Milano, Navigli affollati all’ora dell’aperitivo: «Così si rischia di tornare alla fase 1»

Milano, Navigli affollati all’ora dell’aperitivo: «Così si rischia di tornare alla fase 1»

8 Maggio 2020 0 Di Luna Rossa

Milano, Navigli affollati all'ora dell'aperitivo: «Così si rischia di tornare alla fase 1»

Centinaia di giovani sui canali per la riapertura di bar e chioschi che vendono birre da asporto

di Stefano Landi

I Navigli presi d’assalto. Centinaia di giovani che riscoprono lo struscio sui canali, : in alcuni casi dimenticando protocolli di sicurezza, distanziamenti, a volte persino le mascherine. Approfittando della riapertura di bar e chioschi che vendono birra d’asporto, è successo ieri all’ora dell’aperitivo. Le trasgressioni di massa sono però destinate a ripetersi, con ogni probabilità, anche nei giorni a venire.

Tra le immancabili polemiche sui social network e i ripetuti inviti delle autorità: così non si può andare avanti, si rischia di tornare alla Fase 1. I timori, neanche a dirlo, sono soprattutto legati all’imminente weekend. (Qui l’intervista al presidente della Regione, Attilio Fontana: «È il momento più delicato, vedo tanta gente in giro»).

Più o meno lo stesso discorso va poi ripetuto per le aree gioco dei bambini, prese d’assalto in questi ultimi giorni nonostante i divieti. Tanto che il sindaco Beppe Sala ieri, intervistato dalla trasmissione Iceberg di Telelombardia, ha annunciato la svolta: «Oggi avvieremo la sanificazione di tutte le aree, con un duplice risultato, allontanare un po’ di gente dai parchetti e pulire scivoli e altalene».

Ma non si può più, come molti fanno, scaricare le colpe sui bambini e sulla loro tendenza a socializzare senza considerare l’ipotesi del metro. Gli assembramenti più frequenti sono nei parchi del centro: piccoli e comodi. Sempione, Biblioteca degli Alberi, Giardini Pubblici, per dirne alcuni. Il senso è che la gente si è riversata sotto casa. La linea sarebbe invece quella di sollecitare un esodo verso quelli più periferici, che hanno il vantaggio di essere più grandi.

Il Corriere ha una newsletter sul coronavirus e la fase 2. È gratis, ci si iscrive qui

La delega al rispetto delle regole nel verde, decisa durante l’ultima riunione in Prefettura prima della fine del lockdown, spetta ai vigili, che stanno ricorrendo per ora a del sano buon senso, invitando a colpi di ramanzine a non violare i divieti. Solo per i casi più critici è previsto il rinforzo di polizia e carabinieri, che però in questi primi 4 giorni non sono mai intervenuti. Questo significa che la situazione è ancora sotto la soglia di allerta.

A Milano ormai fa caldo (finalmente, anche in ottica guerra al virus), ma questo ha coinciso con la fine delle misure restrittive. Perché se è vero che tutti hanno messo il circoletto rosso sul calendario alla data 18 maggio, sognando nuove aperture, la beffa sarebbe in una Milano meno verde e di nuovo chiusa a chiave. In attesa del mare quello vero, ieri ha riaperto anche l’Idroscalo: un migliaio tra runner, ciclisti, monopattini e soprattutto pescatori ha celebrato un altro pezzo di normalità che, se pur nel rispetto del distanziamento sociale, torna alla vita di tutti i giorni.

E da oggi, come stabilito nella nuova ordinanza regionale, saranno consentite le attività sportive individuali all’aria aperta negli impianti sportivi: si potrà giocare a golf, fare equitazione, canoa, tennis o arrampicata sportiva: ma si arriva già cambiati e le docce si fanno a casa.

Sorgente: corriere.it

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •