LE CONCLUSIONI DOPO UN MESE DI LOCKDOWN, QUANDO FINIRA’

6 Aprile 2020 0 Di marco zinno

di Samantha Comizzoli – 4 aprile 2020

Dai dati del WHO (Organizzazione Mondiale della Sanità):
3 marzo: in Italia ci sono 2.502 casi covid, 80 morti. Di questi, 28 morti e 466 contagi nelle ultime 24 ore.
20 marzo: (ovvero a metà strada di questo passato mese): in Italia ci sono 47.021 casi di covid, 4.032 morti. Di questi, 625 morti e 5.986 contagi nelle ultime 24 ore.
3 aprile: in Italia ci sono 115.242 casi covid, 13.917 morti. Di questi, 760 morti e 4.668 contagi nelle ultime 24 ore.
Da giorni i gestori di questa situazione, ci stanno parlando di miglioramento/stallo/picco. I numeri vengono, pertanto, interpretati da chi li cita, così tante volte quante sono le interpretazioni del virus. Impossibile far luce sul reale numero dei contagiati perchè ad oggi in Italia non sono stati eseguiti i tamponi a tutta la popolazione. Impossibile, altresì, sapere il reale numero dei morti, perchè ad oggi in Italia non sono stati fatti i tamponi post mortem a tutti i cadaveri, non sono state verificate le condizioni dei pazienti deceduti e nessuno ha potuto salutare i propri cari perchè è tutto in mano ai gestori della situazione (governo, esercito, medici, protezione civile).
A tutta questa totale mancanza di riscontri, bisogna aggiungere le false notizie divulgate proprio dai “professionisti dell’informazione” (per citare lo slogan pubblicitario di mediaset).
Per fare un esempio, e forse l’esempio più lampante: la situazione a Bergamo. Migliaia di morti per il covid 19. Io non voglio metterlo in dubbio, però…. nel momento in cui vengono divulgate notizie false dai gestori della situazione, permettetemi che inizio a dubitare su tutto. Ben tre notizie false e smascherate su Bergamo, al momento:
1) le immagini delle bare messe in fila per i morti di Bergamo; in realtà erano i migranti morti in mare a Lampedusa.
2) La cassiera del supermercato morta per covid; in realtà era morta d’infarto e non le è mai stato fatto il tampone.
3) Il video dei cadaveri dentro ai sacchi neri della spazzatura; in realtà è un video dall’Ecuador dove le agenzie funebri si rifiutano di prendere i cadaveri.
Insomma, proprio Bergamo…che ha come Sindaco Giorgio Gori…. avere delle sviste così, su fatti così importanti. Per chi non lo ricordasse, Giorgio Gori è giornalista e uno dei più grandi produttori televisivi in Italia (e anche all’estero, Spagna soprattutto); ex direttore di Canale 5 ed Italia uno. Sposato con Cristina Parodi.
Mica i giornalisti della Gazzetta dello Sport! Anzi, diciamo che in un momento storico dove la comunicazione televisiva è tutto, Gori ha lo scettro in mano.
Devo dire che la stessa cosa e con la stessa tempistica, è avvenuta in Cina ed altrove. Una marea di video e foto false. (Tenete a mente quest’ultima cosa).
Ecco, per le tre notizie false che ho riportato sopra, ed altresì per altri video che (saranno i miei occhi) ho interpretato come falsi, ma dei quali al momento non ho le prove…. Io non posso credere nemmeno ad una parola divulgata dai “professionisti dell’informazione” alias co-gestori di tutta la situazione (medici, oms, protezione civile, esercito). E lo scrivo con un ulteriore monito: sono loro che si lamentano della quantità di fake news, ma la colpa del credito della gente alle fake news, è proprio la falsa informazione fatta per anni dai canali ufficiali. La gente non crede più ai media che hanno mentito su Iraq, torri gemelle, strage di Bologna, etc.etc., e va a cercare altrove le notizie. Ripeto la mia posizione (che è quella di sempre): non credo ad una parola né dato.
Comunque, ad un mese dal lockdown, che ci sia stata confusione nell’informazione dei media, apposita o conseguenziale, è la meno.
Ecco invece che si da la completa fiducia ad una comunità scientifica che è fatta sì, di infermieri e medici ai quali per anni si sono affidate le nostre vite; ma è anche fatta di baroni/massoni come dirigenti, di persone come Ilaria Capua (già indagata per traffico di virus), come Burioni il mr miliardo del vaccino, come Bertolaso (non sto neanche a spiegare). Ma com’è possibile credere a fonti così? E che oltretutto TAPPANO la bocca ad altre fonti mediche?
Si da, altresì, la completa fiducia al governo. Ebbene, il nostro Governo, ha celato per mesi di aver già dichiarato da tempo e per 6 mesi lo stato d’emergenza (quando poi è venuto fuori, ha cercato di ridimensionare quell’atto); ha vietato gli spostamenti pur non dando tutti gli strumenti necessari ai cittadini per non spostarsi (soldi, lavoro da casa per tutti, servizi) e questa era una cosa da fare PRIMA di vietare gli spostamenti; ha dato potere alle guardie di sorvegliare la popolazione e sanzionarla, non di aiutarla in questo grave momento; ha ridotto ad una merda la sanità pubblica.
