il manifesto del 15.03.2020 – il manifesto

il manifesto del 15.03.2020 – il manifesto

15 Marzo 2020 0 Di Luna Rossa

I dipendenti di tutte le categorie lasciate senza protezione sanitaria alzano la voce. Dopo una notte di trattativa e 18 ore di scontro con gli industriali, ottengono un protocollo per il rispetto delle più elementari misure di sicurezza. E 4 miliardi di ammortizzatori sociali

LOMBARDIA

Sanità lombarda allo stremo. Fontana arruola Bertolaso

Andrea Capocci

Mancano i posti letto. L’ex capo della protezione civile coordinerà l’apertura di un nuovo ospedale. Sempre più gli operatori sanitari contagiati: polemica Gallera-Borrelli sulle mascherine. Ma il problema sono le frontiere chiuse. Reclutati medici da Cina, Cuba e Venezuela

Rubriche

Lo smart working dell’edicolante sociale

Mariangela Mianiti

In questi giorni Giancarlo è stato travolto dai dubbi dopo che un cliente ha parlato per dieci minuti di virusss e Ssssalvini sputacchiando su tutto. Così ha scritto ai suoi clienti

OGGI LE MUNICIPALI

Municipali francesi, mentre scatta la terza fase

Anna Maria Merlo

Il primo ministro Edouard Philippe annuncia la chiusura di tutti i luoghi pubblici “non essenziali”, ma il virus non ferma il voto. Parigi potrebbe confermare Hidalgo, Macron punta su Lione. Mentre il Covid-19 è già entrato in carcere, contagiato un detenuto di Fresnes

Europa

La Danimarca chiude, in Svezia poche misure

Roberto Pietrobon

Il governo di Stoccolma non prende provvedimenti, nonostante la carenza strutturale di personale sanitario, in particolare di quello medico. Copenaghen si attrezza e sospende Schengen

Il coronavirus mette l’Iran in ginocchio

Michele Giorgio

I decessi sono saliti in un giorno da 514 a 611, mentre i contagi sono cresciuti da 11.365 a 12.729. La situazione più grave è a Tehran. Rohani rivolge appello ai leader regionali e internazionali a prendere misure collettive

La Siria nove anni dopo: «Fuga di massa, mancano gli aiuti»

Chiara Cruciati

Intervista a Carlotta Sami, portavoce dell’Unhcr: «Solo il 9% dell nostro lavoro è coperto. Dall’inizio del 2020 abbiamo distribuito aiuti con attraversamenti di confine a 180mila persone, ma il nostro accesso alla popolazione è limitato e discontinuo»

Visioni

Sam Lee, il potere magico della natura

Paola De Angelis

Il musicista folk inglese racconta il suo terzo disco, «Old Wow», ispirato dall’incontro con una poiana. All’album partecipa anche la gipsy 93enne Freda Black, memoria storica delle canzoni cantate dalla sua famiglia

L’Ultima

Torna il Muro di Gorizia

Marinella Salvi

La Slovenia chiude i confini con l’Italia per il Coronavirus: ferrovie interrotte, aperti solo sei valichi presidiati. Tir bloccati da Ungheria e Croazia, ma Fedriga minaccia crisi diplomatica con Lubiana

L’esordio al romanzo di Aroa Moreno Durán

Gennaro Serio

Figlia di un comunista attivo nella guerra civile, Aroa Moreno Durán ambienta il suo esordio nella Berlino est tra gli anni Cinquanta e Settanta, dove la protagonista vive il suo Bildungsroman: «Cose che si portano in viaggio», da Guanda

Infilzare il pescecane: controcanto al Paese

Graziella Pulce

I racconti 1963-2008 di Luigi Malerba, ora in un «Oscar» a cura di Gino Ruozzi, tessono un discorso civile che oppone il comico (e il tragico) all’ipocrisia e al conformismo del potere

Cara Lucania, anni selvaggi e meravigliosi: il ritorno di Sinisgalli

Enzo Di Mauro

Gli Oscar rilanciano la figura e l’opera dell’ingegnere intellettuale di Montemurro: se i “Racconti” precipitano nel paesaggio povero e dignitoso dell’infanzia e adolescenza, “Furor mathematicus” è come un edificio dell’immaginazione in cui s’intrecciano varie discipline

Simonino e l’accusa del sangue

Massimo Romeri

Arte e antisemitismo: la mostra sul culto del piccolo Simone, la cui morte violenta, nel secondo Quattrocento, fu imputata ai riti pasquali ebraici

Charlotte Salomon, storyboard del dolore

Giorgio Villani

Il fluviale racconto figurato (tempere e testi) con cui l’artista ebrea berlinese, poi morta a Auschwitz, mette in scena, in terza persona, il suo tragico destino

Vivere in un eterno loop

Mario Francesco Simeone

Atkins, Francesconi, Georgiou, Philipsz, Kjartansson, Spooner, Weerasethakul: sette artisti per raccontare lo scorrere del tempo su se stesso, e cantarci su con le note della canzone di Trenet…

Sorgente: il manifesto del 15.03.2020 – il manifesto

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •