“Forestali che lavorano a chiamata, pochi mezzi e la mano della mafia”: ecco perché in Sicilia i roghi devastano le riserve. Ogni anno – 

“Forestali che lavorano a chiamata, pochi mezzi e la mano della mafia”: ecco perché in Sicilia i roghi devastano le riserve. Ogni anno – 
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot

Da Palermo a Trapani, da Catania e Messina un’ampia area dell’isola è bruciata negli ultimi giorni di agosto: ormai una consuetudine che si ripete ogni estate nei giorni di forte scirocco. Le procure di Palermo e Trapani hanno aperto fascicoli per iincendio boschivo con l’aggravante prevista in caso di incendi in aree protette, mentre gli ambientalisti accusano: “Il sistema antincendio è con tutta evidenza fallimentare”. Gaetano Guarino, storico funzionario della Forestale: “Contiamo 400 uomini, poi ci sono 19 mila operai, ovvero persone che lavorano solo per qualche mese o per qualche giorno”. Sullo sfondo l’accusa: “Vogliono dare la gestione delle riserve ai privati”

Sorgente: “Forestali che lavorano a chiamata, pochi mezzi e la mano della mafia”: ecco perché in Sicilia i roghi devastano le riserve. Ogni anno – Il Fatto Quotidiano

Spread the love
seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot

Luna Rossa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguiteci su Telegram https://t.me/NuovaresistenzaBot
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: