Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Raggiunto In Spagna l’accordo sul programma di governo di legislatura tra Unidas Podemos  e PSOE

L'immagine può contenere: 2 persone, persone in piedi e vestito elegante

Raggiunto In Spagna l’accordo sul programma di governo di legislatura tra Unidas Podemos (Podemos, Izquierda Unida, En Comú Podem, Galicia En Común) e PSOE

Qui i 15 punti principali

1. Abrogheremo la riforma del lavoro. Recupereremo i diritti del lavoro eliminati con la riforma del 2012. In particolare, elimineremo al possibilità di licenziamento a causa delle assenze per congedo di malattia e aumenteremo fino al 60% del salario medio il salario minimo interprofessionale

2. Universalizzazione dell’accesso all’educazione infantile 0-3 anni attraverso la rete pubblica in condizioni di equità

3. Aumento delle borse di studio e riduzione delle tasse universitarie ai livelli pre-crisi

4. Miglioreremo il finanziamento del sistema di servizi per la non autosufficienza per ridurre le liste di attesa. Daremo impulso ad una riduzione drastica delle liste di attesa in tutto il territorio nazionale con l’obiettivo di ottenere una riduzione del 75% nel corso della legislatura.

5. Indicizzeremo le pensioni all’inflazione reale per legge. Aumenteremo il potere d’acquisto delle pensioni minime e di quelle non contributive ed elimineremo il fattore di sostenibilità e l’indice di rivalutazione delle pensioni sociali previste nella legge 23/2013 [che con aspettativa di vita crescente e maggior numero di pensioni erogate porta ad una riduzione delle pensioni medie, ndt]

6. Introduzione del reddito minimo vitale. Iniziando in una prima fase con l’aumento delle prestazioni per figli/e a carico per le famiglie vulnerabili, e successivamente con un meccanismo generale di garanzia di reddito per le famiglie senza entrate o con bassi redditi.

7. Freneremo l’aumento abusivo del costo degli affitti, permettendo che le amministrazioni comunali e quelle delle comunità autonome possano regolare gli aumenti abusivi nelle zone dichiarate sotto maggior pressione.

8.Regolazione urgente dei giochi d’azzardo per prevenire e frenare la ludopatia. Approveremo una regolazione dei giochi d’azzardo e delle scommesse on-line a livello statale, in modo simile a quello dei tabacchi. Eviteremo che i locali di scommesse possano aprire prima delle 22 e limiteremo la vicinanza agli istituti scolastici.

9. Approvazione della legge del cambiamento climatico e della transizione energetica. L’obiettivo è di raggiungere nel 2050 una produzione elettrica al 100% rinnovabile e tra l’85% e il 95% entro il 2040.

10. Riforma del mercato dell’energia elettrica e riduzione delle bollette. Realizzeremo i cambiamenti normativi necessari per eliminare le eccessive remunerazioni alle imprese elettriche (conosciute come “benefici caduti dal cielo”) e modificheremo le bollette con l’obiettivo di ridurre i costi fissi e e abbassarne il prezzo.

11. Maggiori coperture e contributi più giuste per i lavoratori autonomi. Si stabilirà un sistema di quotazioni sui redditi reali che garantirà maggior protezione sociale e che eviterà che i lavoratori autonomi che guadagnano meno paghino contributi eccessivi.

12. Abrogheremo la Ley Mordaza (legge bavaglio) attraverso una nuova legge che garantisca l’esercizio del diritto alla libertà di espressione e di riunione pacifica

13. Porteremo avanti una legge che garantisca l’uguaglianza retributiva tra donne e uomini, ponendo fine al divario salariale e equipareremo per legge i permessi di paternità e maternità, rendendoli uguali e non trasferibili.

14. Promuoveremo la legge per la libertà sessuale che assicuri che nel nostro paese “Solo sì è sì”, la legge LGBTI, la legge Trans e la legge di diversità familiare.

15. Riforma fiscale giusta affinché contribuisca di più chi ha di più. Si riformerà l’imposta sulle società garantendo un’aliquota minima del 15% per le grandi aziende, che arriverà al 18% per le entità finanziarie e le imprese petrolifere, riducendo il tasso per le piccole e medie imprese che fatturano meno di un milione di euro dal 25% al 23%.
Si aumenterà di 2 punti l’IRPEF per i contribuenti con redditi superiori a 130.000 euro e di 4 punti per i redditi sopra i 300.000 euro. L’imposta sui redditi da capitale sarà aumentata di 4 punti sopra i 140.000 euro.
Approveremo l’imposta sulle transazioni finanziarie e ridurremo l’IVA dei servizi veterinari e per i prodotti per l’igiene femminile.

Qui il testo completo del programma di governo https://podemos.info/coalicion-progresista/

 

Sorgente: (16) il corsaro – Ricerca di Facebook

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adversing