I tutti signori qui sopra, gestori della situazione, si stanno blindando con l’immunità (per chi già non era prevista). E sono certa, l’immunità non la stanno per applicare per i decessi negli ospedali (perchè è normale che si siano dei decessi negli ospedali), ma per ben altro.
Su questo “ben altro” pensate che io abbia in mente ad un complotto o roba simile. No, io non ho certezze né prove; ho solo la presa visione di fatti e del pensiero che elaboro.
A novembre 2019 Bridgewater Associates, il maggiore hedge found internazionale, scommetteva oltre un miliardo di dollari che i mercati azionari di tutto il mondo sarebbero crollati entro marzo.
Coincidenza?
A novembre 2019 un medico cinese lanciava l’allarme per covid.
Coincidenza?
A novembre 2019 un paziente, pare, affetto da coronavirus viene fatto “sparire” da un ospedale italiano.
Coincidenza?
Non sono più saltati fuori il paziente zero in Cina e nemmeno in Italia.
Coincidenza?
Nel centro di Wuhan c’è il laboratorio che studia coronavirus da anni.
Coincidenza?
I morti non sono visibili da nessun parente (nemmeno dietro ad un plexiglass o con altre forme di protezione). Tutto è in mano all’esercito. (Se accadesse ad un mio parente, lo pretenderei anche a costo di una denuncia o della galera).
A luglio 2020 ci sarà la scadenza dei Pandemic Bond della Banca Mondiale. Per riscuoterli serve che il Paese investitore abbia un certo numero di morti, di contagiati, di misure d’emergenza prese in un periodo contenuto.
Coincidenza?
In questo momento in diversi Paesi del mondo si sta lavorando per scoprire il vaccino per covid19. Sarà la più grande gara in materia di vaccini della storia. E, questa volta, saremo obbligati tutti a farci il vaccino vista la “pandemia” che c’è stata.
La Sanità pubblica italiana sta riscuotendo successo (l’eccellenza) sia come gradimento per il sacrificio, sia come donazioni. Anche il Governo sta raccogliendo donazioni (anche il codacons in modo poco chiaro). Anche l’OMS sta raccogliendo donazioni. Anche la protezione civile.
Eppure i dispositivi di sicurezza per gli addetti ai lavori o non ci sono o sono una presa per il culo; e noi dovremmo comprarci le mascherine che fa molto “contagion”.
Le stesse misure di contenimento, gli stessi decreti, le stesse modalità , le stesse curve e dati; sono, oggi, applicate con la medesima tempistica (anche i giorni di intervallo fra un provvedimento e l’altro) negli altri Paesi. Questo, nonostante il risultato in Italia sia stato un disastro.
Ora, scusate, ma io unisco i puntini e riconfermo ciò che avevo già scritto:
“Covid 19 è un prodotto applicato in Italia frutto di un lavoro geniale. E’ un golpe sanitario/finanziario/economico che serviva a tutto il mondo”
Non credo che all’interno di questo prodotto non ci sia un virus, credo ci sia; ma credo (non ho sufficienti elementi per poterlo dire con certezza) che il numero dei decessi in Italia sia stato gonfiato appositamente….spero solo sulla carta. Credo, pertanto, che all’interno di questo prodotto il virus ci sia, ma fa solo parte del “pacchetto” di tutto ciò che stiamo vivendo.
E’ molto più orribile di una pandemia, certo. Ma l’unico pensiero che abbiamo tutti ed ho anch’io è “come uscirne”?
Tutto quello che è accaduto, c’è perchè si vive con le paure.
Si ha paura dell’ignoto (voluta confusione nelle notizie), si ha paura delle malattie, si ha paura di morire.
Perdonatemi, ma le malattie ci sono sempre state e noi, nessuno di noi, può sfuggirgli. Qualunque esse siano. La morte…. è certo che toccherà a tutti; indipendentemente dalla ragione.
Accettiamo questi due aspetti della vita per non essere più ricattabili, per non essere più oppressi né repressi.
Vivere è molto più importante di “sopravvivere”.
Cerchiamo di conoscere di più i nemici, che non sono “gli untori”. Conoscendo di più il nemico possiamo, forse, aggirarlo (non combatterlo); ma soprattutto possiamo essere migliori di loro.
Re-inventiamo il nostro futuro, anche usando la tecnologia o tutto ciò che ci danno.
In ogni sistema di potere blindato all’inverosimile c’è sempre una falla, magari quasi invisibile, ma c’è. Da quella falla può passare un’idea o un progetto, o può passare un nuovo stile di vita che li fotte. Guardate…in fondo…ad israele…blindato con il muro, lo scudo protettivo, l’esercito più forte al mondo e tutti i sistemi di difesa che ha… Il coronavirus sarebbe arrivato anche lì uccidendo delle persone.
Se passa un virus, può passare anche la vita. Dobbiamo farcela, iniziando a vincere le paure. Finirà quando NOI lo vorremo.

di Samantha Comizzoli (4/4/2020)

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •