Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Il piano Lamorgese: come cambieranno i decreti sicurezza | Rep

La trattativa I 5S divisi. Brescia: “Bisogna andare oltre i rilievi del Colle”. Pronta la riforma della cittadinanza

di Alessandra Ziniti

Via le maximulte alle Ong e le confische delle navi umanitarie, ampliamento delle protezioni speciali, ricostituzione del sistema di accoglienza diffusa, ripristino della tenuità del fatto nel reato di oltraggio e violenza a pubblico ufficiale. Si riparte da qui per arrivare – su quelli che sembrano punti di caduta accettabili dalle diverse anime della maggioranza – alla modifica dei decreti sicurezza, “fiore all’occhiello” dei quindici mesi di Salvini al Viminale.

“Nessuna fibrillazione. Ne ho letto solo sui giornali. Io ero in Consiglio dei ministri quando se n’è parlato. Ora siamo usciti dalla fase acuta, stiamo già lavorando sui decreti sicurezza, è nei punti del programma di governo”, rassicura il premier Conte nel giorno in cui in Libia 12 persone muoiono in un naufragio.

La ministra dell’Interno Luciana Lamorgese è pronta a tirare le fila del lavoro fatto dagli uffici legislativi del Viminale tenendo dritta questa barra: i due decreti vanno riscritti separando immigrazione e sicurezza in due provvedimenti, andando oltre le osservazioni del presidente della Repubblica ma senza disconoscere i punti cardine ai quali i 5Stelle, nel primo governo Conte, hanno dato il loro convinto assenso. In più, sul tavolo di maggioranza che potrebbe tornare a riunirsi già la prossima settimana, il Viminale è pronto a presentare altre due proposte capaci di risolvere grosse criticità: riportare da 4 a 2 anni i termini per la risposta dello Stato sulla cittadinanza e ripristinare l’iscrizione all’anagrafe per i richiedenti asilo.

Il Pd e Leu spingono, il M5S frena, l’ala del Movimento che fa capo a Roberto Fico, in testa il presidente della Commissione affari costituzionali Giuseppe Brescia, media: “Modificare i decreti sicurezza rientra nell’accordo stipulato al varo del governo giallorosso. Se non ci fosse stata di mezzo la pandemia si sarebbe già fatto – dice Brescia – Si deve andare oltre le osservazioni del Capo dello Stato. Eravamo già tutti d’accordo, da Conte al ministro Lamorgese”.

Si parte dai rilievi di Mattarella: via le maximulte fino a un milione di euro e la confisca delle navi per le Ong che dovessero violare le regole. Ma le sanzioni non spariscono, si torna alla prima versione: da 10 a 50.000 euro. Nell’attesa che l’Europa si decida a varare quel pacchetto di proposte che, oltre alla riforma del regolamento di Dublino e alla ricollocazione obbligatoria dei migranti salvati in mare, prevede un codice di condotta europeo che assegni agli Stati di bandiera la responsabilità delle condotte delle Ong.

Impensabile tornare alla protezione umanitaria che copriva il 25 per cento delle richieste di chi non aveva diritto allo status di rifugiato: si va verso l’ampliamento della protezione speciale comprendendo tutti coloro che hanno subito trattamenti disumani. E poi il ripristino degli Sprar, l’accoglienza diffusa che – facilitava l’integrazione nei territori.

Correzioni di rotta urgenti perché l’emergenza Covid ha garantito finora un tetto a migliaia di persone, i nuovi invisibili figli dei decreti sicurezza, che ad agosto si ritroveranno in strada, fuori dai centri, senza permesso e senza sanità.

Sorgente: Il piano Lamorgese: come cambieranno i decreti sicurezza | Rep

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.