Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

il manifesto del 25.03.2020 – il manifesto

 

Il premier annuncia la nuova stretta: multe salate a chi esce di casa e controlli più serrati. Poi rassicura: «Emergenza fino a luglio? Speriamo di no. Non militarizzeremo il paese». Prove di pace con le regioni: «Decide il governo» ma concede margini di autonomia. I numeri di Borrelli irritano la maggioranza

Politica

Conte «ripara», la stretta c’è ma non durerà fino a luglio

Andrea Colombo

Stavolta fa una conferenza in videocollegamento. Multe fino a 3mila euro per chi sgarra. «L’uso dell’esercito proseguirà come già ora, ma senza militarizzare il Paese, le forze dell’ordine stanno già facendo benissimo il loro lavoro». «La data della fine delle restrizioni per i cittadini è quella prevista a fine gennaio ma speriamo e riteniamo anzi che saranno rimosse molto prima». Il premier ai sindacati: la porta è sempre aperta Anche alle regioni concede maggiore libertà di azione

Lavoro

«Governo non risponde». Scioperi confermati

Massimo Franchi

Oggi le 8 ore di protesta unitaria dei metalmeccanici in Lombardia e Lazio. Nessun esito dal dialogo con i ministri Gualtieri e Patuanelli, ripreso in serata. Per ora le attività «indispensabili» rimangono 80. Le richieste di Cgil, Cisl e Uil: ridurre i settori, togliere le deroghe, fermare produzione di armi

Nuova Alitalia, ancora dieci giorni per trattare su cigs e occupazione

Riccardo Chiari

Rinviata al 3 aprile la trattativa sulla proroga della cassa integrazione straordinaria. Una cigs che doveva essere per 3.960 dipendenti, ma che l’emergenza coronavirus stava facendo ievitare, nei piani del governo e del commissario Giuseppe Leogrande, fino a 6mila. Troppi secondo Filt Cgil &c, pronti a non firmare l’intesa.

Economia

Mes e Coronabonds: il conflitto tra governi tiene in sospeso gli europei

Roberto Ciccarelli

Nulla di fatto ieri all’Eurogruppo. Domani si vedono i capi di stato. Mario Centeno (Eurogruppo): “C’è ampio sostegno sul Mes con condizionalità vincolate all’emergenza nel breve termine e tornare alla stabilità”. Roberto Gualtieri: “Tra le nostre ipotesi c’è quella di usare l’emissione di eurobond da parte del Mes senza alcuna condizionalità” . Oltre alla presunta “guerra economica” dichiarata dai governi contro un virus, esiste una “guerra politica” sulla linea politico-economica da seguire oranell’emergenza e sulle conseguenze che si daranno dopo

Tardivo e coercitivo, arriva il lockdown di Johnson

Leonardo Clausi

Anche la Gran Bretagna, dopo un lugubre balzo in avanti di 87 i decessi a ieri raggiungevano quota 422, mentre i casi confermati superavano gli 8mila, si è data una tardiva mossa verso il lockdown

Internazionale

«Sul virus il governo di Mosca ha diffuso solo menzogne»

Yurii Colombo

Ci stanno nascondendo molte cose, continuano a dire bugie. Come quella di sostenere che abbiamo del personale adeguato per affrontare la crisi e fornito di tutte le protezioni. Ma questo non è vero e lo sanno i nostri governanti per primi. Stiamo facendo la massima pressione in queste ore su tutte le istituzioni perché i lavoratori della sanità vengano protetti adeguatamente

La missione impossibile: evitare contagi in Yemen

Chiara Cruciati

A cinque anni esatti dall’inizio della guerra guidata dall’Arabia saudita, il sistema sanitario del paese è del tutto impreparato ad affrontare l’epidemia, già debilitato da colera e malnutrizione e con metà degli ospedali fuori uso

COVID-19

In Ohio e Texas aborto vietato: «Non essenziale»

Marina Catucci

I due Stati ne approfittano per impedire le interruzioni di gravidanza: mille dollari di multa, 180 giorni di carcere. Intanto Trump vuole già riaprire tutto: «La quarantena non è sostenibile». New York insorge

Cultura

Il Dantedì si trasforma in festival

Redazione cultura

25 marzo: la giornata dedicata all’Alighieri recentemente istituita dal Mibact, sarà celebrata al Parco del Colosseo con letture di attori che ripercorrono quei luoghi antichi e le loro memorie, agli Uffizi con i quadri danteschi e dagli italianisti con una serie di iniziative per le scuole e gli atenei. E il prossimo anno, una rassegna alla Basilica di Massenzio

Su Telegram si raccontano mondi

Francesca Del Vecchio

«Le Storie al telefono».: come nasce in una notte un’iniziativa di condivisione con i podcast di romanzi e novelle letti dagli utenti. Tra loro ci sono insegnanti, attori, giornalisti, ricercatori, musicisti, psicologi, fotografi. Ma anche operatrici di call center e telelavoratori del settore turistico

«Essere scuola», cercando anche una nuova empatia

Assia Petricelli

Ho impartito istruzioni tecniche a madri che mi hanno raccontato che hanno più figli da seguire e che in casa non c’è un computer per ciascuno, che non riescono a star dietro a comunicazioni che si susseguono ad ogni ora, a piattaforme che si moltiplicano

Dove finisce la notte una misura della luce

Claudia Bruno

Viaggi nel buio, tra memoir e saggi dentro e oltre la paura dell’oscurità. Un itinerario condotto attraverso le opere di autrici come Christiane Ritter, Sigri Sandberg e Nina Edwards. L’immaginario collettivo racconta anche il precipizio sul regno dei morti come spiega Carlo Ginzburg nella sua «Storia notturna»

Editoriale

Facciamoci dare i dati della rete

***

Senza la collaborazione degli OTT e delle piattaforme brancoliamo nel buio e il virus è incontrollabile. L’appello dei giornalisti per mobilitare i data base del paese: la viralità della rete contro la viralità dell’epidemia

Commenti

Il periodo di crisi evidenzia il ruolo del terzo settore

Raffaele K. Salinari

Questo è infatti il momento di far valere i valori che sostengono i progetti di cooperazione internazionale, il senso profondo e concreto delle enunciazioni di principio che trovano proprio nell’impegno straordinario la loro normalità

Paese chiuso, fabbriche d’armi aperte

Mao Valpiana*, Francesco Vignarca **

È evidente a tutti (tranne che a certi manager e a certi politici): abbiamo bisogno di caschi per la respirazione ventilata, non di caschi per i piloti degli F-35. Abbiamo bisogno di posti letto di terapia intensiva, non di posti di comando nelle caserme

Sorgente: il manifesto del 25.03.2020 – il manifesto

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adversing