Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Regione Lombardia, salta il direttore della Sanità Luigi Cajazzo

Gestione dell’emergenza Covid: via Cajazzo, arriva Marco Trivelli. Ospedale in Fiera a zero pazienti

Simona Ravizza

Il governatore Attilio Fontana li avvisa a uno a uno ieri in tarda serata. In Lombardia, c’è un cambio ai vertici della Sanità. Luigi Cajazzo, 51 anni, l’ex poliziotto della Mobile di Lecco seduto sulla poltrona di direttore generale dal maggio 2018, viene spostato. È una decisione che segna la volontà di un cambio di passo nella regione più colpita dal Covid-19 (e dalle polemiche). Al timone arriva Marco Trivelli, 56 anni, manager storico della Sanità lombarda, con esperienza in grandi ospedali come il Niguarda di Milano e dal 2018 i Civili di Brescia. È un volto della scuola ciellina cresciuta nel ventennio di Roberto Formigoni e del dg Carlo Lucchina.

Luigi Cajazzo
Luigi Cajazzo

Al momento non commentano la scelta né Fontana né l’assessore alla Sanità Giulio Gallera (che ancora alla fine della scorsa settimana negava avvicendamenti in vista), ma i ben informati non hanno dubbi: «La decisione è stata assunta per rafforzare la squadra che guida la direzione generale della Sanità e dare nuova linfa alla macchina organizzativa per attuare la delicata Fase 3 dell’emergenza Covid».

Le sfide sono complesse. Prima tra tutte, quella di recuperare il rapporto con i medici di famiglia logorato da anni ma che s’è aggravato durante la pandemia: non c’è dubbio che la sorveglianza epidemiologica sul territorio abbia fatto acqua contribuendo alla diffusione dei contagi.

Il governatore Fontana, in un’intervista al Corriere, due giorni fa, ammetteva: «Volete un mea culpa? Probabilmente negli ultimi anni abbiamo trascurato i medici di famiglia. A settembre lanceremo un importante piano d’azione a loro dedicato. Sono il primo presidio sanitario delle nostre comunità e lo renderemo più forte». Senza dubbio Trivelli dovrà essere il fautore di questa linea.

Altro fronte, non meno delicato: attualizzare il modello di funzionamento delle case di riposo, dove il coronavirus è dilagato con un numero spaventoso di decessi (quasi 1.300 solo a Milano). E chissà se Trivelli sarà anche in grado di ridare una nuova immagine a una macchina organizzativa che, seppure tra mille sforzi, è uscita ammaccata dall’emergenza Covid-19. Tra le difficoltà sui tamponi, l’operazione-boomerang dell’ospedale in Fiera (costato 21 milioni di euro di donazioni dei cittadini e da quattro giorni a pazienti zero) e — non meno importante — il rapporto con la Sanità privata accreditata da rimettere al passo con i tempi. Certo, la politica in tutto ciò dovrà giocare la sua parte. Non sono solo questioni tecniche. Luigi Cajazzo, che durante la gestione del Covid-19 è stato colpito dal virus passando giorni difficili ma lavorando senza sosta, diventerà vice segretario generale della Regione, con delega all’integrazione socio-sanitaria. Ai Civili di Brescia arriverà, invece, Massimo Lombardo, il dg che ha gestito l’epidemia dalla trincea del Lodigiano.

Sorgente: Regione Lombardia, salta il direttore della Sanità Luigi Cajazzo

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.