Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

20 MAGGIO: MOBILITAZIONE PER IL RISCATTO E LA DIFESA DEI DIRITTI DEI LAVORATORI | Potere al Popolo

L'immagine può contenere: 1 persona, in piedi, scarpe e spazio all'aperto

20 MAGGIO: MOBILITAZIONE PER IL RISCATTO E LA DIFESA DEI DIRITTI DEI LAVORATORI

A 50 anni dallo Statuto dei lavoratori, siamo in piazza accanto all’Unione Sindacale di Base in tutta Italia e di fronte a Montecitorio contro il nuovo patto sociale di Confindustria, Governo e CgilCislUil che rappresenta una nuova ipoteca sul futuro delle classi popolari e delle giovani generazioni di questo paese, le future vittime dell’inesorabile crisi sociale ed economica.

Da troppi anni abbiamo assistito allo smantellamento progressivo dei diritti sociali, alla privatizzazione e alla liberalizzazione dei servizi e dei settori strategici, ai tagli drastici e alla mancanza di finanziamento sul welfare pubblico, sul diritto alla casa e il diritto allo studio, tutto in nome dei diktat UE.

Ci ricordiamo di come la crisi economica del 2008 è stata gestita affossando il potere contrattuale dei lavoratori e inculcando alle nuove generazioni l’idea che per farcela bisogna accettare la competizione sfrenata, la precarietà, la flessibilità , l’emigrazione forzata all’estero..tutto edulcorato dal mito dell’autoimprenditorialità!

La crisi sanitaria da Covid-19 ha però messo in luce tutti i limiti di un sistema che non sa garantire una vita degna alle persone.
È un pezzo di paese si sta organizzando per ribaltare l’esistente: dallo sciopero per gli affitti, alle proteste nelle carceri, agli scioperi nelle fabbriche fino allo sciopero dei braccianti che si terrà domani.

Soprattutto per noi giovani oggi non c’è niente da festeggiare ma tutto da conquistare!

Non pagheremo ancora una volta noi i costi di questa crisi!

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.