Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

L’ONU rilascia un database di aziende che operano con profitto negli insediamenti illegali in Cisgiordania-Rete italiana ISM

https://mondoweiss.net/ 12 febbraio 2020

 

Yumna Patel
Dopo innumerevoli ritardi, le Nazioni Unite hanno rilasciato il tanto atteso database di aziende che operano nelle centinaia di insediamenti illegali di Israele nella Cisgiordania occupata.

L’Ufficio dell’Alto Commissario per i diritti umani (OHCHR) ha pubblicato la lista mercoledì per la pubblicità palestinese e per la condanna israeliana.

L’elenco indica 112 imprese – 94 israeliane e 18 internazionali – che hanno legami con insediamenti illegali e sono coinvolte in una o più delle seguenti 10 attività dichiarate dall’OHCHR:

-La fornitura di attrezzature e materiali che facilitano la costruzione e l’ampliamento degli insediamenti e del muro e le relative infrastrutture;
-Fornitura di apparecchiature di sorveglianza e identificazione per insediamenti, muri e posti di blocco direttamente collegati agli insediamenti;
-La fornitura di attrezzature per la demolizione di abitazioni e proprietà, la distruzione di fattorie agricole, serre, oliveti e colture;
-La fornitura di servizi, attrezzature e materiali di sicurezza alle imprese che operano negli insediamenti;
-Fornitura di servizi e utilità a supporto della manutenzione e dell’esistenza di insediamenti, compreso il trasporto;
-Operazioni bancarie e finanziarie che aiutano a sviluppare, espandere o mantenere gli insediamenti e le loro attività, compresi i prestiti per l’edilizia abitativa e lo sviluppo delle imprese;
-L’uso delle risorse naturali, in particolare acqua e terra, a fini commerciali;
-Inquinamento e scarico di rifiuti o il loro trasferimento nei villaggi palestinesi;
-Restrizioni dei mercati finanziari ed economici palestinesi, nonché pratiche che svantaggiano le imprese palestinesi, anche attraverso restrizioni alla circolazione, vincoli amministrativi e legali;
-Utilizzo di benefici e reinvestimenti di imprese possedute in tutto o in parte dai coloni per lo sviluppo, l’espansione e il mantenimento degli insediamenti.

Secondo il consiglio, l’inchiesta iniziale è partita con un potenziale elenco di 321 società, ma alla fine è stata ridotta alle imprese elencate di seguito. Il database dovrebbe essere aggiornato ogni anno, con più aziende da aggiungere all’elenco.

Tra le aziende internazionali elencate ci sono diverse compagnie nel settore dei viaggi precedentemente note per operare negli insediamenti, come Airbnb, Booking.com, Expedia e TripAdvisor.

Nell’elenco figurano anche il produttore americano di generi alimentari General Mills e il gigante delle telecomunicazioni Motorola Inc., insieme alla società britannica JCB Ltd. che produce attrezzature per la costruzione e la demolizione.

L’alto commissario del consiglio, Michelle Bachelet, ha rilasciato una dichiarazione insieme al rapporto, dicendo che era “consapevole che questo problema è stato e continuerà ad essere molto controverso”.

“Tuttavia, dopo un ampio e meticoloso processo di revisione, siamo soddisfatti che questo rapporto basato sui fatti rifletta la seria considerazione che è stata data a questo mandato senza precedenti e altamente complesso e che risponde in modo appropriato alla richiesta del Consiglio per i diritti umani contenuta nella risoluzione 31 / 36.”

Nel 2016 il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha adottato la risoluzione 31/36, chiedendo all’OHCHR di produrre un rapporto che indaga sulle “implicazioni degli insediamenti sui diritti civili, politici, economici, sociali e culturali del popolo palestinese in tutto il territorio palestinese occupato, tra cui Gerusalemme Est.”

A causa delle forti pressioni israeliane e statunitensi, la pubblicazione del rapporto è stata ritardata di anni, con disprezzo dei gruppi per i diritti umani in tutto il mondo.

La pubblicazione del rapporto mercoledì è stata rapidamente criticata da Israele e dai suoi sostenitori. Il ministro degli Esteri israeliano Israel Katz l’ha definita una “macchia” sull’OHCHR e ha minacciato un’azione contro il consiglio da parte di Israele.

“Lo Stato di Israele non tollererà questa politica discriminatoria anti-israeliana e prenderà provvedimenti per impedire l’attuazione di questo tipo di decisioni”, ha affermato.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha definito il consiglio un “organo parziale e non influente” in una dichiarazione. “Invece di occuparsi dei diritti umani, questo organismo sta cercando di oscurare il nome di Israele. Respingiamo ogni tentativo nei termini più forti e con disgusto “, ha detto.

I palestinesi e i loro sostenitori hanno salutato il rilascio del rapporto, con il primo ministro palestinese Mohammed Shtayyeh che ha dichiarato che il governo palestinese “perseguirà legalmente le società elencate nel rapporto attraverso le istituzioni legali internazionali e attraverso i tribunali dei loro paesi per il loro ruolo nella violazione dei diritti umani “.

Il ministro degli Esteri dell’AP, Riyad Malki, ha definito la pubblicazione dell’elenco una “vittoria per il diritto internazionale e gli sforzi diplomatici al fine di prosciugare le risorse del sistema coloniale rappresentato negli insediamenti illegali nel territorio palestinese occupato”

Il movimento per il boicottaggio, il disinvestimento e le sanzioni (BDS) ha rilasciato una dichiarazione elogiando il rilascio dell’elenco come un “primo passo significativo e concreto da parte di qualsiasi entità delle Nazioni Unite verso la richiesta di rendere conto delle società israeliane e internazionali che consentono e traggono profitto dalle gravi violazioni di Israele contro i diritti dei palestinesi .

