il manifesto del 05.02.2020 – il manifesto

il manifesto del 05.02.2020 – il manifesto

5 Febbraio 2020 0 Di Luna Rossa

Peggiorano le condizioni dei due turisti ricoverati a Roma, ma l’emergenza coronavirus resta quella delle notizie false e del razzismo. La Cina furiosa con gli Usa che seminano solo terrore. Anche la Russia alza il muro. E l’Italia è fuori dalla lista dei paesi «generosi»

Coronavirus, siamo tutti sulla stessa barca della Cina

Alberto Bradanini*

L’ex ambasciatore italiano nella Repubblica popolare spiega perché è importante sostenere Pechino nel suo impegno senza precedenti contro l’epidemia. E come la diplomazia cinese potrebbe fare uno sforzo con Taiwan

Commenti

Attenzione all’odio interiorizzato del pianeta

Nicoletta Dentico

«La sola maniera che abbiamo per sconfiggere i focolai del Coronavirus – spiega il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus – è per tutti i paesi lavorare in spirito di solidarietà e cooperazione. Questa la regola del gioco. Invece la solidarietà è assente in molti angoli del mondo»

Editoriale

Ancora un chiarimento doveroso

Tommaso Di Francesco

Verità per Giulio Regeni. Ci resta il rammarico, amarissimo e dolorosissimo, di non avere mai potuto parlare direttamente con i familiari, per spiegarci, per scusarci. Ma abbiamo un solo interesse in questo momento: senza divisioni, chiedere ad alta voce il ritiro dell’ambasciatore italiano al Cairo

Cuperlo (Pd): «Pd, per battere la destra bisogna cambiare tutto»

Daniela Preziosi

L’ex deputato: Zingaretti rompa i riti delle correnti, apra una stagione costituente. Rivendico il «metodo di Bologna»: non basta reclutare qualche esterno a patto che non disturbi gli equilibri interni Renzi indebolisce la maggioranza dall’interno. Non si alleerà in Puglia? Sarà sua responsabilità

Sky «discrimina» giornalista donna tenendola a casa

Massimo Franchi

La lavoratrice era stata ingiustamente trasferita a Milano nonostante una figlia disabile. Il giudice di Roma: volontà di estrometterla dalla redazione, il lavoro non è solo guadagno ma dignità

Caucus, «comizi» collettivi per aggregare votanti. E contarli

Marina Catucci

Le voci degli elettori dai seggi dell’Iowa tra sostenitori inamovibili e indecisi, arrivati per farsi convincere dai “capitani” sui pregi dei rispettivi candidati. E quest’anno con una possibilità in più: si può cambiare idea se il prescelto non supera il 15%

Crollo in una scuola in Kenya, morti 14 alunni

Fabrizio Floris

Edifici insicuri e punizioni corporali dietro la tragedia. Feriti altri 39 studenti. Un episodio simile si era verificato lo scorso anno a Nairobi. Nel paese, secondo una ricerca, il 76% dei bambini tra uno e 14 anni ha subito almeno una volta punizioni fisiche e psicologiche in classe

Cultura

La fine del conflitto e l’età della narrazione

Michele Prospero

30 anni dopo il crollo del Muro, la fine della sinistra, la crisi del capitalismo e l’esigenza di un nuovo socialismo. Alla rimozione dello scontro di classe è subentrata la tecnica che spoliticizza la contesa con la chiacchiera. Un estratto della relazione al convegno che si svolgerà venerdì, a partire dalle 9,30, a Villa Mirafiori a Roma

George Steiner, nella lettura critica la sua militanza

Guido Mattia Gallerani

Scomparso a 90 anni, è considerato uno dei «lettori ideali» della tradizione dell’Occidente. Anticipò molte indagini sulla permanenza dell’arte classica nei secoli fino ad oggi, ad esempio in «Morte della tragedia» e «Le Antigoni»

Visioni

La questione politica per Diodato

Cecilia Ermini

Il cantautore protagonista al festival con il brano «Fai rumore». «L’ispirazione arriva dalla vita che faccio tutti i giorni. È quasi come un flusso continuo»

La potenza free dei Broken Shadows

Luigi Onori

Il supergruppo formato da Tim Berne, Chris Speed, Reid Anderson e Dave King ha fatto il “tutto esaurito” nel suo breve tour italiano

Commenti

Le foibe al tempo del «populismo storico»

Davide Conti

La contestazione al seminario organizzato dall’Anpi esprime in modo visibile l’emersione di un fenomeno che le «politiche memoriali», organizzate attorno all’istituzione di leggi ad hoc finalizzate all’uso pubblico della storia, hanno finito progressivamente per alimentare fino alla sua tracimazione nel discorso pubblico

Parliamo di Roma, prima delle alleanze

Enzo Scandurra

La partita delle alleanze deve proporsi una volta per tutte di affrontare (se non risolvere) i ben noti mali della città. Compito tutt’altro che facile che presuppone un vasto spiegamento di forze politiche espressione reale di rappresentanza popolare, decise a contrastarli e un lavoro quotidiano lungo e faticoso, abbandonando facili proclami

Giovani attivisti contro il taglio dei parlamentari

***

La netta riduzione dei parlamentari eletti determinerebbe un danno in particolare per i territori periferici, nonché per le minoranze parlamentari, segnatamente per i piccoli gruppi. L’effetto combinato di queste dinamiche è alla fine dei conti soltanto uno: l’aumento del potere delle maggioranze al prezzo del sacrificio di quello delle minoranze

Rubriche

Referendum: non si sa, non si deve sapere

Vincenzo Vita

Siamo già nella griglia prevista dalla norma sulle pari opportunità, il che significa che i tempi concessi al Sì e al No devono essere uguali e che le personalità politiche non possono parlare del voto se non negli appositi spazi

Il proibizionismo viola il «diritto alla scienza»

Marco Perduca

Il Commento generale sulla scienza dell’Onu ricorda che le leggi e le politiche – nazionali e internazionali – devono tener conto delle più recenti scoperte perché esiste il «diritto a godere dei benefici della scienza»

Sorgente: il manifesto del 05.02.2020 – il manifesto

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •