Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Cattiveria al potere | Rep

Caccia agli untori, dagli ebrei ai cinesi: non è un caso che in questi giorni anche gli asiatici vengono fatti oggetto di sputi, minacce e offese in diverse città italiane

di Gad Lerner

Pochi lo ricordano, ma il primo ad allestire la messinscena di una spedizione punitiva sotto la residenza di una persona indicata come meritevole di pubblica persecuzione fu Matteo Salvini, nel maggio 2014. Si trattava di Elsa Fornero. “Meno male che non è in casa perché mi prudono le mani”, dichiarò minaccioso, a favore di telecamera, il futuro ministro dell’Interno. Che due anni dopo replicò l’appostamento dei suoi seguaci sotto il domicilio dell’ex ministra.

La pratica dell’intimidazione squadristica – sappiamo dove abiti, d’ora in poi non vivrai più tranquillo – trova i suoi cattivi maestri nel presente, non solo nel passato. Non possono fingere stupore se ora assistiamo al passaggio dalla violenza verbale, sparsa nei social e in tv, all’assedio fisico rivendicato come espressione di collera popolare.

La svastica abbinata alla scritta “troia negra” dietro la vetrina in frantumi nel bar di una cittadina italiana di origine marocchina, a Rezzago; la stella di Davide usata come marchio identificativo sulla porta di una ex deportata nel lager di Ravensbruck, a Mondovì; il “crepa sporca ebrea” scritto sul muro di un’abitazione di Torino: sono i richiami storici, i feticci di un’aggressività latente cui si è concessa licenza di parola; e quindi ne approfitta puntando al salto di qualità. Prendono i simboli del Male e li brandiscono in sintonia con l’auspicio diffuso della cattiveria al potere, sulla scia del plauso che riscuotono nella pubblica arena gli spacciatori del verbo trucido, presentato come voce del popolo.

Non a caso, in questi giorni, anche gli asiatici vengono fatti oggetto di sputi, minacce e offese in diverse città italiane. Trattati come untori, colpevoli di impestarci con il coronavirus che l’ignoranza e la xenofobia descrivono annidato perfino nelle cucine dei ristoranti cinesi.

C’è una componente sadica nella parodia di caccia all’uomo orchestrata intorno alla Giornata della Memoria. Confida nel piacere che può suscitare nell’animo degli incarogniti. Li lusinga con l’umiliazione dei malcapitati presi a bersaglio, vivi o morti che siano. Le imprese di questa nuova forma di squadrismo assecondano una tendenza diffusa nella società dell’incertezza, se è vero che ormai anche le fiction di maggior successo, non solo i talk show, prediligono nel ruolo di protagonisti i rough hero, che più sono infami più ci piacciono. Perché allora Hitler e i nazisti non dovrebbero ritrovare il posto che si meritano in questa allegoria di guerra sociale, etnica e culturale, per il momento (ma fino a quando?) ancora incruenta?

“C’è tanta omertà in giro, sembra quasi che sia colpa mia se mi hanno distrutto il bar”, ha detto sconsolata Madiha, colpevole di non essere una bresciana autoctona. Mentre la torinese Maria per ora ha deciso di non cancellare la scritta antisemita per ricordarci che “la storia antica a volte ritorna”.

Ci ha messo una settimana Facebook per decidersi a rimuovere il video della citofonata bolognese di Salvini, contornato da giornalisti sorridenti che lo scambiavano forse per un genio della comunicazione anziché incalzarlo come propagandista dell’odio. Il guaio è che i partiti dell’estrema destra hanno imparato a usare l’espediente retorico di fare sfoggio dei principi liberali per rivendicare il diritto di schernire e minacciare i loro capri espiatori. Non a caso si sono battuti per l’abrogazione della legge Mancino che punisce l’incitamento all’odio razziale. Troppe volte ignorata per timore di ledere la libertà d’espressione. Col risultato che stiamo passando dalle parole ai fatti.

Sorgente: Cattiveria al potere | Rep

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adversing