Il BDS ha sottolineato un certo numero di società e banche che sono state lasciate fuori dalla lista, come le società Hewlett Packard, Elbit Systems, Caterpillar, Hyundai Heavy Industries, Volvo, Heidelberg Cement e Cemex, ma che sono “implicitamente e irrefutabilmente parte nell’impresa di insediamento illegale di Israele. ”

“È giunto il momento per tutte le istituzioni pubbliche, i consigli comunali, le chiese, i sindacati, le organizzazioni culturali, le università, i fondi di investimento e altri per interrompere gli appalti, gli acquisti da o investire in una qualsiasi delle società sulla lista delle vergogna delle Nazioni Unite, per evitare complicità nell’impresa insediativa israeliana “, ha detto il gruppo.

Elenco delle società che operano in insediamenti illegali in Cisgiordania:

Afikim Public Transportation Ltd.
Airbnb Inc.
American Israeli Gas Corporation Ltd.
Amir Marketing and Investments in Agriculture Ltd.
Amos Hadar Properties and Investments Ltd.
Panetterie Angel
Archivists Ltd.
Ariel Properties Group
Ashtrom Industries Ltd.
Ashtrom Properties Ltd.
Avgol Industries 1953 Ltd.
Bank Hapoalim B.M.
Bank Leumi Le-Israel B.M.
Bank of Jerusalem Ltd.
Beit Haarchiv Ltd.
Bezeq, Israele Telecommunication
Corp Ltd.
Booking.com B.V.
C Mer Industries Ltd.
Café Café Israel Ltd.
Calibro 3
Cellcom Israel Ltd.
Cherriessa Ltd.
Chish Nofei Israel Ltd.
Citadis Israel Ltd.
Comasco Ltd.
Darban Investments Ltd.
Delek Group Ltd.
Delta Israel
Dor Alon Energy in Israel 1988 Ltd.
Egis Rail
Egged, Israel Transportation Cooperative Society Ltd.
Energix Renewable Energies Ltd.
EPR Systems Ltd.
Extal Ltd.
Expedia Group Inc.
Field Produce Ltd.
Field Produce Marketing Ltd.
First International Bank of Israel Ltd.
Galshan Shvakim Ltd.
General Mills Israel Ltd.
Hadiklaim Israel Date Growers Cooperative Ltd.
Hot Mobile Ltd.
Hot Telecommunications Systems Ltd.
Industrial Buildings Corporation Ltd.
Israel Discount Bank Ltd.
Israel Railways Corporation Ltd.
Italek Ltd.
JC Bamford Excavators Ltd.
Jerusalem Economy Ltd.
Kavim Public Transportation Ltd.
Lipski Installation and Sanitation Ltd.
Matrix IT Ltd.
Mayer Davidov Garages Ltd.
Mekorot Water Company Ltd.
Mercantile Discount Bank Ltd.
Merkavim Transportation Technologies Ltd.
Mizrahi Tefahot Bank Ltd.
Modi’in Ezrachi Group Ltd.
Mordechai Aviv Taasiot Beniyah 1973 Ltd.
Motorola Solutions Israel Ltd.
Municipal Bank Ltd.
Naaman Group Ltd.
Nof Yam Security Ltd.
Ofertex Industries 1997 Ltd.
Opodo Ltd.
Bank Otsar Ha-Hayal Ltd.
Partner Communications Company Ltd.
Paz Oil Company Ltd.
Pelegas Ltd.
Pelephone Communications Ltd.
Proffimat S.R. Ltd.
Rami Levy Chain Stores Hashikma Marketing 2006 Ltd.
Rami Levy Hashikma Marketing Communication Ltd.
Re / Max Israele
Shalgal Food Ltd.
Shapir Engineering and Industry Ltd.
Shufersal Ltd.
Sonol Israel Ltd.
Superbus Ltd.
Tahal Group International B.V.
TripAdvisor Inc.
Twitoplast Ltd.
Unikowsky Maoz Ltd.

Zakai Agricultural Know-how and input Ltd.
ZF Development and Construction
ZMH Hammermand Ltd.
Zorganika Ltd.
Zriha Hlavin Industries Ltd.
Alon Blue Square Israel Ltd.
Alstom S.A.
Altice Europe N.V.
Amnon Mesilot Ltd.
Ashtrom Group Ltd.
Booking Holdings Inc.
Brand Industries Ltd.
Delta Galil Industries Ltd.
eDreams ODIGEO S.A.
Egis S.A.
Electra Ltd.
Export Investment Company Ltd.
General Mills Inc.
Gruppo Hadar
Hamat Group Ltd.
Indorama Ventures P.C.L.
Kardan N.V.
Mayer’s Cars and Trucks Co. Ltd.
Motorola Solutions Inc.
Gruppo Natoon
Villar International Ltd.
Greenkote P.L.C.

Pubblicità
Mondoweiss sta assumendo!
Iscriviti a THE SHIFT, una newsletter di Mondoweiss.

Yumna Patel
Yumna Patel è la corrispondente palestinese di Mondoweiss.

Sorgente: Rete italiana ISM

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.