askatasuna manifestano davanti al Palagiustizia di Torino in occasione dell’udienza al Tribunale del Riesame nei confronti dei 32 denunciati, 19 dei quali colpiti da misure cautelari. “Libertà per gli antifascisti” è lo striscione che fa da sfondo al presidio.

L’appello di Zerocalcare per gli antifascisti torinesi arrestati: “Liberateli”

“L’antifascismo – continua Sancin – è una delle regole del gioco democratico e chi non accetta quelle regole non ha diritto a giocare. Gli spazi concessi al Fuan sono illegittimi, perchè loro in un modo o nell’altro hanno sempre inneggiato al Ventennio”. Nei giorni scorsi anche il fumettista ZeroCalcare e l’attore Moni Ovadia avevano lanciato appelli pubblici per chiedere che gli studenti vengano liberati.

Sorgente: Torino, ci sono anche le mamme al presidio per gli studenti antifascisti arrestati sostenuti da ZeroCalcare – la Repubblica

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •