Coronavirus, l’audio WhatApps di un’infermiera terrorizza Torino: la verità dietro al vocale virale – La Stampa

Coronavirus, l’audio WhatApps di un’infermiera terrorizza Torino: la verità dietro al vocale virale – La Stampa

10 Marzo 2020 0 Di Luna Rossa

Risultato immagini per Coronavirus, l'audio WhatsApp di un infermiera terrorizza Torino: la verità dietro al vocale virale

Coronavirus, l’audio WhatApps di un’infermiera terrorizza Torino: la verità dietro al vocale virale

se non riesci a vedere il video, clicca il link in fondo all’articolo

L’Asl ha aperto un procedimento disciplinare nei confronti di una infermiera dell’Amedeo di Savoia che domenica ha inviato un messaggio vocale a una conoscente, poi rimbalzato su centinaia di chat, dal quale emergeva una situazione limite rispetto al Covid-19. «La situazione è drammatica», le parole della donna nel messaggio di quasi 4 minuti. «I virologi da me dicono che Torino ha creato un focolaio autoctono, un focolaio nostro, pare leggermente diverso da quello lombardo». E ancora: «Il virus è ovunque, peggiorerà, voglio dirvi le cose come stanno perché non stanno uscendo. Non ci sono più posti in rianimazione, i mezzi pubblici sono contaminati. Noi siamo esauriti, non possiamo allontanarci dall’ospedale. Se dovessi risultare positiva non potrei neanche mettermi in mutua, dovrei restare qui a lavorare in ospedale. Una follia». Una lunga serie di informazioni e supposizioni – in parte vere ma in gran parte esagerate se non del tutto false, come la situazione al collasso dell’ospedale e la contaminazione dei mezzi pubblici – che hanno creato un forte e ingiustificato allarmismo, tanto da indurre l’Asl a intervenire. Stando a una prima ricostruzione l’audio sarebbe stato inviato a una conoscente allarmata perché in casa con un parente considerato a rischio per le sue patologie croniche.

 LEGGI ANCHE

“All’Amedeo di Savoia la situazione è sotto controllo”. Così l’ospedale smentisce il vocale che spaventa su WhatsApp

Sorgente: Coronavirus, l’audio WhatApps di un’infermiera terrorizza Torino: la verità dietro al vocale virale – La Stampa

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •